Gian Nicola Babini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gian Nicola Babini

Gian Nicola Babini (Faenza, 24 aprile 1944Faenza, 11 marzo 2012) è stato uno scienziato italiano, attivo in particolare nel campo della ricerca sui materiali ceramici. Ha lavorato per numerose aziende e istituti pubblici anche a livello internazionale.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Conseguita la laurea in Chimica Industriale presso l’Università di Bologna, nel 1975 è entrato a far parte del Consiglio Nazionale delle Ricerche presso l’Istituto di Scienza e Tecnologia Dei Materiali Ceramici, ove ha svolto la propria attività di studio relativa alla scienza e tecnologia dei nuovi materiali ceramici sia ossidici che non ossidici per applicazioni strutturali, elettriche, biomedicali.

Per incarico dell’allora Direttore dell'Istituto di Scienza e Tecnologia Dei Materiali Ceramici, Tonito Emiliani, ha curato la realizzazione della nuova sede dell'Istituto di Scienza e Tecnologia Dei Materiali Ceramici, inaugurata dal Presidente Quagliariello nel 1979.

Nel 1985 è divenuto Direttore dell’Istituto e lo è rimasto ininterrottamente fino al 2008.

In tale ambito, ha esteso il suo campo di studio ai materiali ceramici tradizionali per applicazioni nel settore delle costruzioni e dell’artigianato artistico (laterizi, piastrelle, sanitari, colorifici, impiantistica, materie prime) approfondendo le esigenze di innovazione per il conseguimento della qualità totale dei prodotti in tale settore per il quale l’Italia è all’avanguardia nel mondo.

Oltre alla direzione dell’Istituto CNR, è stato chiamato a ricoprire numerosi incarichi istituzionali: Consigliere CdA PRO.MO Mosaico S.c.a.r.l. Ravenna (Spin off Istituto di Scienza e Tecnologia Dei Materiali Ceramici 1987), Consulente CNR per la Realizzazione della Sezione “Materiali Ceramici Avanzati” per CNRSM – Brindisi, Membro della Commissione CNR – APC – CNRSM per la realizzazione della banca dati ALKIMYA, Presidente della Commissione per l’accordo di cooperazione tra CNR – ENEA – APC, Membro del Consiglio Scientifico ISRIM – Terni, Membro della Commissione del MURST per il PNR Chimica, Membro della Commissione del MURST per il PNR Materiali avanzati, Membro della Commissione CNR per la fattibilità PF MSTA 1 – CNR e Membro del Comitato di Progetto PF MSTA 1, Membro della Commissione CNR per la fattibilità PF MSTA 2 – CNR e Direttore del sottoprogetto “Materiali Ceramici” del PF MSTA2 CNR 1997/2000, Presidente della Conferenza “Verso il Polo Tecnologico” di Faenza, Presidente della Prima Conferenza Nazionale Ceramici Avanzati, Membro del Comitato Tecnico Tecnoargilla, Promotore dell’accordo di cooperazione tra Ente Fiera di Rimini e Ente Fiera di Nagoya per l'organizzazione di CERMAT, di cui è stato anche Presidente, Esperto Scientifico MIUR per progetti industriali ecc. Membro della Commissione IPI per lo sviluppo industriale, Promotore e membro di CER.NET: Tavolo di consultazione per la ricerca e sviluppo costituito da ASSOPIASTRELLE, ACIMAC (Associazione Industriale per le Macchine Impianti Ceramici), ANDIL, CERAMICOLOR, FEDERCERAMICA, ISTEC – CNR, Responsabile Progetto ACTA per la promozione del settore ceramico artigianale artistico nazionale (progetto MAP 2004 con la costituzione in Italia di 13 Centri di promozione artigianato), Membro Consiglio Scientifico ASP (Associazione Sviluppo Piemonte), Presidente Società Ceramica Italiana 1994/2000 e Presidente ECERS 1993/1995 e 2001/2005, Consigliere del CdA Agenzia Polo Ceramico S.c.a.r.l. Faenza con delega alla Programmazione-Gestione dal 2003 al 2008, Condirettore del Research Institute for Nanoscience (RIN) – Kyoto Institute of Technology in Kyoto (Progetto di Rilevanza del Ministero degli Affari Esteri)(2003/2005), Consigliere del CdA ASTER Scarl dal 2004 al 2007, Presidente dell’International Ceramic Federation dal 2006 al 2008 e Presidente dell’International Congress on Ceramics – Verona 2008, nonché organizzatore, valutatore e responsabile di numerose attività di ricerca in ambito internazionale.

Inoltre ha sempre contribuito personalmente alla docenza in varie sedi e ha dedicato un rilevante impegno alla realizzazione di iniziative relative alla formazione di ogni ordine e grado, considerando questa l’azione primaria per la valorizzazione delle attività di ricerca e per il sostegno all’innovazione tecnologica delle imprese e alla costituzione di nuove imprese.

Ha curato l’organizzazione di corsi professionalizzanti e posto l’ISTEC nelle condizioni di realizzare master per i beni culturali (in collaborazione con la Facoltà Beni Culturali di Ravenna e la Facoltà di Chimica Industriale di Bologna) e scuole di specializzazione sui materiali avanzati con la Facoltà di Chimica Industriale di Bologna, poi consolidatesi nel Corso di Laurea di Chimica e Tecnologie per l'Ambiente e per i Materiali – Materiali Tradizionali e Innovativi, dell’Università di Bologna attualmente ospitato nel Parco Tecnologico di Faenza.

Ha curato numerose iniziative relative al trasferimento tecnologico e al sostegno per l’innovazione e costituzione di imprese high tech, in particolare con l’iniziativa stabile "Technology Transfer Day" realizzata l’ACIMAC (Associazione Industriale per le Macchine Impianti Ceramici), con la responsabilità di un’unità operativa del P.S. - Trasferimento tecnologico del CNR e poi con la collaborazione al progetto esecutivo del Comune di Faenza del "Parco delle Arti e delle Scienze - Evangelista Torricelli – Faventia", situato in adiacenza alle sedi di CNR-ISTEC ed APC, ove è stato realizzato l’Incubatore.

Tale attività ed i relativi risultati hanno dato luogo anche ad un’intensa attività pubblicistica che si è articolata nella stesura di articoli scientifici su riviste internazionali, nella partecipazione in qualità di relatore a convegni e scuole sia di tipo scientifico che divulgativo nonché nel conseguimento di brevetti per lo sfruttamento industriale.

Dal 2009, riconfermando il proprio interesse all’innovazione per il conseguimento della qualità totale, ha contribuito, in collaborazione con ECO Certificazioni S.p.A., all’ottimizzazione del sistema italiano di certificazione, rafforzandone l’autorevolezza, prima in qualità di Consigliere di ALPI (Associazione Laboratori di Prova e Organismi di Certificazione Indipendenti) e poi anche come Presidente dell’area Prove, Controlli, Valutazioni e Certificazione” (PCVC) di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici (CSIT). Dal 2009 è Presidente di CerInvest Srl, attiva nella progettazione di materiali ceramici high tech e nella certificazione di prodotti per costruzioni per conto di ECO SpA, di cui nel 2010 è stato chiamato a ricoprire la carica di Vice Presidente.

Conscio delle necessità di internazionalizzazione imposte dalla globalizzazione dei mercati, nel 2011 è stato chiamato alla Presidenza della Società italo-cinese I&C Consulting Ltd.

È scomparso nel 2012 all'età di 67 anni a seguito di una lunga malattia[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ In ricordo del Dott. Gian Nicola Babini Cnr.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]