Giacinto Berloco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giacinto Berloco
arcivescovo della Chiesa cattolica
SANGUIS Brvgensis 2013-17a.jpg
Template-Archbishop (ad personam).svg
Titolo Fidene
Incarichi attuali Nunzio apostolico in Belgio e Lussemburgo
Incarichi ricoperti Pro-nunzio in Zimbabwe
Delegato in Mozambique
Nunzio in Costa Rica
Nunzio a El Salvador
Nunzio in Belize
Nunzio in Venezuela
Nato 31 agosto 1941 ad Altamura
Ordinato presbitero 19 marzo 1966
Consacrato arcivescovo 5 aprile 1990 da papa Giovanni Paolo II

Giacinto Berloco (Altamura, 31 agosto 1941) è un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque ad Altamura nel 1941 e venne ordinato presbitero per la prelatura di Altamura il 19 marzo 1966. Ottenne il dottorato in teologia e la licenza in diritto canonico. Entrò nel corpo diplomatico della Santa Sede a partire dal 1972, prestando servizio dapprima nelle rappresentanze pontificie in Costa Rica, Paesi Bassi e Spagna; poi prestò servizio presso la Segreteria di Stato Vaticano.[1] Il 5 settembre 1974 papa Paolo VI lo insignì del titolo di cappellano di Sua Santità mentre il 24 giugno 1985 papa Giovanni Paolo II lo elevò al titolo di prelato d'onore di Sua Santità.[2]

Il 15 marzo 1990 papa Giovanni Paolo II lo elesse titolare di Fidene con dignità personale di arcivescovo, fu contemporaneamente nominato pronunzio apostolico in Zimbabwe e delegato apostolico in Mozambique. Ricevette la consacrazione episcopale il 5 aprile successivo per l'imposizione delle mani dello stesso papa Giovanni Paolo II e dei cardinali arcivescovi coconsacranti Giovanni Battista Re e Justin Francis Rigali. Il 17 luglio 1993 fu nominato nunzio apostolico in Costa Rica mentre il 5 maggio 1998 fu nominato nunzio in El Salvador e Belize. Il 24 febbraio 2005 fu nominato nunzio in Venezuela.

Il 18 giugno 2009 papa Benedetto XVI lo nominò nunzio in Belgio e il 24 luglio successivo gli fu assegnata anche la nunziatura in Lussemburgo.

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Successione apostolica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Successione apostolica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Benedetto XVI nomina mons. Berloco, Nunzio in Lussemburgo
  2. ^ Acta Apostolicae Sedis 77 (1985), S. 1111

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo titolare di Fidene
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Giacomo Biffi dal 15 marzo 1990 in carica
Predecessore Pro-nunzio apostolico in Zimbabwe Successore Emblem Holy See.svg
Patrick Coveney 15 marzo 1990 - 17 luglio 1993 Peter Paul Prabhu
Predecessore Delegato apostolico in Mozambico Successore Emblem Holy See.svg
Patrick Coveney 15 marzo 1990 - 17 luglio 1993 Peter Stephan Zurbriggen
Predecessore Nunzio apostolico in Costa Rica Successore Emblem Holy See.svg
Pier Giacomo De Nicolò 17 luglio 1993 - 5 maggio 1998 Antonio Sozzo
Predecessore Nunzio apostolico a El Salvador Successore Emblem Holy See.svg
Manuel Monteiro de Castro 5 maggio 1998 - 24 febbraio 2005 Luigi Pezzuto
Predecessore Nunzio apostolico in Belize Successore Emblem Holy See.svg
Eugenio Sbarbaro 5 maggio 1998 - 24 febbraio 2005 Luigi Pezzuto
Predecessore Nunzio apostolico in Venezuela Successore Emblem Holy See.svg
André Pierre Louis Dupuy 24 febbraio 2005 - 18 giugno 2009 Pietro Parolin
Predecessore Nunzio apostolico in Belgio Successore Emblem Holy See.svg
Karl-Josef Rauber dal 18 giugno 2009 in carica
Predecessore Nunzio apostolico in Lussemburgo Successore Emblem Holy See.svg
Karl-Josef Rauber dal 24 luglio 2009 in carica