Gesta Hungarorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gesta hungarorum map.jpg

Gesta Hungarorum è il titolo di due cronache storiche Ungheresi che si collocano all'inizio del medioevo. Raccontano la storia degli Ungheresi e della famiglia reale Ungherese. Sono più racconti che memorie storiche e contengono un'immagine piuttosto soggettiva del periodo in cui furono scritti, perciò non possono essere usati come fonte documentale certa dagli storici. Sono scritte in latino e ci sono giunte solo copie degli originali.

Gesta Hungarorum di "Anonimus"[modifica | modifica wikitesto]

Anonimus Bele Regis Notarius” è il nome con cui conosciamo il notaio-cronista del re ungherese Béla III (1148-1196): "Anonimo". Come si intuisce dal nome, non sappiamo nulla di lui, tranne che la sua firma era: "P. dictus magister". È per questo che fu chiamato così. Alcune ricerche ipotizzano che potesse essere stato un certo Pietro, vescovo di Győr. Le "Gesta" svelano che aveva studiato a Parigi. Le Gesta Hungarorum narrano della storia degli Ungheresi e di come essi discenderebbero dagli Unni. Vi si trovano anche informazioni preziose sulla nobiltà e sulla letteratura dell'epoca.

Gesta Hunnorum et Hungarorum di Simone di Kéza[modifica | modifica wikitesto]

Simone di Kéza era il cronista del re Ladislao IV. Il vivace racconto consiste in due parti.

  • La prima (La cronica degli Unni) racconta la leggenda degli Unni e dei Magiari, basata su memorie orali.
  • La seconda è il racconto della storia Ungherese.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]