Get Up with It

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Get Up With It
Artista Miles Davis
Tipo album Studio
Pubblicazione 22 novembre 1974
Durata 123:52
Dischi 2
Tracce 8
Genere Fusion
Funk
Etichetta Columbia Records
Produttore Teo Macero
Registrazione dal maggio 1970 ad ottobre 1974 ai Columbia Studios E (NYC)
Miles Davis - cronologia
Album precedente
(1974)
Album successivo
(1976)

Get Up With It è un doppio album di Miles Davis registrato in diverse sessioni dal 1970 al 1974 e pubblicato nel novembre 1974. Questo fu l'ultimo album in studio pubblicato da Miles Davis prima di cinque anni di ritiro dalle scene e raggiunse l'ottava posizione nella Jazz Albums statunitense.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di una raccolta di brani registrati tra il 1970 e il 1974 (ma ancora inediti all'epoca della pubblicazione di questo LP). L'album venne pubblicato il 22 novembre 1974, fu anche l'ultimo album in studio pubblicato da Miles Davis prima di cinque anni di ritiro dalle scene, e l'ultimo che vide Teo Macero come produttore. I due brani principali dell'album, He Loved Him Madly, e Calypso Frelimo, anche se registrati nel corso di varie sedute di registrazione, sono entrambi eseguiti da un ottetto di musicisti la cui formazione differisce in solo due elementi. Le uniche composizioni nuove registrate e pubblicate nel 1974 sono: He Loved Him Madly - Maiysha - Mtume, mentre le altre fanno parte di sessioni di registrazioni non pubblicate.

Descrizione dei brani[modifica | modifica sorgente]

He Loved Him Madly è un tributo in musica dedicato alla memoria di Duke Ellington, morto pochi giorni prima della registrazione. Ellington era un musicista del quale Miles Davis aveva molto rispetto.

Calypso Frelimo è un palcoscenico per la maestria tecnica di Davis alla tromba, che egli suona utilizzando una tecnica di estrazione di quasi tutti i suoni dallo strumento. La traccia ha un'atmosfera latineggiante.

Rated X è stata registrata dagli stessi musicisti che parteciparono alle sessioni di On the Corner. La tetra atmosfera di questa canzone, dove Davis suona esclusivamente l'organo elettrico, ricorda alcune opere di compositori contemporanei europei, in particolare Iannis Xenakis, Witold Lutoslawski e Krzysztof Penderecki.

Honky Tonk risale al periodo delle sessioni per l'album Live-Evil, in questo pezzo Miles suona una tromba classica, non elettrificata.

Red China Blues è principalmente un blues classico. Si tratta della canzone dalla struttura più semplice sull'album.

Maiysha e Mtume furono le ultime canzoni registrate per l'album. Maiysha in qualche modo annuncia il Miles degli anni '80, chiaramente influenzato dalla musica pop. Il brano termina con un assolo di chitarra quasi hendrixiano. Mtume pone tutta l'enfasi del brano sul ritmo.

Billy Preston, registrata nel 1972 in un periodo nel quale il "sound" di Miles era piuttosto funky, è dedicata all'omonimo pianista che aveva collaborato con Davis.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

In Get Up with It Davis mette in atto una nuova e imprevedibile svolta estetico-musicale, centrata sull'uso atipico e ossessivo dell'organo elettrico suonato in maniera sinistra e quasi cinematografica, e sul raddoppio delle chitarre elettriche (una di accompagnamento ed una solista). Disco anch'esso come il precedente Big Fun, caratterizzato dalla presenza di brani sparsi provenienti da diverse sessioni temporali del '72, '73, '74, nelle quali Davis spesso suona l'organo anziché la tromba (il motivo più plausibile di questo cambio di strumento sembrerebbe da imputarsi ai persistenti problemi fisici causati da un forte dolore all'anca che precludeva a Miles l'adottare una normale postura eretta necessaria per suonare la tromba).[1] L'utilizzo prevalente dell'organo fa quindi sparire le altre tastiere, niente più Fender Rhodes e sintetizzatori. L'album è caratterizzato dall'inclusione di composizioni dalla durata molto dilatata, dove i brani arrivano a raggiungere anche i trenta minuti come nel caso di Calypso Frelimo e della malinconica He Loved Him Madly. Musicalmente, l'arrivo nella band di James Mtume (a cui è intitolato un pezzo sull'album) e Pete Cosey eliminò qualsiasi traccia residua di sensibilità europea dalla musica del gruppo, rendendola sempre più africana spostando l'enfasi sulle percussioni invece che sugli assoli dei musicisti.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

CD 1

  1. He Loved Her Madly (1974) - 32:19
  2. Maiysha (1974) - 14:57
  3. Honky Tonk (1970) - 5:58
  4. Rated X (1972) - 6:53

CD 2

  1. Calypso Frelimo (1973) - 32:13
  2. Red China Blues (1972) - 4:12
  3. Mtume (1974) - 15:13
  4. Billy Preston (1972) - 12:35

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Musicisti[modifica | modifica sorgente]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

He Loved Him Madly

Registrazione ai Columbia Studio E, New York City 19 o 20 giugno, 1974

Maiysha

Registrazione ai Columbia Studio E, New York City 7 ottobre, 1974

Honky Tonk

Registrazione ai Columbia Studio E, New York City 19 maggio, 1970

Rated X

Registrazione ai Columbia Studio E, New York City 6 settembre, 1972

Calypso Frelimo

Registrazione ai Columbia Studio E, New York City 17 settembre, 1973

Red China Blues

Registrazione ai Columbia Studio E, New York City 9 marzo, 1972

Mtume

Registrazione ai Columbia Studio E, New York City 7 ottobre, 1974

Billy Preston

Registrazione ai Columbia Studio E, New York City 8 dicembre, 1972

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cerchiari, Luca. Miles Davis - Dal bebop al jazz rock (1945-1991), Mondadori, 2001, pag. 218

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]