Gioacchino di Prussia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno di Prussia
Hohenzollern

Wappen Deutsches Reich - Königreich Preussen (Grosses).png

Gioacchino di Prussia

Gioacchino di Prussia, il cui nome completo era Gioacchino Francesco Umberto (Berlino, 17 dicembre 1890Potsdam, 18 luglio 1920), fu un principe di Prussia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era l'ultimo figlio maschio dell'imperatore Guglielmo II di Germania, e della sua prima moglie, Augusta Vittoria di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg.

Durante la sollevazione di Pasqua del 1916 a Dublino alcuni leader repubblicani comtemplarono la possibilità di dare la corona di un'Irlanda indipendente al principe Gioacchino.[1][2]

Dopo la dichiarazione di indipendenza della Georgia in seguito alla rivoluzione russa del 1917, Gioacchino fu brevemente considerato, dal rappresentante tedesco Friedrich Werner von der Schulenburg e dai monarchici georgiani, come candidato al trono georgiano[3].

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

L'11 marzo 1916 Gioacchino sposò la principessa Maria Augusta di Anhalt (10 giugno 1898-22 maggio 1983), figlia di Edoardo di Anhalt e di Luisa Carlotta di Sassonia-Altenburg (figlia di Maurizio di Sassonia-Altenburg). La coppia ebbe un figlio:

Sua moglie Maria Augusta fu la madre adottiva di Frédéric Prinz von Anhalt, marito dell'attrice Zsa Zsa Gabor.

Morte[modifica | modifica sorgente]

Dopo l'abdicazione del padre, Gioacchino non fu capace di accettare il suo nuovo status di uomo comune e cadde in una grave depressione, che alla fine lo portò a togliersi la vita con un colpo di pistola il 18 luglio 1920.

Una fonte riferisce che era in difficoltà finanziarie e soffriva da "grande depressione mentale"[4]. Suo fratello, il principe Eitel Federico, commentò che soffriva di "una misura di eccessiva demenza"[4]. Prima della sua morte, la coppia aveva recentemente divorziato[5].

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze prussiane[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Rossa - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Rossa
Cavaliere dell'Ordine della Corona (Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona (Prussia)
Gran Commendatore dell'Ordine di Hohenzollern - nastrino per uniforme ordinaria Gran Commendatore dell'Ordine di Hohenzollern
Cavaliere della Croce di Ferro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Croce di Ferro

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona del Württemberg - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona del Württemberg
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria
Cavaliere dell’Ordine del Leone dei Paesi Bassi - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell’Ordine del Leone dei Paesi Bassi
Cavaliere dell'Ordine di Osmanie - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Osmanie

Antenati[modifica | modifica sorgente]

Gioacchino di Prussia Padre:
Guglielmo II di Germania
Nonno paterno:
Federico III di Germania
Bisnonno paterno:
Guglielmo I di Germania
Trisnonno paterno:
Federico Guglielmo III di Prussia
Trisnonna paterna:
Luisa di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonna paterna:
Augusta di Sassonia-Weimar-Eisenach
Trisnonno paterno:
Carlo Federico di Sassonia-Weimar-Eisenach
Trisnonna paterna:
Marija Pavlovna di Russia
Nonna paterna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Gotha
Bisnonno paterno:
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonno paterno:
Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonna paterna:
Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
Bisnonna paterna:
Vittoria del Regno Unito
Trisnonno paterno:
Edoardo Augusto di Hannover
Trisnonna paterna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Madre:
Augusta Vittoria di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
Nonno materno:
Federico VIII di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
Bisnonno materno:
Cristiano di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
Trisnonno materno:
Federico Cristiano II di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
Trisnonna materna:
Luisa Augusta di Danimarca
Bisnonna materna:
Luisa Sofia di Danneskiold-Samsøe
Trisnonno materno:
Cristiano Corrado di Danneskiold-Samsøe
Trisnonna materna:
Giovanna Kaas di Mur
Nonna materna:
Adelaide di Hohenlohe-Langenburg
Bisnonno materno:
Ernesto I di Hohenlohe-Langenburg
Trisnonno materno:
Carlo Ludovico I di Hohenlohe-Langenburg
Trisnonna materna:
Amalia Enrichetta di Solms-Baruth
Bisnonna materna:
Feodora di Leiningen
Trisnonno materno:
Emilio Carlo di Leiningen
Trisnonna materna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Daisy, Princess of Pless, ed. Desmond Chapman-Huston, Murray, London, 1928, p. 324, ASIN: B00086RUJU
  2. ^ Desmond FitzGerald, Desmond's Rising; Memoirs 1913 to Easter 1916, Liberties Press, Dublin, 1968 e 2006, p.143
  3. ^ (FR) Georges Mamoulia (2006), "Le Caucase dans les plans stratégiques de l’Allemagne (1941-1945)". Centre d'études d'histoire de la defense 29: 53
  4. ^ a b Kaiser's Youngest Son, Joachim Shoots Himself in The New York Times, Berlin, 18 luglio 1920.
  5. ^ Two of ex-Kaiser's Sons Bring Suits For Divorce in The New York Times, Paris, 8 gennaio 1920.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]