Giampiero Bianchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giampiero Bianchi (Varese, 11 aprile 1945Roma, 16 luglio 2005) è stato un attore e doppiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la sua attività teatrale nel 1967 al Teatro Stabile di Genova, dove restò sino al 1976 e dove svolse quasi tutta la sua carriera teatrale.

Esordì in televisione molto giovane, nel 1968, nel popolare sceneggiato La freccia nera, interpretando il ruolo di Green. Nel 1972 fu la volta di un'altra mini-serie in tv, La donna di picche, prima di passare al teatro.

Tra le sue interpretazioni più rilevanti sul palcoscenico teatrale quelle in Tradimenti di Harold Pinter per lo Stabile di Trieste con Andrea Giordana ed Ivana Monti, in Le false confidenze di Marivaux (con Marco Sciaccaluga al Teatro Stabile di Genova.

Ha recitato nel ruolo di Guido Morante nella fiction di Rai Uno - Rai 2 Incantesimo 5-6, nel 2002-2003, ruolo che gli aveva dato una certa popolarità.

Ha recitato anche sul grande schermo, prendendo parte a undici film, tra cui Da grande (1987), Paura e amore (1988), Giovanni Falcone (1993) e Gialloparma (1999); nel 1992 Carlo Verdone lo ha scelto per la parte di Paolo nel film Al lupo al lupo.

È morto investito da un convoglio della metropolitana di Roma della Linea A, alla stazione Cornelia, il 16 luglio 2005, probabilmente suicida.[1][2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'Unità, Suicidio Giampiero Bianchi. Noto attore muore sotto la metropolitana., 17 luglio 2005
  2. ^ Il Giornale, Suicida a Roma lo psichiatra di «Incantesimo», 18 luglio 2005

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]