Gerardo Machado

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gerardo Machado
Gerardo Machado.jpg

presidente di Cuba
Durata mandato 20 maggio 1925 –
24 agosto 1933
Predecessore Alfredo Zayas
Successore Carlos Manuel de Céspedes y Quesada

Dati generali
Partito politico Liberale

Gerardo Machado y Morales (Camajuaní, 28 settembre 1871Miami Beach, 29 marzo 1939) è stato un politico cubano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Partecipò alla guerra d'indipendenza cubana (1895-1898), in cui si distinse come il più giovane generale caraibico, e nel 1924 venne eletto quinto presidente della Repubblica di Cuba.

Sposò la sua cugina, Elvira Machado Nodal (1868-1968) da cui ebbe 3 figlie:[1]

  • Laudelina (Nena),
  • Ángela Elvira
  • Berta.

Appena nominato presidente commissionò un piano per la realizzazione di superstrade nell'isola, e il 15 luglio 1925 il piano venne presentato al Congresso cubano e approvato. I lavori che portarono alla realizzazione della Carretera Central iniziarono nel maggio del 1927 e costò più di 75 milioni di dollari[2].

L'autoritarismo crescente di Machado e del suo governo determinarono un forte malcontento che esplose nel 1930 con una rivolta, durata fino all'agosto del 1933 e sfociata quasi in una guerra civile, che lo costrinse alle dimissioni e all'esilio dapprima in Canada e infine negli Stati Uniti d'America.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gerardo Machado, da The History of Cuba
  2. ^ Da latinamericanstudies.org

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 15917140 LCCN: n82215138