Giovanni (console 467)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni (latino: Iohannes; Epidamno, 440 circa – 482 circa) fu un politico dell'Impero romano d'Oriente.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La sua famiglia proveniva da Lychnidos. Nel 467 fu console posterior, scelto dalla corte d'Oriente, assieme a Flavio Illustrio Puseo. Tra il 467 e il 468 fu comes et magister officiorum e successivamente Prefetto del pretorio dell'Illirico (attestato nel 479), riconosciuto come amministratore giusto e protettore delle arti.

Sempre nel 479, in occasione della rivolta di Teodorico Strabone si trovava a Tessalonica, dove la sua vita fu messa in pericolo due volte: la prima dalla folla inferocita, e fu salvato dal clero e dai nobili del posto, poi da soldati ribelli, e giunse Adamanzio a salvarlo. Assieme al magister militum per Illyricum Sabiniano Magno consigliò all'imperatore Zenone di non scendere a patti con Teodorico, ma di continuare lo scontro.

Morì all'età di 42 anni. Il poeta Cristodoro gli dedicò due poemi.

Forse è da identificare col Flavio Giovanni Tommaso che fu Prefetto del pretorio d'Illirico in un periodo compreso tra il 480 e il 486.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • «Iohannes 29», PLRE I, pp. 600-601.
  • «Fl. Iohannes Thomas 13», PLRE I, p. 1115.
Predecessore
Imperatore Cesare Flavio Valerio Leone Augusto III,
Taziano (Gallia)
Console romano
467
con Puseo
Successore
Imperatore Cesare Procopio Antemio Augusto II,
(sine collega)
Bisanzio Portale Bisanzio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bisanzio