Giorgio Rossano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giorgio Rossano
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1966
Carriera
Squadre di club1
1958-1959 Pordenone Pordenone  ? (?)
1959-1960 Juventus Juventus 1 (0)
1960-1961 Bari Bari 26 (4)
1961-1962 Juventus Juventus 10 (0)
1962-1963 Milan Milan 3 (1)
1963-1964 Varese Varese 4 (0)
1964-1965 Palermo Palermo 12 (4)
1965-1966 Chieri Chieri  ? (?)
Nazionale
1960-1961 Italia Italia U-21 7 (5)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giorgio Rossano (Torino, 20 marzo 1939) è un ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Ambidestro, poteva giocare sia da interno che da ala su entrambe le fasce. Dotato di buona tecnica, era invece carente in personalità, fatto che gli ha precluso, dopo i brillanti esordi, una lunga carriera ad alto livello.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Dopo un'annata in IV Serie col Pordenone, nel 1959 approda alla Juventus, con cui esordisce in Serie A il 20 marzo 1960 in Juventus-Lazio (2-0), incontro che rimarrà l'unico disputato da Rossano in quel campionato nel quale i bianconeri conquistano l'accoppiata scudetto-Coppa Italia.

A fine stagione viene ceduto in prestito al Bari, dove disputa una buona stagione da titolare, con 4 reti all'attivo in 26 presenze, tuttavia non sufficiente ad evitare la retrocessione dei pugliesi, avvenuta dopo gli spareggi con Lecco e Udinese.

Nel 1961 torna alla Juventus dove, in una delle peggiori stagioni della storia della Vecchia Signora (dodicesimo posto finale in campionato), totalizza 10 presenze in massima serie.

Nell'estate 1962 passa al Milan, nello scambio che porta Bruno Mora in rossonero e Sandro Salvadore in bianconero. Tuttavia anche col Milan, che in quella stagione si aggiudica la Coppa dei Campioni, le apparizioni in prima squadra di Rossano sono estremamente limitate (6 presenze e 3 reti, di cui 3 con una rete in campionato)-

Torna brevemente alla Juventus, quindi viene ceduto al Varese, con cui, pur con sole 4 presenze in campionato, vince il campionato di Serie B 1963-1964. Resta in cadetteria anche nella stagione 1964-1965 con la maglia del Palermo (12 presenze e 4 reti), quindi prosegue la carriera nelle serie minori.

In carriera ha totalizzato complessivamente 40 presenze e 5 reti in Serie A e 16 presenze e 4 reti in Serie B.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Con la Nazionale Olimpica italiana ha giocato 4 partite ai Giochi olimpici del 1960, dove gli azzurri arrivarono al quarto posto. Complessivamente ha totalizzato 7 presenze nella Nazionale Giovanile (ora Under-21).[2]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Milan: 1962-1963
Juventus: 1959-1960
Juventus: 1959-1960

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Profilo su Magliarossonera.it
  2. ^ Almanacco Illustrato del calcio 2005, edizioni Panini, pag.787

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]