Ghawar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Ghawar (in arabo حقل الغوار) è un campo petrolifero dell'Arabia Saudita nella provincia orientale a 100 km dalla città di Dhahran. È il maggior campo petrolifero convenzionale[non chiaro] del mondo con una estensione di 280 km per 30 km[estensione del campo in superficie o del giacimento sotterraneo?]. La sua produzione è gestita dalla compagnia statale Saudi Aramco.

Fu scoperto nel 1948 e entrò in produzione nel 1951. Le stime delle riserve petrolifere, fatte prima della nazionalizzazione del petrolio saudita stimarono il volume di petrolio presente nel giacimento in 170 Gbbls, di cui 60 recuperabili.

Verticalmente nel sottosuolo il campo di Ghawar è divisibile in 5 zone produttive: Ain Dar and Shedgum, Uthmaniyah, Hawiyah e Haradh, che corrispondono a 5 anticlinali nella formazione rocciosa che contiene la riserva e avrebbero costituito dei giacimenti diversi se il volume di petrolio non fosse stato così grande (dunque se la linea di contatto acqua-petrolio fosse stata più alta). La grande oasi di Al Hofuf è situata sul fianco del giacimento, vale a dire nella zona di Uthmaniyah.

La qualità di petrolio varia leggermente a seconda delle zone.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Circa il 60-65% di tutto il petrolio saudita prodotto tra il 1948 e il 2000 proviene da Ghawar. La produzione cumulativa alla fine del 2005 è stata di 60 miliardi di barili (basato su Croft). Si stima che la sua produzione sia di 5 milioni di barili al giorno (6.25% della produzione mondiale)

Ghawar produce anche 56 633 693 m³ di gas naturale al giorno.

Riserve[modifica | modifica sorgente]

Saudi Aramco ha dichiarato che vi siano più di 71 miliardi di barili di riserve provate rimanenti. Alcune persone come Matthew Simmons nel suo libro Twilight in the Desert, suggeriscono che la produzione di Ghawar e dell'Arabia Saudita possano presto raggiungere il picco. Tuttavia il lavoro di Simmons è stato fortemente criticato dai vertici della Saudi Aramco come Nansen Saleri.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]