Giacomo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Giacomo è un nome proprio di persona italiano maschile.

Varianti[modifica | modifica sorgente]

  • Maschili
    • Varianti: Giacobbe, Jacopo, Iacopo,
    • Alterati: Giacomino, Iacopino
    • Ipocoristici e abbreviati: Giaco, Mino, Minuccio, Como, Lapo, Puccio, Muzzo, Muzio, Iago, Jago, Giaime, Jack (usato ormai in tutta Italia).
  • Femminili: Giacoma
    • Varianti: Giacobba, Jacopa
    • Alterati: Giacometta, Giacomina, Iacopina, Jacobella, Jacomella, Jacovella
    • Ipocoristici: Mina, Pucci

Varianti in altre lingue[modifica | modifica sorgente]

  • Anconitano: Giacomì
  • Abruzzese: Giacomì
  • Accadico: Aqob (ah-KOOB), Jakobos (jah-KOO-boos)
  • Aceh: Ya'qub
  • Afrikaans: Jakob, Jakobus, Jacob, Jacobus, Jaap (diminutivo), Jaak (diminutivo), Jake (diminutivo)
  • Albanese: Jakob(biblico), Jakobi, Japku, Jakup, Jakupi, Jakub, Jakubi, Jakov
  • Amarico (lingua semitica etiope): Ya’eqob, Ya‘əqob
  • Arabo: يعقوب (Yaʿqūb/Yakub)
  • Aragonese: Chaime
  • Aramaico: ያዕቆብ (Ya`iqob), Ukba, Ukva
  • Armeno: Հակոբ (Hakob), Յակոբ (Hagop)
  • Asturiano: Xaime, Xacobo, Xacobu
  • Azero: Yaqub, Yəqub, İakov
  • Barese: Giàchëmë, Giachëmìnë, Mimì, Mino
  • Basco: Jakes, Iacques, diminutivi: Yakue, Yaku, Yagoba, Jacobe, Jakobe, Jakob, Jacob, Jakoma, Jakome, Jagoba, Xanti, Jago
  • Baschiro: Яҡуп (Yaqup)
  • Bavarese: Jåggl
  • Bengalese: জেম্‌স (James)
  • Bielorusso: Jakub, Jakubuśniewicz, Jakaŭ, Jakuš, Якуб (Yakub), Якаў (Yakaw)
  • Bosniaco: Jakub, Jakup, Jakov
  • Brasiliano (Portoghese): Santhiago, Thiago, Thyago
  • Bretone: Jagu, Jagut, Jacut, Jak, Jakes, Jakez, Jakezig, Jakou, Kou, Kouig, Jegu, Iagu
  • Bulgaro: Яков (Yakov), Ikov, Jačo, Jako
  • Carnico: Jacump, Jacum
  • Calabrese: Iacovo, Iacoviello, Coviello, Japicu
  • Catalano: Jacob, Jaim, Jaume, Jaumet, Xaume
  • Cebuano: Jacob, Jacobo, Santiago
  • Ceco: Jakub, Jákob, Jakoubek, Jokubas, Kuba (diminutivo), Kubík (diminutivo), Kubíček (diminutivo), Kubas (diminutivo), Kubes (diminutivo), Kubis (diminutivo), Kubi (diminutivo), Kubo(diminutivo)
  • Cingalese: Yeɛqub
  • Cinese: 雅各 (pinyin: Yǎgè), 雅克 (pinyin: Yǎkè), 詹姆士 (pinyin: Zhānmǔshì), 詹姆斯 (pinyin: Zhānmǔsī)
  • Coreano: 야곱 (romaja: Yagob), 야고보 (romaja: Yagobo)
  • Cornico: Jago, Iago, Jacca, Jammes, Jamma, Jamys
  • Còrso: Ghjacomu, Ghjacumu, Giacumu
  • Creolo: Jak, Jakòb
  • Creolo haitiano: Yaquimo, Jockomo
  • Croato: Jakov, Jaka, Jakob, Jako, Jaša, Jaška, Jakša
  • Danese: Jakob, Jacob, Jaco, Jep, Jeppe, Ib
  • Dari: يعقوب (Jacob)
  • Ebraico: יעקב (Ya'aqov), Akiba, Akiva, Kiva, Kivi (KEE-vee), ג'קי (Jacky), Kobi (KOH-bee), Yaacob, Yaakov (yah-ah-KOHV), Yaaqov, Yachov, Yacov, Yaki (YAH-kee), Yakob, Yakov, Yasha
  • Esperanto: Jakobo
  • Estone: Jaagup, Jaak, Jakkab, Jakkob, Jakob
  • Estremadurana: Santiagu
  • Etiope: Yaqob
  • Ewe: Yakob
  • Faraoese: Jákup, Jakku (diminutivo)
  • Fiammingo: Jacob, Jaak, Jaap
  • Filippino: Jaimé
  • Finlandese: Jaakob, Jaakoppi, Jaakko, Jaakkoo, Jaak, Jake, Jakke, Jakki, Jaako, Jaakka, Jaakki, Jäkki, Jaakku, Jaaku, Jaska, Jaskari, Jassu, Jasu, Kauppo, Kauppi, Koppi
  • Fiorentino: Jacopo, Jacopino, Iacopo, Iacopino, Jacobbe, Iacobbe, Coppo, Lapo, Puccio, Pino, Pinuccio, Ciacco (diminutivo forse derivato dal francese Jacques)
  • Francese antico: Iaquet, Jaco, Jacot, Jacquot, Jacquet, Jacquemin, Jacqueminot
  • Francese: Jacob, Jacques, Jacque, Jaque, Jaques, Jacquot, Jacot, Jacquet, Jaco, Iaquet, Jacquemin, Jacqueminot, Jacquine, Jacq (diminutivo), Jacqui (diminutivo), Jacquy (diminutivo), Jack (diminutivo), Jacky (diminutivo), Jame, Gemmes (in Normandia), Gemme (in Normandia), Jakou (diminutivo), Jacomo
  • Frisone: Jakip, Jap, Japik, Jepk, Jabbo, Coob
  • Friulano: Jacum, Jacumin
  • Gallese: Siam, Siâms, Iago, Jago, Jacob, Jac
  • Galiziano: Santiago, Xaime, Iago, Xacobe
  • Genovese: Giacomo, Giacomin
  • Georgiano: იაკობ (Iakob), იაკობი (Iakobi), კობა (Koba)
  • Giapponese: ヤコブ((romaji: Yakobu), ジェームズ (romaji: Jēmuzu) Anche: ジェイムス (romaji: Jeimusu) oppure ジェムス (romaji: Jemusu)
  • Gotico: Iakob, Iakobus
  • Greco antico: Ἰάκωβ (Iakōb), Ἰάκωβος (Iakōbos)
  • Greco moderno: Ιάκωβ (Iakov), Ιάκωβος (Iakovos), Yángos (Γιάγκος), Gyánkos (Γιάγκος)
  • Groenlandese: Jaaku
  • Hausa: Yakubu
  • Hawaiiano: Kimo, Iakopa, Iakoba, Iakopo
  • Hindi: Akkoobjee, Jako, जेम्स (Jēmsa)
  • Illirico: Jàkob
  • Indonesiano: Yakob, Yakub, Yakobus
  • Inglese: Jacob, Jakob, Jaycob, Jacoby, Jakeb, Jake, Jaki, Jakie, Jakey, Jak, Jac, Jack, Jacky, Jackie, Jock, Jocky, Jockey, Jaco, Jacko, Jocko, Cob, Cobb, Cobby, Coby, Koby, Jeb, Jeggy, James, Jaymes, Jambo, Jim, Jimi, Jimbo, Jumbo, Jam, Jams, Jae, Jas, Jay, Jimmy, Jimmie, Jem, Jemmy, Jamey, Jamie (sia maschile che femminile), Jayme, Jami, Jamy, Jeames
  • Inglese (Tredicesimo secolo): Iame, Jamettus, Jame, Iamys, Jamys, Iames, Jacquemes, Sekope, Semísi
  • Inuktitut: Sakko, ᔮᑯᑉ (Jaakup)
  • Irlandese: Iacób, Séamas, Shemus, James, Iamus, Jamie, Jem, Jemser, Simi, Shéamais (vocativo), Seamus (inglesizzato), Shamus (inglesizzato), Séimí, (diminutivo), Séimín (diminutivo)
  • Islandese: Jakob, Jakop
  • Jèrriais: Jâcob, Jimce
  • Jivaro: Jakupu
  • Kannada: ಜೇಮ್ಸ್ (Jēms)
  • Kazako: Жақып (Zhaqyp, Zhakip), Якуб (Yakub, Yacoob), Шамис (Shamis)
  • Kinyarwanda: Yakobo
  • Kölsch: Köbes
  • Kurdo: Aqo, Ya’qub
  • Ladino dolomitico: Iacun, Sacun (San + Iacun)
  • Latino: Iacōb, Iacōbus, Jacōb, Jacōbus, Iacōmus, Jacōmus
  • Lettone: Jeka, Jēkabs, Jeks, Jekups, Jeska, Jezis, Kubischu
  • Limburghese: Jacobus, Jacob, Jaokob, Jacques, Jack, Cobus, Kuub, Keub(e), Kuèb, Zjaak, Jaco
  • Lituano: Jokūbu, Jokūbas, Jakas, Jecis, Jekebs, Jocubas, Jçkaba
  • Lusaziano: Jakub
  • Lussemburghese: Jakob, Jacob
  • Macedone: Jakov, Јаков (Yakov), Jakle, Jako
  • Malayalam: യാക്കോബ്‌ (Yacob,Yakob), ചാക്കോ (Chacko)
  • Malese: يعقوب (Ya'qub), Ya'kub, Yakub, Yaakub
  • Maltese: Ġakob, Ġakbu, Ġakmu, Jakbu
  • Mantovano: Iàcum
  • Manx: Jayms, Yayms
  • Maori: Hakopa, Kapene, Hemi
  • Marathi: जेकब (Jekaba), जेम्स (Jemsa)
  • Milanese: Giàcum, Giàcumin, Cum, Cumin, Cüm, Cümin
  • Mòchena: Jakob, Jackel, Jakel, Jekkele, Jeckel, Iacòm
  • Mohawk: Sak
  • Moldavo: Iacob, Iacov
  • Molisano: Giacomì
  • Napoletano: Jacuvo, Jacuviello, Cuviello, Coviello, Giacumino
  • Navajo: Jéíkab
  • Nigeriano: Yakubu
  • Normanno: Jaque, Jacque, Gemme, Gemmes
  • Norreno: Jakob
  • Norvegese: Jakob, Jacob, Jakop, Jakaupr, Jeppe, Jep, Ib
  • Occitano: Jacòb, Jammes, Jaume, James
  • Olandese: Jacob, Jakob, Jacobus, Jakobus, Jocob, Jokob, Jaco, Jacco, Japie, Jaap, Jeep, Jaak, Jack, Jacky, Japik, Jabik, Cobus, Coos, Chime, Sjaak, Sjakie, Koos, Koosje, Kobbe, Kobus, Ko, Jop, Jobby, Sjimmie, Jim, Jimmy
  • Papiamento: Jacob, Jacobo
  • Pavese: Giacom, Jacom, Zàcom
  • Persiano: Yaghoub, Yaghub, یعقوب , جیمز , جیمز , جاکوب (Jâkub), یعقوب (Yàghoob), جیمز (Jeymz)
  • Piemontese: Giaco, Giacolino, Giacom, Giàcu
  • Polacco: Jakub, Jakubek, Jakob, Jakuś, Jakób, Jakow, Jekub, Jokob, Jokub, Jakusz, Jakuszek, Jakubko, Kusz, Kuszęt, Kub, Kuba, Kubuś, Kubek, Jaksa
  • Portoghese: Diogo, Jaime, Jayme, Jacó, Jacob, Tiago, Iago, Santiago
  • Provenzale: Jacme, Jacqueme, Jaqueme
  • Punjabi: ਜੇਮਸ (Jēmasa)
  • Retoromanzo (Ladino): Giachem, Giachen, Giacun, Giatgen, Jachen
  • Romanesco: Jacomo (pronunciato Gjacomo)
  • Romancio: Jacob
  • Romeno: Iacob, Iakob, Iacov, Iakov
  • Russo: Яков (Yakov), Иаков (Iákov, forma ebraica), diminutivi: Яковка (Jákovka), Яша (Yasha)
  • Sami: Jáhkot, Jáhko, Jágát, Jágo, Járre, Járri
  • Samoano: Iakopo (eh-yuk-oh-po)
  • Sardo: Giacu, Giagu, Jacu, Iacu, Iaccu, Giaccumu, Giaccomu, Giaime, Giàime, Jaku, Jagu, Yacu
  • Scozzese Gaelico: Seumas, Sheumais (vocativo), Hamish (inglesizzato), Jaikie, Simidh
  • Serbo: Јаков/Jakov (Yakov); Јаша/Jaša (Yasha) (diminutivo), Jaka, Jakob, Jakup
  • Siculo: Giaimo, Giacumu, Jacomu, Jacobbi, Japicu, Japico, Jacupu, Jacupuzzu
  • Singalese: Santhiyago, Diogu
  • Siriaca: ܝܰܥܩܽܘܒ (Yaqub), Yaqo, Yaqko, Aqob, Jakobos
  • Slavo ecclesiastico: Iakovu, Іакѡвъ
  • Slovacco: Jakub, Kubo, Kubko (diminutivo), Jakubko (diminutivo)
  • Sloveno: Jaka, Jakob, Jakac, Jakec, Jakelj, Jaki, Jakil, Jaklič, Jaklin, Jakobčič, Jakobe, Jakobec, Jakomin, Jakopec, Jakopič, Jakopin, Jakoš, Jakšič, Kobe, Kobetič, Žak, Žaki
  • Somalo: Yacquub
  • Sorabe: Jakub
  • Spagnolo: Santiago, Tiago, Santi, Xanti, Jaime, Jaimito, Jayme, Joscia, Diego, Diago, Diegito, Yago, Jacobo, Jacob, Yak, Chak, Chaki, Chago
  • Svedese: Jakob, Jacob, Jakop, Jakaup, Jack, Jåp
  • Svizzera (italiano, francese, tedesco): Giacomo, Jacques, Jakob, Jacob, Jabbo, Jog, Joggi, Jobbi, Joggel, Jokkel, Jeggeli, Joggeli, Jeckel, Jaeckel, Jöckel, Jäckel, Jackel, Jockel, Jaecki, Jecki, Jock, Jocky, Jocki, Jäg, Jack, Jacky, Jäggi, Kobi, Köbi, Köbes, Jacquot, Jaco, Jacquet, Schaggi, Schnäggli, Bopp, Jagü, Chöbi, Jakobli
  • Swahili: Yakobo, Yakubu
  • Tagalog: Jaime, Santiago
  • Talugu: జేమ్స్ (Jēms)
  • Tamil: Djaqueu, ஜேம்ஸ் (Jēms)
  • Tedesco: Jakob, Jacob, Jakobus, Jacobus, Jakobchen, Jeckel, Jaeckel, Jockl, Jockel, Jackel, Jacke, Jaecki, Jecki, Jock, Jocky, Jocki, Jäck, Jäckel, Jäggi, Joggi, Jaki, Jaky, Jöckel, Joki, Joky, Jokel, Jokele, Jakel, Jakele, Kobi, Köb, Köbi, Köbes, Koeeb, Caugl, Schack
  • Thailandese: ยาโคบ, เจมส์ (Jame, Cems̄̒)
  • Tibetano: Yaʿăqōḇ
  • Turco: Yakup, Yakub, Jakob
  • Twi: Yakubu
  • Ucraino: Яків (Yakiv, Yakiw), Ясько (Jaśko), Яцко (Jacko), Jakub
  • Ungherese: Jakab, Jákob, Jákób, Jákó, Jakus, Akevy, Jakabka, Kabos, Kobi, Kubík, Kuba
  • Urdu: جیمز (Yakob, Yakub)
  • Valdostano: Dzaco, Dzaque
  • Valenziano: Jacop, Jaume, Dídac
  • Vallone: Djåcob, Djåcques
  • Veneto: Jacomo, Jacometo, Jacomello
  • Vietnamita: Giacôbê, Gia-cô
  • Wolof: Yakub
  • Yiddish: Yaakov, Yankel, Kapel, Capel, Koppel, Coppel, Yankev, Yankl, Yankele, Kiva, Kiveh, Yank, Yanki, Yekel, Yekl
  • Yoruban: Yakubu
  • Zulu: Jacob

Origine e diffusione[modifica | modifica sorgente]

Giacomo, insieme alle sue numerose varianti e alterazioni, deriva dal nome ebraico יעקב (Ya'ãqōb) che nella Genesi fu dato a Giacobbe, patriarca d'Israele, figlio di Isacco e Rebecca, nato in un parto gemellare dopo il fratello Esaù (Gen 25,25-26). Generalmente è interpretato come derivante da aqebh "tallone, calcagno" (perché Giacobbe era nato stringendo con la sua mano il tallone del fratello)[1] o anche da aqab "soppiantare"[2] (perché soppiantò Esaù nella primogenitura). In maniera più probabile è un nome teoforico, con l'aggiunta della radice qb, "proteggere" e significherebbe "Dio ha protetto"[3].

Dal nome ebraico, attraverso l'adattamento greco Ιάκωβ (Iako'b) e latino Iacób deriva l'italiano Giacobbe. Nella Bibbia il nome compare successivamente nel Nuovo Testamento a designare due apostoli: Giacomo il Maggiore, figlio di Zebedeo e Giacomo il Minore detto l'Alfeo. Per distinguerli dal patriarca, i loro nomi furono resi nella lingua greca come Ιάκωβος (Iakobos) e in quella latina Iacóbus o Iácobus, da cui poi le forme Giàcobo e Iacopo, ormai antiquate, e infine l'italiano Giacomo[3].

Da san Giacomo il Maggiore, il cui culto è largamente popolare in Spagna, deriva il nome Santiago, letteralmente "santo Yago", forma spagnola arcaica di Giacomo. Il nome Diego potrebbe potrebbe essere una forma abbreviata di Santiago, tuttavia è possibile anche un'origine indipendente.

In Francia questo nome, nella variante Jacques, indica tradizionalmente il contadino, per via del soprannome di Jacques Bonhomme (Giacomo Buonuomo) dato dai nobili, non senza un'allusione spregiativa, al contadino francese nel Medioevo. Da Jacques prese il nome di Jacquerie l'insurrezione contadina scoppiata nel 1358 nella regione dell’Oise, durante la Guerra dei cent'anni[4]. Il termine passò poi ad indicare genericamente una violenta sollevazione popolare. Altro termine derivato da Jacques è giacca[5], tipico indumento corto e dal taglio semplice indossato dai contadini francesi.

Dal lungo e faticoso cammino dei pellegrini diretti al santuario spagnolo di san Giacomo di Compostella è forse derivato il modo di dire le gambe mi fanno giacomo giacomo. Secondo altre ipotesi la strada di san Giacomo sarebbe, secondo la cultura popolare, la via Lattea attraverso la quale il santo accompagna le anime dei moribondi in cielo. O ancora potrebbe esserci un'origine onomatopeica, dal suono giac giac che farebbero le ginocchia quando sono stanche. Una ulteriore ipotesi mette in relazione la figura del contadino francese Jacques Bonhomme, considerato un sempliciotto, con la sua andatura barcollante[6].

Onomastico[modifica | modifica sorgente]

Per i cattolici:

Per gli ortodossi:

Santi e beati[modifica | modifica sorgente]

Persone[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Persone di nome Giacomo.

Sovrani[modifica | modifica sorgente]

Altre persone[modifica | modifica sorgente]

  • Giacomo Acerbo (Loreto Aprutino, 1888 – Roma, 1969), economista e politico italiano
  • Giacomo Agnesi (Genova, 1859 – Imperia, 1929) politico, ingegnere e industriale italiano
  • Giacomo Maria Airoli (Genova, 1660 – Roma, 1721), gesuita e orientalista italiano, commentatore delle Sacre Scritture
  • Giacomo Alberione (Fossano, 1884 – Roma, 1971), sacerdote italiano, fondatore di congregazioni religiose ed editore, venerato come beato dalla Chiesa cattolica.
  • Giacomo Allegretti (Forlì, prima del 1326 – Rimini, 1393), poeta, filosofo, medico ed astrologo italiano
  • Giacomo Ammannati Piccolomini, detto il Papiense (Pescia, 1422 – Bolsena, 1479), cardinale, vescovo cattolico e umanista italiano
  • Giacomo Antonelli (Sonnino, 1806 – Roma, 1876) è stato un cardinale italiano, ultimo segretario di Stato dello Stato Pontificio
  • Giacomo Attendolo, detto Muzzo o Muzio (Cotignola, 1369 – Pescara, 1424), condottiero e capitano di ventura italiano
  • Giacomo Badoer (Venezia, 1403 – Venezia, ? prima del 1445), politico e mercante italiano della Repubblica di Venezia
  • Giacomo Balla (Torino, 1871 – Roma, 1958), pittore, scultore, scenografo e autore di "paroliberi" italiano
  • Giacomo Boncompagni (Isola del Liri, 1652 – Roma, 1731), arcivescovo cattolico e cardinale italiano
  • Giacomo Bresadola (Ortisé, 1847 – Trento, 1929), presbitero e micologo italiano
  • Giacomo Casanova (Venezia, 1725 – Dux, odierna Duchcov, 1798), avventuriero, scrittore, poeta, alchimista, diplomatico, filosofo e agente segreto italiano, cittadino della Repubblica di Venezia
  • Giacomo Colonna, detto Sciarra (Venezia, 1270 – Venezia, 1329), principe e membro della famiglia Colonna
  • Giacomo Cusmano (Palermo, 1834 – Palermo, 1888), sacerdote italiano, venerato come beato dalla Chiesa cattolica
  • Giacomo da Campli (Campli, c. 1420 – 1492?), pittore italiano
  • Giacomo da Viterbo (Viterbo, circa 1255 – Napoli, 1307), filosofo, teologo e arcivescovo italiano, venerato come beato dalla Chiesa cattolica
  • Giacomo Della Porta (Porlezza, 1532 – Roma, 1602), architetto e scultore italiano
  • Giacomo Devoto (Genova, 1897 – Firenze, 1974), glottologo e linguista italiano
  • Giacomo Doria (La Spezia, 1840 – Borzoli, 1913), naturalista, botanico e politico italiano
  • Giacomo Durazzo (Genova, 1717 – Venezia, 1794), diplomatico, al servizio della Repubblica di Genova, ed uomo di teatro italiano
  • Giacomo Gastaldi (Villafranca Piemonte, 1500 – Venezia, 1566), cartografo veneziano
  • Giacomo Grillo (XIII secolo), trovatore genovese
  • Giacomo Illirico (Zara, circa 1400 – Bitetto, 1490), religioso italiano, venerato come beato dalla Chiesa cattolica
  • Giacomo Inaudi (Borgata Norat comune di Roccabruna, 1867 – Champigny-sur-Marne France, 1950), calcolatore prodigio italiano
  • Giacomo Jaquerio (Torino, 1375 circa – Torino, 1453), pittore italiano
  • Giacomo Leopardi (Recanati, 1798 – Napoli, 1837), poeta, filosofo, scrittore, filologo e glottologo italiano
  • Giacomo Levi Civita (Rovigo, 1846 – Padova, 1922), patriota e politico italiano
  • Giacomo Lumbroso (Il Bardo, 1844 – Santa Margherita Ligure, 1925), archeologo, storico, glottologo, papirologo ed ellenista italiano
  • Giacomo Malatesta (1530 – Roma, 1600), condottiero italiano
  • Giacomo Manzù (Bergamo, 1908 – Roma, 1991), scultore italiano
  • Giacomo Margotti (Sanremo, 1823 – Torino, 1887), presbitero e giornalista italiano
  • Giacomo Matteotti (Fratta Polesine, 1885 – Roma, 1924), politico socialista e antifascista italiano
  • Giacomo Medici, marchese del Vascello (Milano, 1817 – Roma, 1882), generale e politico italiano
  • Giacomo Micaglia (1601 – 1654), linguista e lessicografo italiano
  • Giacomo Papocchi (Montieri, 1213 – Montieri, 1289), religioso eremita italiano, venerato come beato dalla Chiesa cattolica
  • Giacomo Pasquali (Siena, XIII secolo – Siena, 1331), religioso italiano, venerato come beato dalla Chiesa cattolica
  • Giacomo Perlasca (Brescia, 1919 – Brescia, 1944), militare, partigiano e antifascista italiano, medaglia d'argento al valor militare
  • Giacomo Poretti, comico, attore, sceneggiatore e regista italiano componente del trio comico Aldo, Giovanni & Giacomo
  • Giacomo Puccini (Lucca, 1858 – Bruxelles, 1924), compositore italiano, considerato uno dei massimi operisti della storia
  • Giacomo Quarenghi (Rota d'Imagna, 1744 – San Pietroburgo, 1817) architetto e pittore italiano
  • Giacomo Rho (Milano, 1593 – Pechino, 1638), gesuita italiano, che servì come missionario e astronomo alla corte imperiale di Pechino
  • Giacomo Salomoni (Venezia, 1231 – Forlì, 1314), sacerdote e mistico italiano, venerato come beato dalla Chiesa cattolica
  • Giacomo Sessa (Milano, 1778 – Arzago d'Adda, 1862), generale, patriota e pittore italiano
  • Giacomo Tommasini (Parma, 1768 – 1846), docente e medico italiano
  • Giacomo Torelli (Fano, 1608 – Fano, 1678), scenografo, ingegnere e architetto italiano del periodo barocco
  • Giacomo Zanella (Chiampo, 1820 – Cavazzale di Monticello Conte Otto, 1888), presbitero e poeta italiano

Variante "Giacobbe"[modifica | modifica sorgente]

Varianti femminili[modifica | modifica sorgente]

  • Giacoma Limentani, traduttrice, scrittrice e saggista italiana
  • Giacoma de Settesoli, o Jacopa (Roma, circa 1190 – Assisi, circa 1239), terziaria francescana, amica di san Francesco d'Assisi
  • Giacometta di Lussemburgo (ca. 1415 – 1472), duchessa consorte di Bedford, poi baronessa consorte e infine contessa consorte di Rivers
  • Giacomina di Bueil (1588 – Moret-sur-Loing, 1651), contessa di Moret, una delle amanti del re Enrico IV di Francia
  • Giacomina di Hainaut (L'Aia, 1401 – Teylingen, 1436), duchessa di Baviera-Straubing, contessa di Hainaut e d'Olanda

Variante inglese "James"[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Persone di nome James.

Variante francese "Jacques"[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Persone di nome Jacques.

Variante francese "Jacob"[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Persone di nome Jacob.

Variante francese "Jaime"[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Persone di nome Jaime.

Altre varianti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Persone di nome Jim e Persone di nome Jimmy.

Il nome nelle arti[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Furono detti "giacobini" i rivoluzionari francesi del 1789 dal fatto che le prime riunioni furono tenute nel chiostro attiguo alla chiesa di San Giacomo.
  • In Puglia, e specialmente nella provincia di Bari, il diminutivo del nome "Giacomo" è per molti "Mino", ma pochi sanno che anche "Mimì" è un diminutivo del nome "Giacomo", poiché nel dialetto di alcuni paesi "Giacomo" si pronuncia "Giacmin/m" da cui appunto il diminutivo "Mimì".

Patronomici[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cf. Antonio Borrelli, san Giacobbe Patriarca in santiebeati.it.
  2. ^ Giacobbe in Sapere.it
  3. ^ a b Emidio De Felice, op. cit.
  4. ^ Voce Jacquerie dall'Enciclopedia Treccani
  5. ^ Lemma giaco nel Vocabolario Etimologico della Lingua Italiana di Ottorino Pianigiani
  6. ^ Accademia della Crusca, Per la storia del detto le gambe fanno giacomo giacomo, trattata in un articolo di Ornella Castellani Pollidori

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Emidio De Felice, Dizionario dei nomi italiani, Arnoldo Mondadori Editore, Pag. 187, ISBN 88-04-48074-2.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

antroponimi Portale Antroponimi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antroponimi