Gioacchino (patriarca di Mosca)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Gioacchino (Patriarca di Mosca))
Patriarca Gioacchino
Icon 02044 Patriarh Ioakim Moskovskij 1620-1690. Neizv. hud. XVII v. Rossiya.jpg
9° Patriarca di Mosca e di tutte le Russie
Intronizzazione 26 luglio 1674
Fine patriarcato 17 marzo 1690
Predecessore Pitirim
Successore Adriano
Consacrazione episcopale aprile 1672
da Pitirim di Mosca
Nome Ivan Petrovič Savelov
Nascita Sibkovo, Zarato russo,
6 gennaio 1621
Morte Mosca, Zarato russo,
17 marzo 1690
Sepoltura Cattedrale della Dormizione, Mosca

Gioacchino, o Ioakim (in russo: Иоаким; Sibkovo, 6 gennaio 1621Mosca, 17 marzo 1690), al secolo Ivan Petrovič Savelov (Иван Петрович Савёлов), fu il nono patriarca di Mosca e di tutte le Russie dal 1674 alla morte. Strenuo oppositore del Raskol, fu tra i fondatori dell'Accademia slavo-greco-latina.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ivan Petrovič Savelov nacque a Sibkovo nel 1621 da un'importante famiglia di Možajsk (un suo antenato fu Posadnik di Novgorod). A seguito della morte dei genitori per via di un'epidemia scoppiata nel 1654, decise di lasciare l'esercito e di intraprendere la vita monastica. Entrò nel monastero di Mežyhir'ja e nel settembre 1657 divenne monaco con il nome di Gioacchino (Иоаким).

Nel 1664 fu nominato archimandrita del monastero di Čudov, sito all'interno del Cremlino di Mosca. Ciò gli consentì di entrare in stretto contatto con il diplomatico Artamon Matveev e con lo stesso zar Alessio I. Nel 1672 divenne Metropolita di Novgorod la Grande e Pskov.[1] Poco dopo morì il Patriarca di Mosca Pitirim e Gioacchino prese il suo posto. Fu intronizzato il 26 luglio 1674 e anche se aveva partecipato al Sobor che nel 1666 mise sotto accusa l'ex patriarca Nikon, continuò la politica di quest'ultimo in relazione al contrasto nei confronti delle ingerenze dello zar e all'opposizione al Raskol. Nel 1682 il capo dei Vecchi credenti, Avvakum, fu condannato al rogo.[2]

Durante il suo patriarcato furono istituite le nuove eparchie di Nižnij Novgorod, Ustjug, Arcangelo, Tambov e Voronež. Nel marzo 1681 fu creato un istituto che rappresentò la base dell'Accademia slavo-greco-latina che verrà alla luce nel 1687. Nel 1682 Gioacchino fu persuaso dai fratelli della zarina Natal'ja Kirillovna Naryškina a proclamare zar il piccolo Pietro. A ciò seguì la cosiddetta "Rivolta di Mosca". Dal 1686 la Metropolia di Kiev fu subordinata al Patriarcato moscovita, in ottemperanza al Trattato di Perejaslav.

Gioacchino si caratterizzò per un atteggiamento fortemente ostile nei confronti della teologia di Sil'vestr Medvedev e Simeone di Polock. Si oppose alle influenze occidentali, sia dei gesuiti che di coloro i quali propagandavano idee di stampo millenarista. Nell'ottobre 1689 i tedeschi Quirinus Kuhlmann e Conrad Nordermann furono condannati al rogo sulla Piazza Rossa, in quanto eretici.[3]

Gioacchino morì il 17 marzo 1690. È seppellito presso la Cattedrale della Dormizione a Mosca.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pavel Tikhomirov, Kafedra Novgorodskikh Sviatitelei, (Novgorod, 1895), Vol. II.
  2. ^ Paul Bushkovitch, Religion and Society in Russia: The Sixteenth and Seventeenth Centuries, Oxford University Press, 1992, p. 72.
  3. ^ Marina Ciccarini, Ultimi roghi. Fede e tolleranza alla fine del Seicento. Il caso di Andrej Christoforovic Belobockij, Armando Editore, Roma, 2008, p. 12.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Il testamento del Patriarca Gioacchino, 17 marzo 1690.

Predecessore Patriarca di Mosca e di tutte le Russie Successore Cruz ortodoxa.png
Pitirim 1674 - 1690 Adriano
Predecessore Metropolita di Novgorod la Grande e Pskov Successore Cruz ortodoxa.png
Pitirim 1672 - 1674 Cornelio