Giovan Battista Pacichelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovan Battista Pacichelli (Roma, 1634Roma, 1695) è stato un abate italiano della chiesa cattolica e uno storiografo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Roma da genitori pistoiesi, si laureò giovanissimo in teologia prima e in diritto poi. Nominato Protonotario Apostolico, nel 1672 venne destinato da Clemente X ad Auditore per la conferenza di pace di Colonia per far terminar le guerre in Germania. Dopo anni di viaggio, tornò a Roma nel 1677, dove fu ben accolto da Innocenzo XI e fu chiamato dalla Corte di Parma come consigliere del duca Ranuccio II. Mandato da questi nel Regno di Napoli, dove rimase per quindici anni. Girando per il regno operò studi di storiografia e di costumi. Tornato a Roma, mori nel 1695.

Fu membro della Royal Society (1674) [1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Regno di Napoli in Prospettiva (pubblicato postumo nel 1702)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Membri della Royal Society

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]