Giambattista Rubini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo cantante del XIX secolo, vedi Giovanni Battista Rubini.
Giambattista Rubini
cardinale di Santa Romana Chiesa
Giambattista Rubini.jpg
CardinalCoA PioM.svg
Nato 5 giugno 1642, Venezia
Ordinato presbitero 21 settembre 1683
Consacrato vescovo 21 maggio 1684
Creato cardinale 13 febbraio 1690 da papa Alessandro VIII
Deceduto 17 febbraio 1707, Roma

Giambattista Rubini (Venezia, 5 giugno 1642Roma, 17 febbraio 1707) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nipote del cardinale Pietro Ottoboni (il futuro papa Alessandro VIII) per parte materna, Giambattista Rubini era il figlio secondogenito di Donato Rubini e di sua mogli, Cristina Medici. Si laureò in utroque iure all'Università di Padova, quindi divenne canonico del capitolo della cattedrale di Padova. Referendario dei Tribunali della Signatura Apostoica e di Grazia e Giustizia, fu governatore delle città di Fabriano, Spoleto, Frosinone, Viterbo e Macerata, e delle province di Campagna e Marittima, Umbria e Marca. Il 10 settembre 1683 ricevette gli ordini minori, il 12 settembre il suddiaconato ed il 19 settembre il diaconato. Il 21 settembre 1683 venne ordinato sacerdote.

Eletto vescovo di Vicenza il 15 maggio 1684, venne consacrato il 21 maggio successivo a Roma per mano del cardinale Alessandro Crescenzi.

Lo zio, appena divenuto pontefice, lo nominò Cardinale Segretario di Stato nell'ottobre 1689, carica che ricoprì fino al 1691: fu creato quindi cardinale presbitero nel concistoro del 13 febbraio 1690, con il titolo di San Lorenzo in Panisperna (poi cambiato con quello di San Marco nel 1706). Partecipò al conclave del 1700, che elesse papa Clemente XI. Fu Camerlengo del Collegio Cardinalizio dal 1703 al 1704.

Morì il 17 febbraio 1707 alle 23.00, nel Palazzo della Cancelleria Apostolica a Roma. La sua salma venne esposta nella basilica di San Marco a Roma ove ebbero luogo anche i funerali il 19 febbraio e lì venne tumulata, di fronte alla cappella del Santissimo Sacramento.

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Successione apostolica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Successione apostolica.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Renata Ago, Carriere e clientele nella Roma barocca, Roma-Bari, Laterza, 1990.
Predecessore Vescovo di Vicenza Successore BishopCoA PioM.svg
Giuseppe Civran 1684-1702 Sebastiano Venier
Predecessore Cardinale Segretario di Stato Successore Emblem Holy See.svg
Alderano Cybo-Malaspina 1689-1691 Fabrizio Spada
Predecessore Cardinale presbitero di San Lorenzo in Panisperna Successore CardinalCoA PioM.svg
Orazio Mattei 1690-1706 Tommaso Ruffo
Predecessore Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore CardinalCoA PioM.svg
Toussaint de Forbin Janson 1703-1704 Tommaso Maria Ferrari
Predecessore Cardinale presbitero di San Marco Successore CardinalCoA PioM.svg
Marco Antonio Barbarigo 1706-1707 Giovanni Alberto Badoer