Gerry Adams

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gerard Adams

Gerard Adams detto Gerry (in gaelico Gearóid Mac Ádhaimh; Belfast, 6 ottobre 1948) è un politico nordirlandese. È il presidente del Sinn Féin, braccio politico dell'IRA e unico partito presente sia nell'Oireachtas Éireann (il parlamento dell'Eire, composto dal Dáil Éireann, equiparabile alla Camera, e dal Seanad Éireann, che nel sistema istituzionale irlandese ha meno poteri del Dáil) che nella Northern Ireland Assembly (l'assemblea legislativa nordirlandese nata in seguito al Belfast Agreement, l'Accordo del Venerdì Santo). Il Sinn Féin è presente anche a Westminster ma i suoi eletti non vi partecipano, non riconoscendolo.

Primi anni[modifica | modifica sorgente]

Gerry Adams nasce, primo di 10 tra fratelli e sorelle, da Gerry Adams Sr., che aveva scontato 5 anni nella prigione di Crumlin Road a Belfast per reati connessi all'IRA, e da Annie Hannaway, membro di una delle più note famiglie repubblicane di Belfast (i suoi fratelli Liam e Alfie sono stati membri importanti dell'IRA di Belfast, mentre Kevin Hannaway, figlio di Liam e cugino di Gerry, è arrivato fino alla posizione di Adjutant General (secondo in comando) dell'IRA.

Dopo i primi tempi in cui la famiglia visse a Greencastle, a nord di Belfast, Annie Hannaway riuscì a farsi assegnare una casa a Divismore Park, nel nuovo quartiere in costruzione di Ballymurphy, a West Belfast, che nel corso dei Troubles è stato una delle roccaforti dell'IRA. La famiglia Adams era di modeste condizioni economiche e Gerry, pur essendo un bravo studente, a 17 anni lasciò la scuola e cominciò a lavorare come barista. Influenzato in egual misura dalle idee libertarie e di sinistra che venivano dai campus statunitensi e dal repubblicanesimo che aveva sempre respirato in famiglia, nel 1966 si iscrisse al Sinn Féin impegnandosi in varie lotte (soprattutto quella per il diritto alla casa).

Militanza nell'IRA[modifica | modifica sorgente]

Oltre che nel Sinn Féin Gerry era anche entrato nell'IRA (anche se Adams ha ripetutamente negato, la sua militanza nell'Irish Republican Army è stata più volte confermata dalle forze di sicurezza britanniche e irlandesi oltre che raccontata in numerosi libri) e svolse un ruolo di primo piano nella difesa delle zone cattoliche attaccate dai lealisti nell'agosto 1969.

Al momento della scissione dell'organizzazione che darà vita alla Provisional IRA Gerry (e l'unità di Ballymurphy sotto il suo comando) si schierò dalla parte dei Provisionals e si ritiene che, all'interno dell'organizzazione, abbia ricoperto i ruoli di OC (Officer Commanding) del Secondo Battaglione della Brigata Belfast (Belfast Brigade), OC della Brigata Belfast e infine, per un breve periodo, di Capo di Stato Maggiore (Chief of Staff), oltre ad aver fatto parte del Consiglio dell'Esercito (Army Council, l'organo di sette persone che decide la strategia dell'IRA) per più di 20 anni.

Arresti[modifica | modifica sorgente]

Nel 1971, mentre è in clandestinità ricercato dagli inglesi, sposa Colette McArdle, dalla quale avrà un figlio, Gearoid. Il 14 marzo 1972 viene arrestato dagli inglesi durante un raid all'alba nella casa in cui viveva con Colette in Harrogate Street, nella zona di Clonard, e viene internato senza processo sulla nave-prigione Maidstone, ancorata nel Belfast Lough. Pochi mesi dopo però, in seguito a colloqui tra esponenti del movimento repubblicano e funzionari del governo britannico volti a definire i termini di una tregua, dietro precisa richiesta Adams viene rilasciato per permettergli di far parte della delegazione dell'IRA che, il 7 luglio 1972, incontra a Londra il Segretario di Stato per l'Irlanda del Nord Sir William Whitelaw. Quest'incontro non servì a granché e poco dopo ripresero le ostilità e ricominciò anche la clandestinità di Adams, che si interruppe di nuovo nel luglio 1973 quando venne arrestato insieme ad altri tre membri dello Stato Maggiore della Brigata Belfast (Brendan Hughes, Tom Cahill e Owen Coogan). Questa volta viene rinchiuso a Long Kesh, dove divenne un punto di riferimento per i militanti più giovani e da dove diede il suo contributo alla "politicizzazione" del movimento repubblicano con gli articoli che scriveva regolarmente per An Phoblacht-Republican News (AP-RN, organo ufficiale del Sinn Féin) con lo pseudonimo di "Brownie".

Ascesa nel Sinn Féin[modifica | modifica sorgente]

Appena rilasciato, nel 1977, viene eletto all Ard Comhairle (Comitato Esecutivo) del Sinn Féin e, insieme a Danny Morrison, direttore di AP-RN, partecipa alla stesura dell'annuale discorso pronunciato alla commemorazione di Theobald Wolfe Tone, fondatore degli United Irishmen e "nume tutelare" del repubblicanesimo irlandese. Il discorso, pronunciato da Jimmy Drumm, veterano dell'IRA dagli anni quaranta, segna una svolta nella strategia repubblicana perché, oltre a denunciare gli errori della dirigenza nella gestione della tregua del '74-'75, delinea per la prima volta la necessità di una "guerra di lunga durata" che doveva essere condotta sviluppando anche la proposta politica del movimento "..coinvolgendo la classe lavoratrice delle 26 Contee (come i repubblicani chiamano l'Eire)". All'interno del Sinn Fèin si stava svolgendo la stessa lotta intestina che stava avvenendo all'interno dell'IRA tra la vecchia dirigenza e un gruppo di elementi più giovani critici della strategia del movimento (tra i quali Martin McGuinness, Brian Keenan, Danny Morrison e Ivor Bell).

Scioperi della fame[modifica | modifica sorgente]

Lo status di Adams (diventato vicepresidente del Sinn Féin) all'interno del movimento repubblicano venne accresciuto enormemente durante il periodo degli scioperi della fame (ottobre 1980- ottobre 1981) dei detenuti dell'IRA e dell'INLA sia per il fatto che era con Adams che comunicava (tramite messaggi scritti su cartine di sigarette e fatti uscire di nascosto da Long Kesh) Brendan "Bik" McFarlane, OC dei detenuti, e sia perché era fisicamente più vicino allo svolgersi degli eventi in quanto altri capi dell'IRA e del Sinn Féin come Ruairi O'Bradaigh e Daithi O'Conaill vivevano a sud del confine e non potevano mettere piede in Irlanda del Nord pena l'arresto.

Grazie agli scioperi della fame la propaganda per il Sinn Féin fu enorme e Adams riscosse i frutti di ciò quando, nel 1983 venne eletto prima a Westminster, per la circoscrizione di West Belfast (seggio che perse nel 1992 e riconquistò nel 1997 ma che non occupò mai in ossequio alla tradizionale posizione "astensionista" dei repubblicani irlandesi), e poi alla presidenza del Sinn Féin.

Attentato[modifica | modifica sorgente]

Il 13 marzo 1984, mentre era a bordo di un'auto nel centro di Belfast, Adams (e altre due delle tre persone che erano in auto con lui) rimase gravemente ferito in un attentato a colpi di arma da fuoco da parte di un commando dell'UFF guidato da John "Grugg" Gregg, divenuto poi comandante della South-East Antrim Brigade dell'UDA prima di essere ucciso nel 2002 durante una faida interna da uomini di Johnny "Mad Dog" Adair, comandante della West Belfast Brigade, in seguito espulso dall'organizzazione.

Scissione[modifica | modifica sorgente]

All'Ard Fhéis (il congresso) del Sinn Féin del 1986 Adams, McGuinness e i loro alleati riuscirono a far passare una mozione che permetteva agli eletti del Sinn Féin di prendere il proprio posto nelle istituzioni dell'Eire. La mozione era stata già approvata (in segreto) dalla Assemblea Generale (General Army Convention) dell'IRA e, nonostante la strenua opposizione dei "tradizionalisti", guidati da O'Bradaigh e O'Conaill, fu approvata anche dal Sinn Féin. O'Bradaigh e O'Conaill abbandonarono il congresso con i loro sostenitori e fondarono il Republican Sinn Féin oltre a creare anche un nucleo armato (la Continuity IRA) che però si manifestò solo dieci anni più tardi per timore di rappresaglie della Provisional IRA.

Processo di pace[modifica | modifica sorgente]

Con il controllo del partito saldamente nelle sue mani, Adams alla fine degli anni ottanta iniziò un dialogo con il leader dello SDLP John Hume che doveva portare negli anni seguenti al coinvolgimento del governo irlandese e di quello statunitense guidato da Bill Clinton nel processo di pace.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Recentemente la BBC[1] ha fatto sapere che nella voce inglese di Gerry Adams su Wikipedia sono stati eliminati, a partire da un computer del Vaticano, i riferimenti ad articoli di giornali pubblicati l'anno scorso, in cui si comunicava che la polizia ha ritrovato impronte digitali dell'uomo politico repubblicano su un'automobile usata per un duplice omicidio nel 1971.

Storia recente[modifica | modifica sorgente]

Il 30 aprile 2014 Gerry Adams è stato arrestato dalla polizia nordirlandese perché accusato di essere implicato nell'omicidio di una donna, Jean McConville. Tale omicidio sarebbe avvenuto nel 1972 ad opera di membri dell'IRA perché la donna venne riconosciuta come informatrice delle forze di sicurezza. Il suo scheletro era già stato ritrovato nel 2003 in una spiaggia dell'Irlanda del Nord.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Articolo originale della BBC del 16 agosto 2007
  2. ^ Uk, arrestato Gerry Adams, leader di Sinn Féin: è coinvolto in un omicidio del 1972 - Il Fatto Quotidiano

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 9941260 LCCN: n83142260

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie