Gianfranco Jannuzzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gianfranco Jannuzzo con Cristina Chiabotto

Gianfranco Jannuzzo, talvolta indicato come Iannuzzo (Agrigento, 7 dicembre 1954), è un attore teatrale e commediografo italiano, attivo anche in cinema e televisione.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato ad Agrigento, nel 1954 si trasferisce con la famiglia a Roma. Iniziati gli studi universitari, frequenta il Laboratorio di Esercitazioni Sceniche, diretto da Gigi Proietti. Diplomatosi nel 1982, partecipa ai varietà televisivi della Rai "Attore amore mio" e "A come Alice", per la regia di Antonello Falqui. E sempre per la stessa regia, partecipa alle commedie musicali "Applause".

Continua con "Tito Andronico" di W. Shakespeare insieme a Turi Ferro per la regia di Gabriele Lavia. [1]

Autore di testi propri, nel 1988 gli è stato assegnato il premio Il Fiore. Successivamente è stato per due volte insignito del Premio Charlot e La Giara D'Argento. Nel 2012 riceve il premio alla carriera MizzicaFILM.

È stato sposato dal 1989 con la conduttrice televisiva Gabriella Carlucci, dalla quale si è poi separato. Si è risposato nel 1998 con l'ex modella Ombretta Cantarelli.

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Ha debuttato in televisione negli varietà di Antonello Falqui Attore amore mio e A come Alice. Per la televisione è stato poi in trasmissioni televisive di Paolo Limiti e nel varietà di Antonio Amurri e Dino Verde, Barbera e Jannuzzo, Carnevale, presentato con Edwige Fenech, e con regia di Furio Angiolella.

Altri lavori:

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fonte: Contrada.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]