Giorgio Ceragioli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo studioso di tecnologia dell'architettura, vedi Giorgio Ceragioli (ingegnere).

Giorgio Ceragioli (Porto Santo Stefano, 28 aprile 1861Torino, 11 dicembre 1947) è stato un pittore, scultore e decoratore italiano.


Vita e opere[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Porto Santo Stefano il 28 aprile 1861[1]dall'impiegato doganale Giuseppe Ceragioli e da Fanny Bracci si sposta giovanissimo a Firenze, dove si forma alla scuola dello scultore Ulisse Cambi. Entra diciottenne nel corpo dei Bersaglieri, al quale rimarrà sempre molto legato e dove rimane fino al 1888 ottenendo il grado di tenente.[2] Trasferitosi a Torino lavora con Augusto Ferri, scenografo e decoratore. Qui si afferma come pittore, esponendo in particolare alla Società Promotrice delle Belle Arti di Torino; come scultore realizza nel 1886 la grande statua "Un bersagliere alla carica", che oggi orna lo scalone dell'Armeria Reale.
Nel periodo a cavallo del 1900 è molto attivo come decoratore; in particolare cura a Milano la decorazione di palazzo Marsaglia e gli viene poi affidato l'incarico della decorazione del Teatro Regio di Torino, per il quale lavorerà anche come scenografo.[1] Nel 1904 per la FIAT progetta e esegue lo stand aziendale al Salone mondiale dell'automobile di Parigi.[2] In parallelo a queste attività si occupa di arti applicate e realizza vari marchi commerciali, stoffe, trofei sportivi[3] e oggetti che oggi si definirebbero di design; a questo filone della sua produzione può ricondursi anche la collaborazione alla stesura, nel 1902, del "Manifesto programmatico per l’Esposizione Internazionale di Arte Decorativa di Torino".[1] Sempre nel 1902 assieme agli amici Davide Calandra, Leonardo Bistolfi, Enrico Reycend ed Enrico Thovez fonda la rivista "L’arte decorativa moderna", una rivista mensile illustrata di arte e decorazione della casa[4] che avrà una notevole influenza sul panorama delle arti applicate in Italia. Nel 1914 realizza con Cesare Biscarra il monumento ad Ascanio Sobrero al Parco del Valentino, sempre a Torino.[5]
Anche dopo la Prima guerra mondiale la sua attività prosegue sia come scultore che come pittore; tra le sculture di questo periodo possono essere ricordate una statua dell'Alpino a Villar Perosa e l'altorilievo bronzeo in memoria dei bersaglieri caduti nella grande guerra, eseguito nel 1923 e collocato nel 1936 al giardino Lamarmora di Torino.
Muore a Torino l`11 dicembre 1947.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d P.A.Pu.M. - Progetto Arte Pubblica e Monumenti, Comune di Torino, scheda biografica on-line su www.comune.torino.it (consultato nel febbraio 2010)
  2. ^ a b Ceragioli, valente scultore riscoperto dai santostefanesi, Renzo Wongher, su il Tirreno dell'11 febbraio 2005; on-line su ricerca.gelocal.it (consultato nel febbraio 2010)
  3. ^ Trofei 1882-1963. Premi delle Società Sportive Torinesi, catalogo della mostra al Circolo degli Artisti, a cura di A. Panzetta, Renaissance, Torino, 1999
  4. ^ Monica Amari, L'esposizione di Torino del 1902 in I musei delle aziende, Franco Angeli, 2001, p. 44, ISBN 88-464-3273-8. URL consultato il 15 febbraio 2010.
  5. ^ Monumento ad Ascanio Sobrero – Cesare Biscarra e Giorgio Ceragioli, Cristina Beltrami, scheda su www.duesecolidiscultura.it (consultato nel febbraio 2010)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 76587584