Gianfrancesco Barbarigo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gianfrancesco Barbarigo
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinalbishop.svg
Nato 29 aprile 1658, Venezia
Creato cardinale 29 novembre 1719 da papa Clemente XI
Deceduto 26 gennaio 1730, Padova

Gianfrancesco Barbarigo (Venezia, 29 aprile 1658Padova, 26 gennaio 1730) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

Nacque a Venezia da una nobile famiglia del patriziato veneto; era nipote di San Gregorio Barbarigo.

Dal 21 luglio 1698 fu per sedici anni vescovo di Verona, fino a quando, il 25 agosto 1714 fu trasferito alla diocesi di Brescia, in seguito alla morte del cardinale Giovanni Alberto Badoer. Subentrò a questi anche come abate commendatario dell'abbazia di Santa Maria in Sylvis, presso Sesto al Reghena, carica che mantenne fino al 1717.

Fu creato cardinale in pectore da papa Clemente XI nel concistoro del 29 novembre 1719 e pubblicato il 30 settembre 1720. Il 20 giugno 1721 ricevette il titolo dei Santi Marcellino e Pietro.

Il 20 gennaio 1723 fu nuovamente trasferito alla diocesi di Padova dove morì nel 1730. Durante gli anni trascorsi a Padova si fece strenuo sostenitore della causa di beatificazione dello zio.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessandro Augusto Monti Della Corte, Armerista bresciano, camuno, benacense e di Valsabbia, Brescia, Tipolitografia Geroldi, 1974, p. 269.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primicerio della basilica di San Marco Successore BishopCoA PioM.svg
Luigi Ruzzini 1696 - 1698 Vincenzo Michiel
Predecessore Vescovo di Verona Successore BishopCoA PioM.svg
Pietro Lion 1698 - 1714 Marco Gradenigo
Predecessore Vescovo di Brescia Successore BishopCoA PioM.svg
Giovanni Badoer 25 agosto 1714 - 20 gennaio 1723 Fortunato Morosini
Predecessore Cardinale presbitero dei Santi Marcellino e Pietro Successore CardinalCoA PioM.svg
Francesco Pignatelli 1721 - 1730 Sigismund Kollonitsch
Predecessore Vescovo di Padova Successore BishopCoA PioM.svg
Giorgio Cornaro 1723 - 1730 Giovanni Minotto Ottoboni

Controllo di autorità VIAF: 68919617