Giardini Botanici di Lipsia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Botanischer Garten der Universität Leipzig
Studenti in visita alla serra tropicale
Studenti in visita alla serra tropicale
Tipo Orto botanico
Data fondazione circa 1542
Indirizzo Linnéstraße 1, Lipsia, Germania
Sito (DE) Sito ufficiale

I Giardini Botanici di Lipsia (in tedesco Leipziger Botanische Gärten o Botanischer Garten der Universität Leipzig), sono un giardino botanico vasto 3,5 ettari, gestito dall'Università di Lipsia e situato in Linnéstraße 1 a Lipsia, Germania. Esso è il più vecchio giardino botanico della Germania e tra i più vecchi del mondo; esso è aperto tutti i giorni gratuitamente.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I Giardini Botanici di Lipsia risalgono almeno al 1542[1], anche se cambiarono più volte l'ubicazione. Furono costituiti poco dopo la riforma dell'università del 1539, quando Maurizio I, Elettore di Sassonia, donò il monastero domenicano di St. Pauli. Nel maggio 1543, il preesistente giardino monastico, posto sul lato settentrionale della Paulinerkirche, fu convertito ad hortus medicus.

Questo primo giardino fu distrutto nel corso della Guerra dei trent'anni; nel 1648 l'Università di Lipsia acquistò un nuovo sito (ora Grimmaische Strasse), dove nel 1653 creò il suo secondo giardino. Nel 1807, il giardino fu trasferito alle fondazioni delle Pleißemühlgraben, dove dopo il 1840 si edificarono le serre. Nel 1857 nei Giardini erano coltivate più di 10.000 specie, delle quali 4.500 erano coltivate nelle serre.

Negli anni 1876-1877, a seguito della decisione di edificare un tribunale sul suo sito, i Giardini furono nuovamente trasferiti per giungere all'attuale ubicazione, a sudest di Lipsia.

La superficie iniziale di quest'area era di 2,8 ettari; nel 1895 fu estesa, cosicché le nuove serre (1232 m²) erano larghe più del doppio rispetto a quelle del sito precedente. Durante la II Guerra Mondiale i Giardini furono completamente distrutti e le rovine dell'Istituto di Botanica furono poi demolite e colmate con macerie. Nel 1954, gli edifici espositivi erano stati restaurati, ma le difficoltà economiche degli anni '80 portarono alla chiusura di alcune serre. Dopo la riunificazione delle due Germanie, i Giardini furono completamente rinnovati (1992-2004), con la creazione di una nuova serra delle farfalle nel 1996 e la costruzione di cinque nuove serre negli anni 1999-2000.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Oggi i giardini contengono circa 7.000 specie, delle quali quasi 3.000 specie sono incluse in 10 collezioni speciali. Includono un dipartimento di sistematica, la disposizione per provenienza geografica delle piante dalle steppe dell'Europa orientale e dell'Asia, dalle foreste dell'emisfero boreale, dalle praterie e dalla parte orientale del Nord America, come anche una palude e uno stagno con flora regionale e un giardino alpino, che contiene piante dell'Asia, dell'Europa e del Sud America. Le sue serre (area totale pari a 2,400 m²) contengono piante provenienti dalle aree subtropicali e tropicali del bacino mediterraneo, dell'Africa, dell'America Centrale e dell'Australia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Website dei Giardini Botanici di Lipsia

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 51°19′44.4″N 12°23′29.76″E / 51.329°N 12.3916°E51.329; 12.3916