Gertrude Baniszewski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gertrude Baniszewski

Gertrude Baniszewski, conosciuta anche come Gertrude Wright e Nadine Van Fossan (Indianapolis, 19 settembre 1929Laurel, 16 giugno 1990), è stata un'assassina statunitense.

Nata col nome di Gertrude Nadine Van Fossan da Hugh Marcus Van Fossan Sr. e Mollie Myrtle (nata Oakley), entrambi provenienti dall'Illinois, assistette alla morte del padre avvenuta il 5 ottobre 1939 per un attacco di cuore. A 16 anni si ritirò dalla scuola e a 18 sposò il vice-sceriffo Stephan Baniszewski (1926-2007), un uomo di origini polacche proveniente da Youngsville, con il quale ebbe cinque figli (in seguito, egli avrebbe cambiato nome in John Blake).

Anche se il marito aveva un carattere irascibile, i due stettero insieme dieci anni prima di divorziare. A 34 anni Gertrude andò a convivere col diciottenne Dennis Lee Wright, che abusò di lei: i due ebbero un figlio, chiamato Dennis Lee Wright Jr. (in seguito ribattezzato Denny Lee White dalla madre adottiva) ma, dopo la sua nascita, il giovane partner della donna l'abbandonò e scomparve[1].

Nel luglio del 1965 Lester and Betty Likens, di professione giostrai, in previsione di un lungo viaggio di lavoro attraverso gli USA diedero in affido le loro due figlie - la sedicenne Sylvia Marie e la quindicenne Jenny Faye - in cambio di 20 dollari alla settimana: le due ragazze frequentavano lo stesso liceo dei figli della Baniszewski e durante le domeniche avevano incrociato Gertrude in chiesa. I coniugi Likens non avevano mai visto prima la signora a cui stavano affidando le loro rampolle ma papà Lester, come riferì al processo, "non curiosò" sulle condizioni della casa e incoraggiò la donna a "raddrizzare le sue figlie".

La Baniszewski, descritta dal The Indianapolis Star come una persona "emaciata e smunta, sottopeso e asmatica", soffriva di depressione e di stress per via dei due rapporti sentimentali falliti che aveva alle spalle e cominciò a sfogare la sua rabbia su Sylvia e Jenny: dapprima le picchiò con delle pagaie dopo che il pagamento dei 20$ non era arrivato in tempo e poi mise in severa punizione la maggiore accusandola di aver rubato delle caramelle; fu questo l'inizio di un regolare sistema di abuso minorile[2].

Nel mese di agosto la Baniszewski cominciò ad abusare verbalmente e fisicamente di Sylvia Likens, permettendo ai suoi figli più grandi di picchiarla e spingerla giù per le scale. Quando seppe che la fanciulla aveva già avuto un fidanzatino, Gertrude l'accusò di essere una prostituta e le fece dei lunghi "sermoni" trattanti l'impudicizia delle meretrici e delle donne in generale. Dopo che le sorelle Likens riferirono l'accusa delle figlie di Gertrude - Paula e Stephanie - di essere prostitute, il fidanzato di Stephanie, Coy Hubbard, e diversi altri compagni di classe e ragazzi del posto furono portati per assistere alle percosse della Baniszewski contro Sylvia Likens; la carnefice delle due adolescenti costrinse anche Jenny a malmenare la sorella[3].

Quando Sylvia urinò nel suo letto, Gertrude la chiuse a chiave in cantina e le proibì di usare il bagno: in seguito, la costrinse a consumare le sue feci e urine. Poco prima della morte di Sylvia, la Baniszewski cominciò a scolpirle le parole "Io sono una prostituta e sono fiera di esserlo!" nel suo ventre con un ago bollente, anche se fu Richard Hobbs - un ragazzo del quartiere - a finire l'incisione quando la donna non riuscì più a farlo a causa dell'odore; Hobbs, con l'aiuto di Shirley Baniszewski (la quale aveva solo dieci anni) utilizzò anche un bullone riscaldato per bruciare il numero "3" sul petto di Sylvia.

Qualche volta durante questo periodo Jenny era riuscita a contattare la sorella maggiore Diana, a cui aveva delineato gli orrori che le due sorelle stavano vivendo e chiedendole di contattare la polizia: Diana Likens, tuttavia, commise l'errore di non approfondire la questione e, pensando che Jenny fosse semplicemente dispiaciuta per aver ricevuto una punizione, ritenne che la sorellina stesse inventando delle storie in modo da poter tornare con la propria famiglia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Torturing Death of Sylvia Marie Likens – Baniszewski’s Background
  2. ^ RetroIndy: The 1965 murder of Sylvia Likens
  3. ^ The Torturing Death of Sylvia Marie Likens