Gioco del dizionario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il gioco del dizionario è un gioco da tavolo di carta e matita per il quale è necessario un dizionario. Si richiede un minimo di 3 giocatori, ma l'ideale è giocarlo in gruppi numerosi. Oltre al dizionario, occorrono un foglio di carta e una penna o matita per ciascun giocatore.

Il gioco[modifica | modifica wikitesto]

Si gioca a turni. Il giocatore di turno prende il dizionario e sceglie una parola, possibilmente ignota o poco nota ai presenti, annunciandola ad alta voce e trascrivendone segretamente la definizione sul proprio foglio. Il giocatore che tiene il dizionario è escluso dalla competizione per quel turno (svolge la funzione di "moderatore" o "banco").

Ciascuno degli altri giocatori procede quindi a scrivere sul proprio foglio, segretamente, una ipotetica definizione del termine scelto. Ai fini del gioco non è rilevante che la definizione proposta dai giocatori coincida con quella data dal dizionario, basta che essa sia vera e corretta nella sostanza.

Terminata questa fase, i giocatori consegneranno i propri fogli (piegati in modo da nasconderli alla vista degli altri giocatori) al giocatore che ha scelto il termine. Quest'ultimo legge tutte le definizioni proposte, in ordine casuale, ad alta voce, includendovi anche la definizione "vera" presa dal dizionario (che può semplicemente trascrivere; o, meglio, se la riscrive con parole sue più semplici o stringate).

A questo punto tutti gli altri giocatori dovranno "puntare" sulla definizione che ritengono essere quella vera. Nel caso in cui non si sappia né si intuisca in alcun modo il significato della parola, è possibile bluffare dando una definizione "camuffata", espressa nel modo più plausibile da convincere gli altri giocatori che si tratti di quella vera, di modo da ricevere comunque un punteggio, anche se non si è indovinata la definizione giusta; in questo caso quindi è più importante che la definizione che si propone sia verosimile, e dunque avrà un peso non secondario lo stile in cui essa verrà scritta.

Il punteggio[modifica | modifica wikitesto]

Quando tutti i giocatori hanno scelto la definizione che reputano essere quella giusta, si procede al conteggio dei punti, come segue:

  • ogni giocatore che ha puntato sulla definizione vera guadagna un punto;
  • ogni giocatore guadagna un punto extra per ciascun avversario che ha puntato sulla "sua" definizione.

Secondo un'altra versione del gioco, il punteggio è più articolato e si differenzia a seconda della situazione come segue:

  • 3 punti a chi azzecca la giusta definizione fin dal primo momento;
  • 2 punti a chi indovina o riconosce la giusta definizione dopo la lettura di tutte le definizioni;
  • 1 punto a chi rende plausibile la propria definizione errata ad altri (si riceve 1 punto per ciascun giocatore che ha scelto la propria definizione errata; ad eccezione di sé stessi, naturalmente).

Poiché il giocatore di turno non partecipa alle puntate e non può per quel giro guadagnare punti, una partita deve contare tanti turni quanti sono i giocatori che vi partecipano, oppure poi avere un numero di turni che sia un multiplo dei partecipanti (cioè, per finire, tutti i giocatori debbono avere avuto il dizionario lo stesso numero di volte).

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Parte della meccanica di questo gioco sta alla base di Dixit, Spiel des Jahres 2010.
Esiste anche una versione online chiamata il Gioco del Vocabolario, curata da DiLemmi e pubblicata da Zanichelli Editore 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

giochi da tavolo Portale Giochi da tavolo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di giochi da tavolo