Giampietro Stocco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giampietro Stocco (Roma, 13 agosto 1961) è un giornalista e scrittore italiano, autore di storia alternativa, fantascienza e noir.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Si è laureato in scienze politiche all'Università di Roma "La Sapienza" con una tesi sulle minoranze nazionali in Europa, con particolare attenzione ai casi dell'Alto Adige e dello Schleswig-Holstein. Ha studiato per un dottorato di ricerca in Danimarca, nelle Università di Odense, Roskilde e all'Istituto di Studi Regionali di Aabenraa.

Vive e lavora a Genova dove è vicecaporedattore alla TGR, sede regionale RAI per la Liguria.

Ha pubblicato vari romanzi, a partire da Nero italiano (2003), un'ucronia in cui si ipotizza che l'Italia fascista non sia entrata in guerra nel 1940 e il regime sia proseguito integro fino al 1975, Dea del caos (2005), che è il sequel del primo libro. In entrambi i casi si tratta di opere di storia alternativa.

Nel marzo del 2006 Dea del caos è stata portata in scena a Finalborgo in un adattamento curato dal Teatro Garage di Genova, con la direzione artistica di Lorenzo Costa. L'anno dopo, con un nuovo adattamento, veniva generata una pièce che è stata rappresentata nella Sala Diana di Genova. Nel maggio del 2006 si è classificato settimo alla XII edizione del Premio Lovecraft[1]. È giunto in finale all'edizione 2005 del Premio Fantascienza.com[2].

Stocco ha vinto il Premio Alien nel 2006[3] con il racconto L'ospite, successivamente pubblicato negli Stati Uniti nell'antologia Anarchy Zone Time Yarns[4] curata da Erin Lale.

Ha pubblicato nel 2007 Figlio della schiera e l'anno dopo Dalle mie ceneri, avviando una svolta più decisamente fantascientifica alla sua produzione. È tornato nel 2010 alle origini con Nuovo mondo, una ucronia in cui immagina una scoperta dell'America alternativa in compagnia con Cristoforo Colombo e Leonardo da Vinci

Ha pubblicato nel 2012 un thriller-noir, Dolly, in cui immagina un cacciatore di donne all'opera in una Genova cupa e postmoderna. Del 2013 è La corona perduta, un romanzo di storia alternativa in cui immagina che Napoleone Bonaparte venga ucciso durante la Campagna d'Italia del 1796.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Romanzi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito ufficiale del Premio Lovecraft
  2. ^ Sito ufficiale del Premio Fantascienza.com
  3. ^ Alien e Lovecraft, ecco gli ultimi vincitori ∂ Fantascienza.com
  4. ^ Anarchy Zone Time Yarns

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 31512950 SBN: IT\ICCU\RAVV\348696