Giancarlo Kalabrugovic

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giancarlo Calabretta

Giancarlo Calabretta noto come Giancarlo Kalabrugovic (Bollate, 2 ottobre 1966) è un cabarettista e comico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nasce da padre calabrese e madre emiliana[1].

Nel 2000 frequenta un corso di recitazione alla scuola Campo Teatrale di Milano; l'anno successivo inizia a dedicarsi al teatro comico, debuttando, nel 2002, nello spettacolo Sbarlusc, che avrà come tappe importanti teatri come il Verdi di Milano e il Valle di Roma.

Il 2003 è protagonista di uno spot pubblicitario per la Breil e appare anche in una scena nella produzione cinematografica Fame chimica, di Paolo Vari e Antonio Bocola.

L'anno seguente inizia il suo avvicinamento a diversi laboratori di cabaret dell'area milanese e, nel 2005, entra a far parte del laboratorio artistico di Zelig, divenendo così ospite fisso, nel 2007 di Zelig Off, rampa di lancio per cabarettisti emergenti. Contemporaneamente recita il ruolo di Mimmo "il figlio della portinaia", nel format Buona la prima, con Ale e Franz.

Da settembre 2007 viene "promosso" a Zelig, dove impersona il filosofo metropolitano "Pino dei palazzi".

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

  • Fame chimica, regia di Paolo Vari e Antonio Bocola (2003) nel ruolo di Bifo

Teatro[modifica | modifica sorgente]

  • Sbarlusc (2002) di Giulio Baraldi

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Videoclip[modifica | modifica sorgente]

  • Simbiosi, Meg (2004) regia di Riccardo Struchil
  • Non confondermi, Marracash (2008)

Spot pubblicitari[modifica | modifica sorgente]

  • Breil (2003)
  • Gazzenda (2008)

Citazioni e comparse[modifica | modifica sorgente]

Il rapper milanese Marracash cita il personaggio nelle canzoni Stupido dell'album Fino a qui tutto bene e Badabum Cha Cha dall'album Marracash:

« Siate stupidi, bella Zalone e Kalabrugovic, essere intelligenti di questi tempi mette a disagio più che farla nei cessi pubblici. »
(Marracash)
« Dai Palazzi come Pino brindo, salute. A far le impenne davanti alle major e le major mute. »
(Marracash)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://bollate.netweek.it/notizie/cronaca/bollate-giancarlo-calabretta-in-arte-kalabrugovic-nato-nel-1966-a-bollate-da-padre-calabrese-e-da-madre-emiliana-929441.html

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie