Giornata nera per l'ariete

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giornata nera per l'ariete
Giornata nera per l'ariete - Snapshot.jpg
Rossella Falk in una scena del film.
Titolo originale Giornata nera per l'ariete
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1971
Durata 90 min
Colore colore
Audio mono
Genere orrore, giallo, thriller
Regia Luigi Bazzoni
Soggetto David McDonald Devine (romanzo "The Fifth Cord")
Sceneggiatura Luigi Bazzoni, Mario di Nardo, Mario Fanelli
Produttore Manolo Bolognini
Casa di produzione B.R.C. Produzione
Fotografia Vittorio Storaro
Montaggio Eugenio Alabiso
Musiche Ennio Morricone
Scenografia Gastone Carsetti
Costumi Fiorenzo Senese
Trucco Vittorio Biseo, Marisa Marconi
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Giornata nera per l'ariete è un film del 1971, diretto da Luigi Bazzoni.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Andrea Bild, giornalista tutto d'un pezzo e dedito all'alcool, indaga su due fatti criminosi: l'aggressione subita da un giovane insegnante d'inglese, il prof. John Lubbock, e l'assassinio di una donna inferma, Sofia Binni, moglie di un medico. Ma poiché le sue ricerche danno fastidio a quest'ultimo, il quale è anche azionista del giornale, Andrea viene sollevato dall'incarico, ma decide ugualmente di continuare le indagini. La seconda vittima del misterioso omicida è Traversi, redattore-capo di Bild. Mentre la polizia comincia a sospettare di lui, il giornalista riceve una telefonata da Isabelle Lancia (ricca figlia di un armatore, della quale si dice sia innamorato Lubbock, ma che andrà sposa ad un collega di costui, il prof. Edouard Valmont), che gli promette interessanti informazioni. Recatosi da lei, però, Andrea la trova assassinata. Svanita anche questa traccia, Bild finisce per trovarsi in seri guai con la polizia; tanto da venir fermato, quando a venire uccisa dall'ignoto criminale è una mondana con cui egli ha avuto a che fare nel corso delle indagini. Avendo convinto il commissario a lasciargli ventiquattr'ore di tempo, Andrea riesce, dopo aver scoperto alcune coincidenze tra i vari delitti, a smascherare l'assassino e a impedirgli di commettere un quinto omicidio. Il criminale viene finalmente arrestato. È l'insospettabile Lubbock, il cui unico scopo era uccidere Isabelle, colpevole d'averlo separato dal professor Valmont, al quale era legato da un'insana relazione, per cui tutti gli altri delitti sarebbero dovuti servire soltanto a confondere la polizia.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Mentre il personaggio interpretato dall'attore Guido Alberti si trova a passare per il parco, si intravede passare un giovanotto che fischietta proprio il motivo principale del film realizzato da Ennio Morricone.
  • Il personaggio dell'astrologa-giornalista, la cui previsione: «una giornata nera per il segno dell'ariete», dà il titolo al film, sembra citare una figura realmente esistita, quella della moglie dell'attore Guido Alberti, Lucia, famosa astrologa e giornalista dell'epoca.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Cinema Italiano Database

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema