Gervasio Gestori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gervasio Gestori
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
Veritas et caritas
Titolo San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto
Incarichi attuali Vescovo emerito di San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto
Incarichi ricoperti Vescovo di San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto
Nato 1º febbraio 1936 (78 anni) a Barlassina
Ordinato presbitero 28 giugno 1959 dal cardinale Giovanni Battista Montini (poi papa Paolo VI)
Nominato vescovo 21 giugno 1996 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo 7 settembre 1996 dal cardinale Carlo Maria Martini, S.J.

Gervasio Gestori (Barlassina, 1º febbraio 1936) è un vescovo cattolico italiano, dal 4 novembre 2013 vescovo emerito di San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Barlassina, in provincia di Monza e della Brianza ed arcidiocesi di Milano, il 1º febbraio 1936.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Ad undici anni entra nel seminario arcivescovile di Seveso, dove frequenta le medie ed il ginnasio; si trasferisce poi presso quello di Venegono Inferiore, dove segue i corsi del liceo e la facoltà teologica.

È ordinato presbitero il 28 giugno 1959 dal cardinale Giovanni Battista Montini (poi papa Paolo VI) nella cattedrale di Milano.

Dopo l'ordinazione è insegnante di lettere presso le scuole medie del seminario di Masnago, l'anno dopo diventa direttore spirituale del seminario di Seveso. Il 1º luglio 1967 ottiene la laurea in filosofia. È, dal 1968, insegnante di filosofia e storia presso il seminario di Venegono Inferiore; nel 1969 diventa preside del liceo-ginnasio del seminario di Milano. Nel 1978 è rettore del seminario liceale. Nel 1984 è nominato parroco di Melzo dal cardinale Carlo Maria Martini. Cinque anni dopo, nel 1989 la Conferenza Episcopale Italiana lo nomina sottosegretario e presidente del comitato per gli interventi caritativi a favore del terzo mondo.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 giugno 1996 papa Giovanni Paolo II lo nomina vescovo di San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto; succede a Giuseppe Chiaretti, precedentemente nominato arcivescovo metropolita di Perugia-Città della Pieve. Riceve l'ordinazione episcopale il 7 settembre successivo nella cattedrale di Milano dal cardinale Carlo Maria Martini, coconsacranti l'arcivescovo Giuseppe Chiaretti ed il vescovo Bernardo Citterio. Prende possesso della diocesi il 22 settembre seguente.

Promuove, nel 2008, il sinodo diocesano, che conclude solennemente il 20 novembre 2011. Il 4 novembre 2013 papa Francesco accoglie la sua rinuncia presentata per raggiunti limiti di età; gli succede Carlo Bresciani[1].

È stato inoltre membro del consiglio per gli affari economici della Conferenza Episcopale Italiana, segretario della conferenza episcopale delle Marche e delegato di quest'ultima per la cooperazione missionaria tra le Chiese e per la promozione del sostegno economico alla Chiesa.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.
Trattamenti di
Gervasio Gestori
Stemma
Vescovo emerito di San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto
Trattamento di cortesia Sua Eccellenza
Trattamento colloquiale Vostra Eccellenza
Trattamento religioso Vescovo
Trattamento alternativo Monsignore
I trattamenti d'onore

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rinuncia del vescovo di San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto (Italia) e nomina del successore

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto Successore BishopCoA PioM.svg
Giuseppe Chiaretti 21 giugno 1996 - 4 novembre 2013 Carlo Bresciani