Giocasta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Giocasta (mitologia))
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Giocasta (disambigua).
Edipo si separa da Giocasta, di Alexandre Cabanel
Giocasta, miniatura dal De mulieribus claris di Boccaccio

Nella mitologia greca, Giocasta era la figlia di Meneceo e la madre di Edipo. Omero si riferisce a lei con il nome di Epicasta. La sua storia, così come quella di Edipo, viene raccontata nella tragedia Edipo re di Sofocle.
Giocasta, figlia di Meneceo, sorella di Creonte, sposò Laio, re di Tebe. L'Oracolo di Delfi predisse che il figlio di Laio avrebbe ucciso suo padre e sposato sua madre. Per impedire che la profezia si avverasse, Laio fece abbandonare il proprio figlio su una montagna, con i piedi legati, e annunciò la sua morte. Il bambino fu salvato e condotto alla corte del re di Corinto, dove gli fu dato il nome di Edipo: giunto alla maggiore età, Edipo si recò presso l'oracolo di Delfi, che fece anche a lui una profezia, predicendo che avrebbe ucciso suo padre e sposato sua madre.
Edipo, che non conosceva suo padre, lo uccise senza riconoscerlo proprio sotto il tempio di Delfi ed entrò a Tebe in trionfo dopo aver sconfitto la Sfinge. Giocasta, riconoscente nei confronti dello sconosciuto eroe, lo sposò; in tal modo i due portarono inconsapevolmente a compimento la profezia ed ebbero quattro figli.
Quando Edipo, dopo dieci anni, scoprì il suo passato, Giocasta, compresa la verità prima di lui, si impiccò. Nelle Fenicie euripidee, ispirate alla versione del mito raccontata da Stesicoro, Giocasta sopravvive alla rivelazione dell'incesto e cerca di portare la pace tra Eteocle e Polinice in lotta per la supremazione su Tebe: quando i suoi figli si uccidono a vicenda, la regina non regge al dolore e si pugnala sui loro cadaveri.

mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca