Giovanni Amelino-Camelia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Amelino-Camelia (Napoli, 14 dicembre 1965) è un fisico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Laureato in Fisica presso l'Università di Napoli nel 1989[1], ha conseguito il Ph.D. al Massachusetts Institute of Technology di Boston nel 1993[1]. Ha occupato diverse posizioni post-doc all'estero. Dal 2000 è ricercatore universitario presso l'Università di Roma “La Sapienza”, dove insegna "introduzione alla gravità quantistica"[2].

È uno dei principali studiosi italiani di gravità quantistica[senza fonte], ed è il proponente della relatività doppiamente speciale[3] (doubly special relativity), una teoria relativistica che si pone come evoluzione della relatività speciale di Einstein.

L'influenza di Amelino-Camelia nel campo della fisica è dovuta soprattutto al fatto che è stato il primo scienziato[senza fonte] a proporre modelli semplificati di effetti di gravità quantistica (lo studio dei regimi fisici in cui sia gli effetti dovuti alla Meccanica quantistica, sia quelli della Relatività generale non siano più trascurabili) che fossero sperimentalmente verificabili.

Nel 2008, la rivista americana Discover l'ha inserito nella lista di 6 possibili nuovi Albert Einstein in grado operare una nuova rivoluzione della fisica[3].

È membro dell'Accademia Pontaniana di Napoli[4] e del Foundational Questions Institute fondato da Max Tegmark[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Dalla sezione "CV" della home page
  2. ^ LM 2011/2012 RM1
  3. ^ a b Could the Next Einstein Be a Surfer Dude? Six iconoclasts who could revolutionize physics—again, marzo 2008
  4. ^ Elenco generale dei soci dalla ricostituzione (12 novembre 1944). A-L, dal sito dell'Accademia Pontaniana
  5. ^ Dr. Giovanni Amelino-Camelia. Project Title: Falsifiable Quantum-Gravity Theories of Not Everything, dal sito del FQXi

Libri[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 50324651