Giorgio Cesarano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giorgio Cesarano (Milano, 8 aprile 1928Milano, 9 maggio 1975) è stato un poeta, scrittore e traduttore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da una famiglia del Sud d'origini aristocratiche, inizialmente aderì al fascismo e si arruolò a 15 anni nella Xª Flottiglia MAS: durante questa esperienza rischiò la fucilazione da parte dei partigiani.[1][2] Terminata la Seconda guerra mondiale mutò orientamento politico, iscrivendosi al Partito Comunista Italiano: iniziò a collaborare con varie testate giornalistiche, tra cui l'Unità.[2] Dal Partito fu poi allontanato nel 1946;[2] lavorò a Bergamo come antiquario,[1] proseguendo a collaborare con alcune riviste: nel 1959 uscì la sua prima opera, una raccolta intitolata L'erba bianca.[2] Frequentò i circoli culturali della Lombardia conoscendo, tra gli altri, Franco Fortini, Giovanni Raboni, Luciano Bianciardi e Giovanni Giudici.[2] Lavorò poi come traduttore dal francese e autore di sceneggiati per la RAI, trasferendosi da Milano a Pieve di Compito (LU), dove ospitò in tumultuosa amicizia Guy Debord e Jacques Camatte, elaborando insieme a Gianni Collu le prime teorie critiche sulla biopolitica;[1] nel 1975, tornato nel capoluogo lombardo, si uccise sparandosi un colpo al cuore.[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • L'erba bianca, Milano, Schwarz, 1959
  • La pura verità, Milano, Mondadori, 1963
  • La tartaruga di Jastov, Milano, Mondadori, 1966
  • Romanzi naturali, Milano, Guanda, 1980

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • I giorni del dissenso, Milano, Mondadori, 1968
  • Apocalisse e rivoluzione, Bari, Dedalo, 1973 (con Gianni Collu)
  • Manuale di sopravvivenza, Bari, Dedalo, 1974
  • Cronaca di un ballo mascherato, Milano, Varani, 1983 (con Coppo e Fallisi)
  • Critica dell'utopia capitale, Milano, Colibrì, 1993

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Claudio Di Scalzo, Il poeta suicida Giorgio Cesarano, Tellusfolio.it, 16 maggio 2007. URL consultato il 30 settembre 2012.
  2. ^ a b c d e f Notizia biografica in Il Covile, 21 febbraio 2002. URL consultato il 30 settembre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]