Giovanna la Mirofora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santa Giovanna la Mirofora
Morte Palestina, I secolo
Venerata da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza 24 maggio, 3 agosto e 2ª Domenica dopo la Pasqua
Attributi Ampolla contenente mirra

Santa Giovanna la Mirofora, così denominata per l'aver portato aromi alla tomba di Gesù (I secoloGalilea, I secolo), fu una delle discepole di Cristo ed è venerata come santa dalle Chiese cattolica, ortodossa e protestante.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giovanna era la moglie di Cuza, amministratore di Erode Antipa; è menzionata diverse volte nel Vangelo di Luca (Lc8,2-3;Lc24,1;Rm16,7).[1] Insieme a Maria Maddalena, e altre, era tra le più fedeli discepole del Signore. Giovanna è stata testimone privilegiata della passione del Cristo: è colei che , il mattino di Pasqua, insieme a Maria Maddalena e Maria di Giacomo, si recò sulla tomba del Cristo, portando con sé gli aromi preparati per il corpo di Gesù. Sempre secondo il racconto dell'evangelista Luca, le donne impaurite trovarono la pietra scostata dal sepolcro: il corpo di Gesù era scomparso.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Giovanna è venerata come santa da cattolici (24 maggio), protestanti (3 agosto), ortodossi (la seconda domenica dopo la Pasqua).

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Giovanna è la protagonista del romanzo di Mary Rourke, Two Women of Galilee, edito nel 2006 ed è inoltre un personaggio secondario il quello di Margaret George, Mary, Called Magdalene, edito nel 2002.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo Richard J. Bauckham e Ben Witherington III, Giovanna la Mirofora è la medesima cristiana Giunia, citata da san Paolo nella sua Epistola ai Romani (Romani, 16:7).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Richard J. Bauckham, Gospel Women (Grand Rapids, Mich.: Eerdmans, 2002), pp. 109-202.
  • (EN) Ben Witherington III, Joanna: Apostle of the Lord—or Jailbait?, Bible Review, Spring 2005, pp. 12-14+

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 23026784

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie