Geronimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Geronimo (capo apache))
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Geronimo (disambigua).
Geronimo

Geronimo (in Ndendahe Goyaałé, Goh-ya-tlay; Gila, 16 giugno 1829Fort Sill, 17 febbraio 1909) è stato un condottiero nativo americano, fu uno dei più famosi capi degli Apache, e per oltre 25 anni guerreggiò contro gli Stati Uniti e la loro espansione ad occidente.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Geronimo in una foto di Edward Sheriff Curtis

Geronimo nacque nei pressi del fiume Gila, all'epoca territorio Messicano (oggi è parte del New Mexico, che insieme all'Arizona costituiva il Nuevo Mexico/Nuovo Messico prima dell'acquisizione dell'intero territorio da parte degli U.S.A.) di fatto occupato dagli Apache Bedonkohe (talvolta chiamati Mogollones), sottodivisione degli Ndehndahe, mentre gli Apache Nednhi Ndehndahe erano stanziati più a sud, nelle zone di Carrizal (Carrizaleños) e di Janos (Janeros), nell'attuale Chihuahua.

Geronimo era, appunto, un Bedonkohe Ndehndahe Apache, nipote di Mahko (capo supremo degli Ndehndahe) e figlio del figlio di costui, Taklishim, ma, per la sua successiva associazione coi Chiricahua Apache (specialmente dopo la morte di Cochise), è spesso considerato, invece, un Chiricahua. Crebbe divenendo un rispettato sciamano e un esperto guerriero, che combatté frequentemente contro le truppe messicane, dapprima al seguito di Luis - all'epoca capo della banda Bedonkohe Ndehndahe (avendo assunto il ruolo altrimenti naturalmente spettante proprio a Taklishim ) - e del grande Mangas Coloradas, e poi in associazione con Juh e con Victorio, e, dopo la morte di quest'ultimo, con Nana, Mangus (figlio minore di Mangas Coloradas) e Naiche (figlio minore di Cochise, subentrato al comando dei Chiricahuas dopo la morte del fratello maggiore Tahzay grazie al sostegno di Nahilzay, fidato luogotenente del padre). Fu soprannominato dal proprio popolo "il Sognatore" perché asseriva di essere in grado di vedere il futuro; effettivamente, Geronimo fu, insieme al Cibecue Coyotero Nakai-doklini (o Nokai-delklinne) il di-yin più considerato nella seconda metà del secolo XIX. I suoi avversari messicani gli diedero invece il soprannome di "Geronimo", la versione in lingua spagnola del nome Girolamo.

Dopo il massacro di Kasyeh compiuto dai Messicani nel 1851, nel quale perdette la moglie, i tre figli e la madre, divenne implacabile nemico dei Messicani e combatté contro un sempre maggior numero di truppe messicane e statunitensi e divenne famoso per il suo coraggio e per essere sfuggito numerose volte alla cattura, ma anche per un carattere estremamente sospettoso e per un'astuzia al limite della doppiezza, tanto più rimarcata a fronte della brutale lealtà del suo contemporaneo Victorio.

Geronimo, guerriero indubbiamente coraggioso e abile, divenne un capo di primo piano soltanto dopo la morte dei grandi capi delle precedenti generazioni (quali Mangas Coloradas, Cuchillo Negro, e il più giovane, rispetto ai precedenti, Cochise), e dei propri coetanei Victorio e Juh, associandosi in particolare con Nana, del quale sposò una figlia, Pionsenay, Mangus, Naiche.

Le forze di Geronimo divennero l'ultimo grande gruppo di combattimento di pellerossa che si rifiutò di riconoscere come padrone il governo degli Stati Uniti nel West. Questa lotta giunse a termine il 4 settembre 1886, quando Geronimo si arrese al generale Nelson Miles dell'esercito statunitense, a Skeleton Canyon, Arizona. In realtà, però, l'ultimo capo ad arrendersi non fu Geronimo ma Mangus, figlio minore di Mangas Coloradas, nel frattempo divenuto tutore anche della famiglia di Juh, con i suoi 11 seguaci (tre guerrieri, cinque donne - o due donne e tre bambini - e tre ragazzi - oltre al figlio dello stesso Mangus, il figlio superstite di Victorio e il figlio superstite di Juh -), che si arrese soltanto il 19 ottobre 1886.

Geronimo venne mandato in prigione a Fort Pickens (Florida). Nel 1894 venne trasferito a Fort Sill (Oklahoma). In età avanzata divenne una specie di celebrità, comparendo alle fiere e vendendo sue fotografie e altri oggetti personali (particolarmente ironico fu il sistema escogitato dall'ormai anziano di-yin per la vendita dei cappelli, che vendeva alle fiere comprandone quando la scorta era esaurita), ma non gli fu permesso di fare ritorno alla sua terra natia. Cavalcò durante la parata inaugurale del Presidente Theodore Roosevelt, nel 1905; il lungo periodo trascorso in prigionia o nel confino della riserva di Fort Sill, con ripetuti incontri con giornalisti e fotografi, fu comunque utile al consolidamento del suo mito, permettendogli di raggiungere livelli di considerazione come leader della resistenza Apache che i suoi contemporanei Apache non gli avrebbero accreditato, senza togliere alcunché alle sue indubbie doti di coraggio, astuzia e capacità nell'esercizio della guerriglia.

Morì di polmonite a Fort Sill il 17 febbraio 1909.

Riferimenti nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Geronimo è una figura popolare del cinema e della televisione, il suo personaggio è comparso in numerosi film e telefilm.

Cinema[modifica | modifica sorgente]

  • Geronimo (USA, 1939) di Paul Sloane, con Preston Foster, Ellen Drew, Andy Devine, Victor Daniels (Geronimo);
  • Geronimo (USA, 1962) di Arnold Laven, con Martin Ross, Chuck Connors (Geronimo);
  • Geronimo (USA, 1994) di Walter Hill, con Jason Patric, Gene Hackman, Robert Duvall, Wes Studi (Geronimo).

Nel 1940, la notte prima del loro primo lancio, i paracadutisti di Fort Benning videro un film su Geronimo, e cominciarono a gridare il suo nome durante i lanci.[1]

Fumetti[modifica | modifica sorgente]

Guerra[modifica | modifica sorgente]

Geronimo è il nome dato all'operazione ordita dagli U.S.A. per arrivare alla cattura di Osama Bin Laden. Al momento del ritrovamento, i soldati del Navy Seals in collegamento con la Casa Bianca hanno detto la parola in codice: "Abbiamo Geronimo".[2]

Musica[modifica | modifica sorgente]

  • Nel brano Indian Sunset di Elton John, pubblicato nel 1971 nell'album Madman Across The Water, si dice che Geronimo è stato ucciso dal piombo dei soldati americani mentre stava deponendo le armi. In realtà è morto di polmonite in età avanzata.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Geronimo yell of World War II paratroopers
  2. ^ Due colpi: caccia chiusa, 3 maggio 2011. URL consultato il 4 maggio 2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Pieroni P., L'Epopea del Far West, Milano, Mondadori, 1963
  • Davis W., Gli Uomini della Frontiera , Milano, Idealibri, 1993
  • Andrea Bosco, Domenico Rizzi, "I cavalieri del West", Le Mani (Recco Genova) 2011, 327 pp. ISBN 978-88-8012-604-1
  • A. Debo Geronimo Mursia, Milano ISBN 978-88-425-2413-7

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Controllo di autorità VIAF: 14770290 LCCN: n50016500