Ghiaccio IX

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il ghiaccio IX è una forma solida di acqua stabile a temperature al di sotto di 140 K e a pressioni tra 200 e 400 MPa. Ha un reticolo cristallino tetragonale e una densità di 1,16 g/cm³, 26% più elevata del ghiaccio comune. Si forma raffreddando il ghiaccio III da 208 K a 165 K (rapidamente, per evitare la formazione del ghiaccio II). La sua struttura è identica la ghiaccio III a parte l'avere i protoni ordinati.

Il comune ghiaccio d'acqua è noto come ghiaccio Ih (nella nomenclatura di Bridgman). Diversi tipi di ghiaccio, dal ghiaccio II al ghiaccio XV, sono stati creati in laboratorio a diverse temperature e pressioni.

Nelle opere di fantasia[modifica | modifica sorgente]

Il ghiaccio-nove è un materiale immaginario inventato dallo scrittore Kurt Vonnegut nel suo romanzo omonimo del 1963 (il cui titolo originale era Cat's Cradle). Il materiale in questione è diverso e non ha le stesse proprietà del vero ghiaccio IX polimorfo – che esiste, ad esempio, come solido stabile alla temperatura ambiente e alla normale pressione atmosferica.

Una sostanza chiamata ghiaccio-9 è menzionata nel gioco della Nintendo DS 999: Nine Hours, Nine Persons, Nine Doors. Sembra però un riferimento alla sostanza di Vonnegut, piuttosto che a quella reale.

Nella musica[modifica | modifica sorgente]

La canzone "Ice 9" compare sull'album di Joe Satriani Surfing with the Alien. Il titolo della canzone è un riferimento al materiale presente nel romanzo di Vonnegut.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Bridgman, P. W. (1937). J. Chem. Phys. 5, 964.
  • Chaplin, Martin, Ice-three and ice-nine structures in Water Structure and Science, 11-11-2007. URL consultato il 02-01-2008.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

  • Ghiaccio per la trattazione più vasta delle forme cristalline del ghiaccio

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]