Giordano Conti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giordano Conti
Giordano Conti.jpg

Sindaco di Cesena
Durata mandato 1999 –
2009
Predecessore Edoardo Preger
Successore Paolo Lucchi

Dati generali
Partito politico DS (fino al 2007)
PD (dal 2007)

Giordano Conti (Cesena, 17 marzo 1948) è uno scrittore e politico italiano, ex sindaco di Cesena.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Laureato in Architettura all'Università di Firenze e in Discipline delle Arti, Musica e Spettacolo all'Università di Bologna, ha scritto numerosi saggi sui temi del recupero edilizio, urbano e territoriale e sulla riscoperta dei materiali e delle tecniche architettoniche tradizionali.

Direttore per molti anni della Scuola Edile di Forlì, è inoltre professore a contratto presso la facoltà di Ingegneria dell'Università di Bologna. Assessore ai lavori pubblici e alla cultura del comune di Cesena tra il 1980 e il 1990, ha poi assunto il ruolo di segretario comunale del PDS e dei Democratici di Sinistra. Il 13 giugno 1999 è stato eletto Sindaco di Cesena con largo consenso, al primo turno delle elezioni amministrative, alle quali si era presentato come candidato di un'ampia coalizione di centro-sinistra.

Nel 2004 ha ripresentato la sua candidatura, appoggiato da una coalizione di centro-sinistra composta da DS, Margherita, Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani, SDI e Italia dei Valori e nelle elezioni comunali del 12-13 giugno 2004 è risultato rieletto ottenendo il 57,89% dei voti. Il mandato amministrativo è terminato nel giugno 2009.

Attualmente è presidente di Ser.In.Ar., la società pubblica che si occupa dell'Università in Romagna; è inoltre presidente di Casa Artusi.

Giordano Conti e Ernest Bai Koroma, presidente del Sierra Leone

Opere[modifica | modifica sorgente]

Fra le sue opere:

  • Città e territori della cultura (1990)
  • La nuova cultura del recupero (1995)
  • Malatestiana e dintorni (2008)
  • La città del buon vivere (2009)
  • Tra il piano e il monte. Storie di vita cesenate(2010)
  • La materia dell'architettura (2010)
  • La pratica dell'architettura (2011)
  • Cesena Bella (2011)
  • La Romagna e l'altrove (2012)

In collaborazione con altri ha scritto:

  • Per una lettura operante della città (1980)
  • Il luogo e la continuità (1984)
  • La lettura del territorio (1986)
  • Dentro il territorio (1988)
  • Il recupero dell'edilizia rurale (1990)
  • La biblioteca Malatestiana di Cesena (1992)
  • Il progetto di ristrutturazione, voll.2. (1996-2000)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Sindaco di Cesena Successore Cesena-Stemma.png
Edoardo Preger dal 1999 al 2009 Paolo Lucchi