Giorgio Sereni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giorgio Sereni
Giorgio Sereni.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 179 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Ritirato 1969 - giocatore
1995 - allenatore
Carriera
Giovanili
600px Rosso e Blu.png Luzzara
Squadre di club1
1954-1955 600px Rosso e Blu.png Luzzara  ? (?)
1955-1957 Reggiana Reggiana 57 (2)
1957-1963 Palermo Palermo[1] 167 (2)
1963-1969 Padova Padova[2] 187 (1)
Carriera da allenatore
1969-1970 Venezia Venezia
1970-1971 Reggiana Reggiana [3]Vice
1972-1975 Parma Parma
1977-1978 Catanzaro Catanzaro
1978-1979 Rimini Rimini
1979-1980 Foggia Foggia
1980-1981 Parma Parma
1981-1982 Rende Rende
1982-1983 Campania Campania
1983-1984 Padova Padova
1984-1985 Campania Campania
1985-1986 Salernitana Salernitana
1986-1987 Siena Siena
1988-1989 Monopoli Monopoli
1989-1990 Vigor Lamezia Vigor Lamezia
1991-1992 Giulianova Giulianova
1994-1995 Miranese Miranese
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giorgio Sereni (Luzzara, 3 settembre 1935Brescia, 6 ottobre 2010) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo terzino.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Si è spento il 6 ottobre 2010 all'età di settantacinque anni a Brescia.[4][5]

Il figlio Matteo è anch'egli calciatore e gioca nel ruolo di portiere.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Giocava come terzino.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Cresciuto nel Luzzara, squadra della sua città natale, nel 1955 passa alla Reggiana in Quarta Serie, con la quale conquista il ruolo da terzino titolare fin dalla prima stagione e ottiene una promozione in Serie C, restando con gli amaranto anche la stagione successiva. Nell'estate 1957 passa quindi al Palermo, appena retrocesso dalla Serie A.

In Sicilia, dopo un anno di apprendistato (13 presenze nella stagione 1957-1958), a partire dall'annata 1958-1959, quando disputa tutte le partite del campionato cadetto, che i rosanero chiudono al secondo posto con conseguente promozione in massima serie, diventa una delle colonne difensive della formazione palermitana, disputando tre campionati di Serie A ed altrettanti di Serie B, conquistando l'ottavo posto nella stagione 1961-1962, annata in cui Sereni realizza il primo dei due suoi gol in massima serie, nel successo interno contro l'Atalanta. Nella stagione 1961-1962 perde il posto da titolare in favore di Tarcisio Burgnich dopo un infortunio.[6]

Nel 1963, dopo la retrocessione in Serie B dei siciliani, Sereni si trasferisce al Padova, dove resta fino a fine carriera disputando sei campionati di seconda serie, e raggiungendo la finale di Coppa Italia 1966-1967, per abbandonare l'attività agonistica nel 1969 dopo le retrocessione dei veneti in Serie C.

In carriera ha totalizzato complessivamente 93 presenze e 2 reti in Serie A e 261 presenze ed una rete in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Giorgio Sereni ai tempi del Padova.

Inizia nel 1969 con il Venezia Calcio sesto in Serie C1. Per due anni farà poi l'allenatore in seconda alla Reggiana, prima di accettare la guida del Parma Calcio portato nella stagione 1972-1973 in Serie B giungendo capolista del proprio girone. L'anno dopo lo stesso Parma Calcio arriva quinto fra i cadetti e l'entusiasmo nell'ambiente parmigiano è notevole perché si può cercare il doppio salto verso la Serie A. La stagione 1974-1975 si rivela però molto triste in quanto verrà prima esonerato dai ducali e anche squalificato per due anni a seguito di un tentativo di combine[7].

La riscossa personale avviene con la promozione in Serie A ottenuta con il Catanzaro Calcio nella stagione 1977-78[8], anche se sarà l'ultima della sua carriera e che non gli varrà la riconferma per la stagione successiva

Nel 1978-79 viene esonerato dal Rimini Calcio in Serie B, l'anno dopo riceve il benservito dal Foggia Calcio in Serie C1.Sulla sua strada ritrova il Parma Calcio in Serie C1 nella stagione 1980-1981 ed ottiene un tredicesimo posto, come fece poi l'anno successivo con il Rende Calcio. Nella stagione 1982-1983 è invece terzo alla guida del Campania.

Riprende il filo con la Serie B ma l'esperienza con il Padova Calcio si rivelerà un fiasco dato che in Veneto si era lontani dall'obiettivo prefissato di puntare con decisione alla Serie A. Nel 1984 quindi ritorna al Campania in Serie C1, per poi proseguire il resto della carriera nelle serie minori.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scomparsa Giorgio Sereni: il cordoglio del Palermo Ilpalermocalcio.it
  2. ^ Scomparso Giorgio Sereni, 200 presenze da biancoscudato Padovacalcio.it
  3. ^ Almanacco illustrato del calcio 1971, edizioni Panini, pag. 273
  4. ^ Morto Giorgio Sereni, padre di Matteo, Ansa.it.
  5. ^ Addio Giorgio Sereni Uscatanzaro.net
  6. ^ Giuseppe Bagnati; Vito Maggio; Vincenzo Prestigiacomo, Il Palermo racconta: storie, confessioni e leggende rosanero, Palermo, Grafill, giugno 2004, p. 82. ISBN 88-8207-144-8.
  7. ^ Storia del Parma
  8. ^ Storia del Catanzaro

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]