Giorno del No

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giorno del No
Tipo di festa nazionale
Data 28 ottobre
Celebrata in Cipro Cipro
Grecia Grecia
Oggetto della celebrazione rifiuto del primo ministro greco Ioannis Metaxas di lasciar entrare in Grecia il Regio Esercito
Data d'istituzione 1946
Altri nomi Anniversario del no

Giorno del No (in greco Επέτειος του Όχι anniversario del no o semplicemente Το όχι), il 28 ottobre 1940, è il giorno in cui si ricorda il rifiuto del primo ministro greco di lasciar entrare in Grecia le truppe di Mussolini.

La Grecia rappresentava un territorio strategicamente utile per contrastare l'esercito inglese. Mussolini riteneva che fosse facile riuscire a sopraffare uno stato più piccolo e per di più ritenuto disorganizzato militarmente. Nelle prime ore del mattino del 28 ottobre 1940 venne così recapitato al primo ministro greco Ioannis Metaxas, da parte dell'ambasciatore italiano Emanuele Grazzi, un ultimatum nel quale si intimava di lasciar entrare l'esercito italiano nel territorio greco per occupare determinati punti strategici con lo scopo di contrastare l'esercito inglese. Le richieste di tale ultimatum, umilianti e degradanti per la Grecia, dovevano essere accettate entro tre ore dalla ricezione dello stesso. Tre ore dopo, arrivò το μεγάλο Όχι, il grande no, con il quale la Grecia rifiutò le condizioni di tale ultimatum. L'esercito italiano, che si trovava in Albania, varcò il confine greco, subendo, contrariamente a quanto pronosticato, una pesante sconfitta.

Oggi questo giorno viene festeggiato con sfilate di ragazzi delle scuole, studenti e forze dell’esercito greco.

Emblema della 8ª Divisione di Fanteria, la prima unità ad affrontare l'invasione italiana. Il suo motto è Ohi