Giampietro Campana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giampietro Campana

Giovanni Pietro Campana (Roma, 1808Roma, 10 ottobre 1880) creato marchese di Cavelli (1849), mise insieme una delle più grandi collezioni del XIX secolo di sculture ed antichità greche e romane.

La parte della sua collezione di gioielli in oro ellenistica e romana conservata al Museo del Louvre ha permesso di produrre nel 2005-06.[1]

Fu un collezionista tra i primi dei primi dipinti italiani, i cosiddetti "primitivi" del IV e XV secolo, che erano trascurati dai suoi contemporanei. Inoltre come molti collezionisti italiani della sua generazione, raccoglieva anche le maioliche italiane del XV e XVI secolo. La sua caduta spettacolare aggiunge una nota particolare alla sua biografia.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Campana nacque in un ambiente sofisticato: la famiglia era anche affidataria della gestione del Monte di Pietà a Roma; Giovanni entrò come assistente nel 1831 e fu così efficiente che fu nominato direttore generale nel maggio del 1833. Nel 1835 fu fatto cavaliere da papa Gregorio XVI per ringraziamento dei prestiti che il riorganizzato Monte di Pietà fu in grado di fare al Vaticano.[3] Fu anche il primo Direttore (1836-1838) della Cassa di Risparmio di Roma. I primi scavi archeologici di Campana furono intrapresi nel 1829 a Frascati, dove la famiglia aveva l'uso di immobili appartenenti alla Camera Apostolica.

La Hera Campana, una copia romane di un originale ellenistico, ora al Museo del Louvre

Collezione[modifica | modifica wikitesto]

La collezione Campana comprendeva bronzi e sculture in marmo, il rilievi architettonici romani di terracotta, che sono ancora chiamati lastre "Campana", ceramiche, monete, medaglie, acquisito sul mercato e attraverso gli scavi nella sua proprietà e in altri siti, e finemente organizzati ed esposti alla Villa del Laterano. Collezionò anche pitture italiane, creando così una notevole collezione dei cosiddetti "primitivi" del XIV e del XV secolo.

Grazie alla sua esperienza maturata in campo archeologico– che nella metà del XIX secolo era prevalentemente una caccia di tesori d'arte e di curiosità, anche nelle mani di un sofisticato amatore – Campana fu responsabile della scoperta del colombario di Pomponio Hylas e di due altri colombari vicino al sepolcro degli Scipioni, di cui redasse la pubblicazione,[4] così come la pubblicazione della propria collezione di bassorilievi in terracotta di epoca repubblicana, che portano ancora il suo nome[5] Ottenne quindi posizioni di rilievo con l'amministrazione pontificia e fu messo a capo degli scavi a Ostia. Dal 1842 pubblicò varie edizioni della sua collezione di piastrelle modellate di terracotta, sotto il titolo Antiche opere in plastica discoperte, raccolte, e dichiarate, in cui offrì saggi antiquari sulla rappresentazioni mitologiche e iconografica nei pannelli e piastrelle stampati a rilievo; questo fu il primo lavoro di attirare l'attenzione su questi elementi architettonici trascurati, che hanno una lunga storia pre-romana nella civiltà etrusca

La versione della collezione Campana del II secolo d.C. della Venere Capitolina, scoperta ad Anzio; fa parte della collezione Campana al Louvre

Nel 1846 papa Pio IX fece una visita solenne a ispezionare la raccolta a Villa Campana, da cui Campana aveva rimosso le sue sculture romane. La villa di suo nonno era sulle pendici superiori del Celio, in precedenza ritiro di Paolo della Croce, e vi si accedeva attraverso cancelli in ferro battuto da via di Santo Stefano Rotondo subito fuori piazza San Giovanni in Laterano; era stata abbellita[6] e arredata in maniera classicheggiante che sembrava, a un lady inglese in visita "a temple of old Rome, with well-proportioned columns and pediment" ("un tempio dell'antica Roma con ben proporzionate colonne e frontone").[7] Il suo viale godeva dell'ombra del primo Eucalyptus di Roma, e nel giardino, accanto a piante esotiche, fontane e grotte, Giampietro Campana ricostruì una tomba etrusca.[8] Il sito aveva alcuni autentici precedenti antichi, rovine della domus di Plauzio Laterano[9] ed era attraversato da resti dell'Acquedotto Claudio; un triclinium affrescato scavato nel sito al tempo del padre di Campana fu immortalato in alcune incisioni. Annessa alla villa c'era la cappella di Santa Maria Imperatrice.[10] Le due sezioni della proprietà erano collegate da un tunnel privato che passava sotto via Santi Quattro Coronati.

Apogeo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1851 Campana sposò una signora inglese, Emily Rowles,[11] la cui famiglia aveva connessioni con il principe Luigi Napoleone, che poco dopo divenne Napoleone III. A causa dei suoi meriti culturali, Campana ricevette il titolo di marchese di Cavelli da Ferdinando II di Napoli. Fu consigliere del Granduca di Sassonia-Weimar[12]. Nel 1851, la celebrazione annuale del Natale di Roma, la tradizionale data della fondazione di Roma, celebrato dalla Pontificia Accademia Romana di Archeologia fu tenuto a Villa Campana sul colle Celio, nei pressi della Basilica di San Giovanni in Laterano;[13] tra i partecipanti ci fu Ludovico di Bavaria. Oltre a questa villa suburbana, Campana aveva anche la sua residenza romana principale, il Palazzo Campana, all'angolo tra via del Babuino e Piazza del Popolo; qui, secondo il Handbook for travellers in central Italy di Blewett (London, 1856), "Il museo Campana è per molti aspetti superiore al Museo Gregoriano al Vaticano,anche se è aperto solo un giorno alla settimana e solo per quelli che hanno una lettera di presentazione. Le lastre Campana possono essere viste più facilmente, poiché si trovano al Monte di Pietà"[14]. Vale la pena di citare la descrizione di Blewett della collezione di Palazzo Campana:

Fibula d'oro, Magna Graecia, ca. 630 a.C., dalla collezione Campana al Louvre
(EN)
« The specimens consist for the most part of gold ornaments, earrings in the form of genii, necklaces of scarabæi, filigree brooches, bracelets, neckchains, torques, chapelets in form of foliage &c.; the head of the horned Bacchus, and a gold fibula with an Etruscan inscription, equal, if they do not surpass, the finest productions of Trichinopoly or Genoa. One of the most remarkable objects in this collection is a superb Scarabæus in sardonyx, representing Cadmus destroying the Dragon. The collection of Etruscan vases is also very fine, several presenting historical scenes, with Greek and Etruscan inscriptions. The Cabinet of Bronzes comprises a fine series of Etruscan and Roman objects: 2 beautiful tripods, a mirror of extraordinary beauty and size, and a cinerary urn of most rare occurrence in metal; it was found near Perugia, containing the ashes of the dead, with a golden necklace, now amongst the jewellery; a bier of bronze, with the bottom in latticework, like that in the Museo Gregoriano, with the helmet, breastplate, greaves and sword of the warrior whose body reposed upon it. There are several fine specimens of Etruscan helmets, with delicate wreaths of gold foliage placed upon them. The collection of glass and enamels is most interesting, consisting of elegant tazze of blue, white and yellow glass mounted on filigree stands precisely as they were taken from the tombs. The series of Etruscan vases, not only from Etruria proper, but from Magna Grecia[15], is rich and extensive »
(IT)
« Gli esemplari esposti consistono per lo più in gioielli d'oro, orecchini in forma di genii, collane di scarabei, spille in filigrana, braccialetti, collani, torque, ghirlande in forma di foglie &c.; la testa di un Bacco con le corna, ed una fibula d'oro con un'iscrizione etrusca, eguagliano, se non sorpassano, le più fini produzioni di Trichinopoli o Genova. Uno dei più ammirevoli oggetti in questa collezione è un superbo Scarabæus[16] in sardonice, rappresentante Cadmo che uccide il drago. La collezione di vasi etruschi[17] è anche particolarmente fine, e molti presentano scene storiche, con iscrizioni greche ed etrusche. Il gabinetto dei bronzi comprende una serie di oggetti etruschi e romani: 2 bei tripodi, uno specchio di straordinarie bellezza e dimensione, ed un'urna cineraria tre le più rare in metallo; è stata trovato vicino Perugia, contenente le ceneri del morto, con una collana d'oro, ora tra le gioielleria; una bara di bronzo, con il fondo a traliccio, come quella che si trova al Museo Gregoriano, con elmo, piastra pettorale, schinieri e spada del guerrieri il cui corpo era stato posto qui. Ci sono diversi esemplari di caschi etruschi, con delicate ghirlande di foglie d'oro poste sopra.

La collezione di vetro e smalti è molto interessante, composta da eleganti tazze di vetro blu, bianco e giallo montato su supporti in filigrana precisamente come sono stati prelevati dalle tombe. La serie di vasi etruschi, non solo dall'Etruria, ma dalla Magna Grecia, è ricca e ampia. »

(Blewitt 1856, Handbook for travellers in central Italy)

La collezione Campana, riunita virtualmente da Susanna Sarti, Giovanni Pietro Campana, 1808-1880 : the man and his collection (Oxford, 2001), è on-line nel sito www.cvaonline.org; le sue dodici sezioni coprono vasi (I), bronzi (II), gioielli e monete (III), terrecotte (IV), vetri (V), dipinti etruschi, greci e romani (VI), sculture greche e romane (VII), dipinti italiani dal periodo bizantino a Raffaello (VIII), dipinti italiani dal 1500 a circa il 1700 (IX), maioliche italiane dei secoli XV e XVI (X), maioliche di Luca della Robbia e dei suoi contemporanei (XI), e curiosità etrusche e romane (XII).

Disonore[modifica | modifica wikitesto]

A causa di rovesciamento sorprendente delle sue fortune private,[18] impegnò i suoi gioielli antichi, e successivamente altre parti della collezione. Furono anche interrotti i lavori alla grande villa di Frascati del Vignola, che era stata preparata per accogliere le collezioni Campana, ma non riuscì a resistere alla tentazione di acquistare ventidue elementi di affresco classicistici dipinti da Baldassarre Peruzzi per la Villa Stati-Mattei, alla fine del 1856.[19] Fu accusato, arrestato nel novembre 1857 e condannato per malversazione dai fondi pubblici posti sotto la sua cura. Dopo un drammatico processo fu condannato a venti anni di prigione, commutati in esilio e disonore.

Dispersione[modifica | modifica wikitesto]

La sua collezione fu sequestrata dallo Stato Pontificio. Un catalogo della sua collezione fu pubblicato nel 1858 e la collezione fu messa in vendita. Opere della collezione Campana furono acquistate da grandi musei nazionali: il Museo dell'Ermitage di San Pietroburgo[20], dove al curatore dello zar, Stepan Gedeonov, fu offerto il diritto di scegliere gli oggetti dalla collezione prima dell'asta, il Victoria and Albert Museum di Londra ed il Metropolitan Museum of Art di New York.

Pendente greco di un diadema, oro, perle e perle di vetro, III-II secolo a.C.; Parigi, Louvre

Nella speranza di trovare un acquirente, l'oro antico fu affidato all'atelier Castellani, fondato nel 1814 da Fortunato Pio Castellani (1794-1865), un orefice, antiquario e collezionista, il cui atelier, nella produzione di gioielli e oreficeria, fu tra i primi a prendere ispirazione dall'oro dell'antichità, che era stato recuperato da Campana e da altri negli scavi della Campagna romana e in Etruria.[21] Augusto Castellani (1829-1914), uno dei figli di Fortunato Pio, studiò gli ori di Campana e fece sensibili restauri, che in alcuni casi costituirono delle pastiche assemblate da antichi frammenti, e presentò un catalogo. Lo studio intimo degli originali rari suggerirono ai Castellani nuove tecniche di lavorazione e più ampi restauri intrapresi durante il periodo in cui ebbero a disposizione la collezione Campana e che in alcuni casi trasformarono gli originali. Ulteriori copie e le interpretazioni furono effettuate da Castellani in un raffinato gusto archeologico. La collezione Campana di oro antico, rimontato e restaurato da Castellani fu acquistato dallo Stato francese nel 1862 ed è conservato al Louvre.

Nove gallerie del Louvre contengono le ceramiche greche della collezione Campana.

Tra le collezioni Campana, solo la raccolta numismatica di circa quattrocento monete d'oro romane e bizantine rimase a Roma, acquistata nel 1873 dall'amministrazione dei Musei Capitolini, grazie all'interessamento di Augusto Castellani, che era un membro fondatore della Commissione Archeologica Comunale, e che fu nominato direttore dei Musei Capitolini lo stesso anno. Inoltre il lascito anche della sua collezione di più di novemila monete costituì il nucleo della collezione pubblica attuale.

I pittori "primitivi"di Campana furono comprati dallo Stato francese. Nel 1976, 283 dipinti, già di proprietà di Campana, hanno ricevuto una sede ufficiale nel nuovo Musée du Petit Palais di Avignone.[22]

Tra i dipinti di Campana c'era anche una serie di cinque affreschi trasferiti su tela. I soggetti, dalla scuola di Raffaello, erano stati eseguiti nel 1523-1524 nella Villa Palatina a Roma, che si trova nei pressi della chiesa di San Bonaventura al Palatino. Sono andati con la parte della collezione Campana che i russi acquisirono nel 1861 e sistemati nel Museo dell'Ermitage a San Pietroburgo.

Ritorno a Roma[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la riunificazione dell'Italia, Campana tornò a Roma, dove morì il 10 ottobre 1880, nel tentativo infruttuoso di reclamare dal Pontificato i profitti realizzati con le vendite della collezione Campana Collection, al di là del valore per cui era stata impegnata. Il progetto dell'amministrazione cittadina di edilizia sovvenzionata da essere costruita sul sito di Villa Campana da parte della "Società Italiana edificatrice" cadde nel 1873,[23] e la villa entrò nella disponibilità di uno scultore inglese che viveva da tempo a Roma, Warrington Wood (1839-1886), un professore all'Accademia di San Luca. Con l'aiuto di un giardiniere inglese presto possedette "the best turf in Rome"[24]. Il sito è stato successivamente edificato.

Oltre alla mostra di Roma del 2006[25], lo stesso anno c'è stata una mostra: Frascati al tempo di Pio IX e del Marchese Campana : ritratto di una città tra cultura antiquaria e moderne strade ferrate[26] che colloca Campana nel suo contesto culturale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Trésors antiques: bijoux de la collection Campana" (Parigi, Musée du Louvre, 21 ottobre 2005—16 gennaio 2006), curata da Françoise Gaultier e Catherine Metzger; la mostra continuò e Milano ed ai Musei Capitolini di Roma, dove fu pubblicato un catalogo in italiano, Tesori antichi: i gioielli della collezione Campana. Molte delle informazioni derivano dalla introduzione del catalogo. La mostra a Roma fu esposta nella Sala degli Orazi e Curiazi dal 31 marzo al 25 giugno 2006.
  2. ^ Una biografia completa è in: Susanna Sarti, "Giovanni Pietro Campana, 1808-1880 : the man and his collection (Oxford : Archaeopress) 2001".
  3. ^ Luisa Vertova, "A New Museum Is Born" The Burlington Magazine 119 No. 888, Special Issue Devoted to Italian Painting of the Fourteenth and Fifteenth Centuries (Marzo 1977:158-167).
  4. ^ Di due sepolcri del secolo di Augusto, scoverti tra la via Latina e l’Appia presso la tomba degli Scipioni, 1840.
  5. ^ Kenneth Painter, "Via Gabina Campana reliefs": a brief introduction to "Campana" reliefs.
  6. ^ Una guida del 1854 ancora la considerava "la petite villa Campani ornée de quelques sculptures d'un médiocre intérêt", "la piccola villa Campani, decorata con sculture di mediocre interesse" (Giuseppe Robello, Les curiosités de Rome et de ses environs 1854:264); agli occhi del francese Edmond Lafond apparve come "chef-d'oeuvre de mauvais goût", a "capolavoro di cattivo gusto" (Lettres d'un pélèrin 1856).;
  7. ^ Una descrizione della villa come si presentava poco dopo la morte di Campana si trova in Mary Eliza Joy Haweis, Beautiful Houses: Being a Description of Certain Well-known Artistic Houses.. 1882, ch. vii "At Villa Campana"..
  8. ^ Citata in Blewitt 1856.
  9. ^ Confiscata sotto Nerone, divenne il nucleo del Palazzo Laterano.
  10. ^ La struttura fu largamente ricostruita da Campana. Fu demolita negli anni 1880, secondo Mariano Armellini, Le chiese di Roma dal secolo IV al XIX (Roma: Tipografia Vaticana) 1891 (testo on-line sul sito LacusCurtius.com); l'icona della Vergine che vi era custodita fu trasferita nel 1926 alla cappella dell'ospedale di San Giovanni in Laterano. (Roma per noi: il Celio p. 26
  11. ^ Il ritratto scolpito della moglie seduta, in marmo di Carrara, opera di Pietro Tenerani fu inserito nella mostra Frascati al tempo di Pio IX e del Marchese Campana, 2006
  12. ^ Vertova 1977:158
  13. ^ Villa Campana è così collocata sulla guida di Octavian Blewett, Handbook for travellers in central Italy (London; John Murray) 1856:212
  14. ^ In originale: "the Campana Museum is in many respects superior to the Museo Gregoriano at the Vatican', though the collection was open only one day a week and only to those bearing a letter of introduction. The "Campana" reliefs were more easily viewed, as they were at the Monte di Pietà".
  15. ^ "Grecia" nell'originale
  16. ^ Un intaglio in forma di uno scarabeo.
  17. ^ I vasi greci trovati nelle tombe etrusche erano allora considerati di produzione etrusca.
  18. ^ Un rapporto sulle finanze del Monte di Pietà effettuato da Vincenzo Pericoli nel 1847 aveva già scoperto alcune irregolarità problematiche.
  19. ^ The Metropolitan Museum of Art, acc. no. 48.17.1–22
  20. ^ In particolare laVenere Genitrice, lo Jupiter Fidiacus dalla villa di Domiziano vicino al lago Albano, e il busto ritenuto essere di Caio Mario, un dono per Campana da Pio VI; circa 500 vasi greci, tra cui la Hydria dalla Magna Grecia salutata come Regina Vasorum, e 200 bronzetti sono al Museo Statale Hermitage, la trasformazione delle antichità dello zar ottenuta con l'acquisizione della collezione Campana è rilevato dal Museo Hermitage: "1861: Purchase of the Marquis Gian Pietro Campana collection ".
  21. ^ Una selezione di gioielli Castellani è in mostra alla Gilbert Collection a Londra; altri sono visibili a villa Giulia, accanto ad originali etruschi e romani.
  22. ^ Vertova 1977:158-167.
  23. ^ Approvato il 31 ottobre, l'accordo decadde il 4 novembre secondo Spiro Kostof, "The Drafting of a Master Plan for 'Roma Capitale': An Exordium" The Journal of the Society of Architectural Historians 35.1 (marzo 1976:4-20) p. 20.
  24. ^ "l'erba migliore a Roma", secondo una visitatrice nel 1882, Maria Eliza Joy Haweis, che ha descritto la villa in Beautiful Houses: Being a Description of Certain Well-known Artistic Houses..., ch. vii "At the Villa Campana".
  25. ^ "Tesori antichi: I gioielli della collezione Campana
  26. ^ Curata da Giovanna Cappelli e Isabella Salvagni. Catalogo pubblicato a Roma: Campisano, 2006.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario biographico degli Italiani
  • Eveline Schlumberger, "L'inépuisable Collection Campana" Connaissance des Arts (February 1964:38ff)
  • S. Reinach, "Esquisse d'une histoire de la Collection Campana", Revue Archéologique (1904-05:1-135).
  • Helen and Albert Borowitz, Pawnshop and palaces: the fall and rise of the Campana art museum (Smithsonian Institution Press) 1991.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 9877745 LCCN: n90645896 SBN: IT\ICCU\UFIV\147606