Gildas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Gildas
Vetrata rappresentante Gildas di Rhuys
Vetrata rappresentante Gildas di Rhuys

Abate

Nascita 494
Morte 29 gennaio 570
Venerato da Chiesa cattolica
Ricorrenza 29 gennaio
Patrono di storici gallesi, fabbricatori di campane

Gildas di Rhuys, detto anche Gildas il Saggio o Gildas Badonicus (Dumbarton, 494 circa – Île-d'Houat, 29 gennaio 570), è stato un abate, storico e santo britanno, fondatore di monasteri; è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Statua di Gildas de Rhuys nel Morbihan, Francia

Nato da una famiglia principesca, fu affidato alle cure dell'abate Iltud. Ordinato sacerdote verso il 518, decise di predicare nelle regioni settentrionali della Gran Bretagna, dove il Cristianesimo era quasi scomparso. Si recò poi in Irlanda, dove, dopo la morte di Patrizio d'Irlanda, la Chiesa era andata decadendo: portò in quei luoghi l'integrità della fede e della disciplina.

Tornò poi in Bretagna e si ritirò in solitudine sull'isola di Houat, una delle isole della baia di Quiberon. Ben presto però i pescatori lo scoprirono e così si trovò circondato da una numerosa schiera di discepoli.

Si recò quindi nella località di Rhuys, sull'omonima penisola, di fronte all'isola di Houat, e fondò il monastero di Rhuys. A questo monastero, del quale fu abate, fu dato poi il suo nome. Percorse poi la Cornovaglia, dove predicò e fondò monasteri.

Gildas morì a Houat, ma fu sepolto nel monastero di Rhuys.

Scrisse De Excidio Britanniae: l'opera tratta dalla situazione della Britannia a seguito del ritiro delle legioni romane. Lunga è la diatriba contro i tiranni locali e lo stato di decadenza ed empietà generale dominante l'isola.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Canoni di disciplina;
  • De Excidio et conquestu Britanniae[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pubblicato in italiano sotto il titolo La conquista della Britannia, a cura di Sabrina Giuriceo, Rimini, Il Cerchio, 2005.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 203402485 LCCN: n85112337