Giornata della vittoria (Paesi dell'Europa orientale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il feldmaresciallo Keitel nel momento della firma della capitolazione tedesca.

In dodici delle quindici ex repubbliche dell'Unione Sovietica, con l'eccezione degli Stati baltici, la Giornata della vittoria (in in russo: День Победы?, traslitterato in caratteri latini Den' Pobedy, a volte Den' Pobedi) viene celebrata il 9 maggio, in memoria della capitolazione della Germania nazista durante la seconda guerra mondiale (conosciuta anche come la Grande guerra patriottica in Unione Sovietica e alcuni Stati post-sovietici).

La resa fu firmata nella tarda sera dell'8 maggio 1945 (già il 9 maggio a Mosca), in seguito alla capitolazione concordata in precedenza con le forze alleate sul fronte occidentale. Il governo sovietico annunciò la vittoria la mattina del 9 maggio, dopo la cerimonia di firma avvenuta a Berlino. Tuttavia, è solo dal 1965 che la Giornata della vittoria è stata proclamata festa nazionale.

Celebrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'esistenza dell'Unione Sovietica, il Giorno della Vittoria (9 maggio) era festeggiato in tutti i paesi del blocco orientale, diventando una festa ufficiale a partire dal 1965. La guerra è diventata un tema di grande importanza nel cinema, la letteratura, lezioni di storia a scuola, i mass media e le arti. Il rituale della celebrazione gradualmente ottenuto un carattere distintivo con una serie di elementi simili: incontri cerimoniali, discorsi, conferenze, ricevimenti e fuochi d'artificio.

Nel corso degli anni '90 il Giorno della Vittoria era commemorato con le feste molto più modeste. La situazione è cambiata quando Vladimir Putin è salito al potere. Ha iniziato a promuovere il prestigio storico e culturale della Russia, le feste e commemorazioni nazionali sono diventati una fonte di autostima per il popolo. Il festeggiamento del 60 ° anniversario del Giorno della Vittoria in Russia nel 2005 è diventata la più grande festa nazionale e popolare. Ma è nel 2015 che il 70esimo anniversario della vittoria sulla Germania nazista ha dimostrato una grande ondata di orgoglio nazionale di fronte alle inedite sfide geopolitiche ed economiche. [1] 16 mila soldati russi, 1.300 militari da 10 paesi, circa 200 mezzi corazzati, 150 aerei ed elicotteri da combattimento hanno sfilato a Mosca in quella che è stata la più imponente parata della Russia contemporanea.Facendo gli onori di casa Presidente Putin, oltre al tradizionale discorso, ha annunciato un minuto di silenzio in memoria delle vittime sovietiche: 27 milioni.[2]

Paesi che celebrano Il 9 maggio come giornata della Vittoria[modifica | modifica wikitesto]

I festeggiamenti per la Giornata della vittoria a Mosca il 9 maggio 2005

Nei Paesi baltici la popolazione russa continua a festeggiare il 9 maggio, creando talvolta polemiche con il resto della popolazione[senza fonte].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nataliya Vasilieva, V-Day in Russia evokes national pride at difficult time in bigstory.ap.org, 7 maggio 2015. URL consultato il 9 maggio 2015.
  2. ^ Putin brushes off Western snub at huge WWII victory parade in www.news.yahoo.com, 9 maggio 2015. URL consultato il 9 maggio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]