Gioia di vivere (Matisse)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gioia di vivere
Autore Henri Matisse
Data 1906
Tecnica Olio su tela
Dimensioni 176,5 cm × 240,7 cm 
Ubicazione Barnes Foundation, Filadelfia

La gioia di vivere (Le bonheur de vivre) è un dipinto di Henri Matisse del 1906. Viene considerato il suo dipinto più ambizioso del suo periodo Fauve.[1]

L'opera fu esposta al Salon des Indépendants a Parigi.[2] La tecnica è leggermente puntinista e per questo motivo l'opera fu criticata da Paul Signac,[3] che lo definì "un dipinto con colori ripugnanti e troppo spessi con contorno largo un pollice".[4]

In questo dipinto ispirato alla pittura di Gauguin ed all'arte orientale,[3] Matisse rappresenta dei nudi femminili dipinti a macchie, senza rispettare i colori naturalistici, e fonde uomo e natura in una sorta di ritorno al primitivo[senza fonte], mentre la forma dei soggetti viene armonizzata e semplificata. Anche il paesaggio presenta colori innaturali, come ad esempio l'albero rosa che è lo stesso colore utilizzato per la pelle delle persone, quasi a sottolineare l'unione tra uomo e natura. Per la prima volta, Matisse deformò le linee del corpo umano, elemento visibile in tre delle bagnanti ivi raffigurate[senza fonte]. Il quadro ritrae un esterno, ma non è dipinto dal vero: a Matisse non interessava l’aria aperta, preferiva il chiuso di una stanza.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) American Federation of Arts, Magazine of Art - Volume 44 (pag. 64), 1951.
  2. ^ Dorothy M. Kosinski, Jay McKean Fisher, Steven A. Nash, Matisse: Painter as Sculptor, Yale University Press, 2007, p. 53.
  3. ^ a b Michele Tavola, Storia dell'arte, Volume 3, Alpha Test, 2007, p. 93.
  4. ^ Hilary Spurling, The Unknown Matisse: A Life of Henri Matisse : The Early Years, 1869-1908, University of California Press, 2001, pp. 337-338.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pittura