Giorgio II di Sassonia-Meiningen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giorgio II
Georg II. Sachsen-Meiningen.jpg
Duca di Sassonia-Meiningen
In carica 20 settembre 1866 – 25 giugno 1914
Predecessore Bernardo II
Successore Bernardo III
Nascita Meiningen, 2 aprile 1826
Morte Bad Wildungen, 25 giugno 1914
Casa reale Casato di Sassonia-Meiningen
Padre Bernardo II di Sassonia-Meiningen
Madre Maria Federica d'Assia-Kassel
Coniugi Carlotta di Prussia
Feodora di Hohenlohe-Langenburg
Ellen Franz
Religione Luteranesimo

Giorgio II, Duca di Sassonia-Meiningen (Meiningen, 2 aprile 1826Wildungen, 25 giugno 1914), fu il penultimo Duca di Sassonia-Meiningen, regnando dal 1866 sino alla sua morte.[1]. Riformatore del suo stato e notevole politico della sua epoca, divenne noto in particolare come promotore delle arti teatrali, regista, direttore, disegnatore di set e mecenate della musica, al punto da guadagnarsi il soprannome di Theaterherzog ("Duca del teatro").

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I primi anni[modifica | modifica sorgente]

Giorgio era l'unico figlio del Duca Bernardo II di Sassonia-Meiningen e di Maria Federica d'Assia-Kassel. Durante la sua infanzia ebbe come educatori personaggi di spicco come Friedrich Fröbel e Moritz Seebeck. Dal 1844 studiò storia dell'arte, storia e legge con Ernst Moritz Arndt, Friedrich Christoph Dahlmann e Gottfried Kinkel all'Università di Bonn, terminando gli studi nel 1847 a Lipsia. Appassionato di pittura, ne apprese i rudimenti col pittore Paul Saet, venendo così a contatto coi principali artisti del suo tempo di cui in molti casi divenne poi mecenate.

Il regno[modifica | modifica sorgente]

Giorgio succedette al padre come Duca di Sassonia-Meiningen quando quest'ultimo venne costretto ad abdicare il 20 settembre 1866 a seguito della sconfitta dell'Austria, di cui era alleato, nella guerra austro-prussiana.

Egli fu uno dei maggiori intellettuali tra i principi dell'alta nobiltà del secondo Impero. Egli è noto in particolare per aver supportato l'Orchestra di Meiningen, concedendole il teatro di corte. Usando le sue conoscenze di storia dell'arte e le sue abilità di disegno, ci ha lasciato delle tavole dettagliate di scenari per teatri, costumi e particolari. Inoltre egli fu il coreografo di numerose opere teatrali itineranti in Europa. Per questo suo impegno nel teatro è conosciuto come il primo moderno direttore di teatro, ispirando il teatro di Stanislavskij.

Matrimoni ed eredi[modifica | modifica sorgente]

Egli si sposò per la prima volta a Charlottenburg il 18 maggio 1850 con la principessa Carlotta di Prussia (1831-1855), figlia di Alberto di Prussia e di Marianna di Orange-Nassau, e nipote di Federico Guglielmo III di Prussia, da cui ebbe quattro figli:

Egli si sposò una seconda volta a Langenburg il 23 ottobre 1858 con Feodora di Hohenlohe-Langenburg, figlia di Ernesto I di Hohenlohe-Langenburg e di Feodora di Leiningen, da cui ebbe tre figli:

Egli si sposò una terza volta, morganaticamente, a Liebenstein il 18 marzo 1873 con Ellen Franz, un'attrice. Essa venne creata Elena Baronessa di Heldburg poco dopo il matrimonio, ma da questa unione non nacquero figli.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine della Casata Ernestina di Sassonia - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Casata Ernestina di Sassonia
Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
— 6 luglio 1913

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Darryl Lundy, The Peerage: Georg II Herzog von Sachsen-Meiningen und Hildburghausen. URL consultato il 24 ottobre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 27084313 LCCN: nr97007675