Gilberto di Clare, V conte di Gloucester

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gilberto di Clare, quinto conte di Hertford (25 ottobre 118025 ottobre 1230), era figlio di Riccardo di Clare, IV conte di Hertford, dal quale ereditò il patrimonio dei Clare. Dalla madre Amice Fitz Robert ereditò invece gli immobili di Gloucester e il titolo di St. Hilary, e da Rohese, un avo, la metà della proprietà di Giffard. Nel giugno 1202 gli furono affidati le terre di Harfleur e di Montrevillers.

Nel 1215 Gilberto e il padre, due dei baroni che garantirono la Magna Carta, sostennero Luigi VIII di Francia nella Prima guerra dei baroni, combattendo a Lincoln. Fu fatto prigioniero nel 1217 dal leggendario Guglielmo il Maresciallo, del quale più tardi sposò la figlia Isabella.

Nel 1223 accompagnò il proprio cognato, il conte di Pembroke, in una spedizione nel Galles. Nel 1225 fu presente alla conferma della Great Charter di Enrico III d'Inghilterra. Nel 1228 condusse un esercito contro i Gallesi, catturando Morgan Gam che fu rilasciato l'anno successivo.

Si unì ad una spedizione in Britannia, ma morì, in quel ducato, sulla via del ritorno per Penrose, il suo corpo fu riportato a casa, a Tewkesbury, attraverso Plymouth e Cranbourgh. La sua vedova, Isabel, sposò più tardi Riccardo di Cornovaglia.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie