Geosofia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La geosofia è un concetto introdotto in geografia da J.K. Wright nel 1947. La parola è l'unione di geo ("Terra" in greco) e sophia ("sapienza" in greco). Indica la geografia della conoscenza, che considera la dimensione immateriale dell'esperienza delle persone e le loro visioni in relazione al mezzo.

Wright la definì in questo modo: "La geosofia… è lo studio della conoscenza geografica di uno o tutti i punti di vista. È per la geografia quello che la storiografia è per la storia; si occupa della natura e della espressione della conoscenza geografica nel passato e nel presente - con quello che Whittlesey chiamò il 'senso umano dello spazio terrestre'. Questo si estende oltre il nucleo della conoscenza scientifica geografica o della conoscenza geografica sistematizzata delle altre forme dai geografi. Considerando tutta la zona periferica, ingloba le idee geografiche, vere e false, di tutti i tipi di persone - non solo geografi, ma agricoltori e pescatori, imprenditori e poeti, scrittori e artisti, Beduini e Ottentotti - e per questo motivo necessariamente ha molto a che fare con visioni soggettive." (Wright 1947)

La definizione a volte viene riassunta come: "Lo studio del mondo come le persone lo concepiscono e lo immaginano." (McGreevy 1987) "Sistemi di credenze che mettono in relazione l'interazione umana con gli ambienti terrestri." (attribuito al Professor Innes Park 1995)

La geosofia è a volte utilizzata come sinonimo di studio dei misteri della terra.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • McGreevy, P. 1987 Imagining the future at Niagara Falls. Annals of the Association of American Geographers 77 (1):48–62
  • Wright, J.K. 1947. Terrae Incognitae: The Place of Imagination in Geography Annals of the Association of American Geographers 37: 1–15.