Gerald Frank Anderson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gerald Frank Anderson (Newcastle, 23 febbraio 1898Hove, 23 agosto 1983) è stato un compositore di scacchi e diplomatico britannico.

Note biografiche[modifica | modifica sorgente]

Nato in Sudafrica, si trasferì da giovane in Inghilterra, stabilendosi a Stroud, nel Gloucestershire. Partecipò alla prima guerra mondiale come pilota di aerei della RAF. Si distinse per la grande abilità e coraggio e contribuì all'abbattimento di otto aerei nemici. Per la vittoria in un combattimento aereo del 30 ottobre 1918, durante il quale restò ferito, nel 1919 gli fu assegnata la Distinguished Flying Cross.

Nel 1953 diventò un funzionario del Foreign Office e fu assegnato come addetto diplomatico nelle ambasciate britanniche di Parigi, Madrid, Lisbona, Teheran, Roma e Washington. Nel 1959, mentre era secondo segretario dell'ambasciata britannica a Washington, gli fu assegnata l'onorificenza dell'Ordine dell'Impero Britannico.

Compose circa 500 problemi in due o tre mosse, diretti, inversi e bizzarrie, molti dei quali sono considerati dei classici. Partecipò a diversi concorsi problemistici, ottenendo molti premi e riconoscimenti. Pubblicò una raccolta di suoi problemi nel libro Adventures of my Chessmen 1914-1923 (Stroud, 1924) e una quarantina di problemi Kriegspiel nel libro Are there any? (Stroud, 1958).[1]

Giocò una partita contro Alexander Alekhine a Lisbona nel 1946, considerata l'ultima giocata da Alekhine.[2]

Nel 1960 la FIDE lo nominò Giudice internazionale per la composizione.

Un problema di G. F. Anderson[modifica | modifica sorgente]

Questo problema realizza il tema Schiffmann, con duale evitato e controscacco.

G. F. Anderson
Good Companion, 1917
1º Premio
a b c d e f g h
8
Chessboard480.svg
c8 cavallo del nero
h8 alfiere del bianco
d7 donna del bianco
e7 pedone del bianco
f7 pedone del nero
a6 alfiere del nero
b6 alfiere del nero
c6 pedone del nero
e6 cavallo del bianco
g6 pedone del nero
c5 torre del bianco
d5 pedone del bianco
f5 re del nero
g5 pedone del bianco
h5 torre del nero
d4 torre del nero
f4 pedone del bianco
d3 cavallo del bianco
h3 pedone del bianco
d2 pedone del bianco
b1 alfiere del bianco
d1 cavallo del nero
f1 torre del bianco
g1 re del bianco
8
7 7
6 6
5 5
4 4
3 3
2 2
1 1
a b c d e f g h
Matto in due mosse  (14 +10)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Kriegspiel - Forma di scacchi eterodossi inventata in Svizzera verso il 1810. Richiede tre scacchiere, una per ciascun giocatore e una per un arbitro. I giocatori non vedono la scacchiera dell'avversario e devono indovinare quale mossa abbia fatto quest'ultimo. L'arbitro, vedendo tutte le posizioni, dà varie informazioni, tra cui quando si dà scacco, quando si fa una mossa impossibile o rispondendo ad alcune domande permesse, tra cui quando si può catturare con un pedone. Venne introdotto in Inghilterra verso il 1870 dal giornalista Michael Henry Temple (1865-1929), che se ne attribuì l'invenzione.
  2. ^ G. F. Anderson - Alekhine, Semislava D43 (0-1)  Vedi la partita

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]