Giorgio Colombo Taccani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giorgio Colombo Taccani (Milano, 25 febbraio 1961) è un compositore e didatta italiano.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Ha compiuto gli studi al conservatorio G. Verdi di Milano sotto la guida di Pippo Molino e Azio Corghi, e nello stesso istituto si diploma in composizione e pianoforte; in seguito si perfeziona con Franco Donatoni all'Accademia nazionale di Santa Cecilia e con György Ligeti e partecipa ad un seminario dell'IRCAM (Parigi) dedicato all'informatica musicale. Si laurea in lettere moderne all'Università Statale di Milano sotto la guida di Francesco Degrada.

Attivo anche come musicologo, la sua tesi di laurea su Bruno Maderna riceve nel 1993 il Premio Missiroli.

Ha insegnato composizione alla Civica scuola di musica di Milano, mentre dal 1999 è titolare della classe di composizione presso il conservatorio G. Verdi di Torino.

La musica[modifica | modifica wikitesto]

La sua musica è stata spesso premiata in numerosi concorsi internazionali tra cui il Premio Valentino Bucchi (Roma), il Concurso de Composición Francesc Civil a Girona (Spagna), il concorso internazionale di composizione sinfonica Città di Trieste, concorso internazionale Gino Contilli (Messina), Concorso Internazionale Luigi Russolo a Varese, Concorso Internazionale 2 agosto a Bologna, concorso Franco Evangelisti a Roma. Ha avuto numerose esecuzioni in sedi concertistiche in Australia, Belgio, Brasile, Bulgaria, Cile, Egitto, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Italia, Nuova Zelanda, Olanda, Russia, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Ucraina, Ungheria.

La musica di Giorgio Colombo Taccani si svolge secondo un percorso formale ricco ma sempre molto chiaro, in cui la ricerca dell'eufonia armonica e timbrica si realizza tramite un impiego delle nuove tecniche strumentali volto ad ampliare la tavolozza dei colori disponibili.

Lungi dall'aderire a qualunque atteggiamento neoromantico o passatista, la sua musica rivolge spesso uno sguardo positivamente critico nei confronti delle esperienze storiche della musica (incluse le avanguardie del Novecento), mirante spesso alla rifunzionalizzazione di alcuni aspetti costruttivi e/o espressivi.
Tutte le sue musiche sono edite da Suvini Zerboni (Milano).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Brani per strumento solo[modifica | modifica wikitesto]

Musica da camera[modifica | modifica wikitesto]

Musica vocale[modifica | modifica wikitesto]

Musica orchestrale[modifica | modifica wikitesto]

Musica elettronica (con o senza strumenti)[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nuove composizioni per strumenti a fiato CD Fonè 92 F 05, contiene On the edge, Stefano Agostini (flauto).
  • Couleurs d'Italie CD Musica 97/1, contiene Chant d'hiver, Etienne Kreisel (violino).
  • Berlingot CD BMA 98, contiene Parade II, Ensemble Berlingot Musique d'aujourd'hui.
  • AldaMicioMusic CD Cemat 2002, contiene ...Quelli che restano da Due studi per pianoforte, Mauro Castellano (pianoforte).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]