George Wagner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
George Wagner
Nome George Raymond Wagner
Ring name Gorgeous George
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Butte
24 marzo 1915
Morte
26 dicembre 1963
Altezza dichiarata 175 cm
Peso dichiarato 98 kg
Debutto 1932
Progetto Wrestling

George Raymond Wagner, celebre con il ring name di Gorgeous George (Butte, 24 marzo 191526 dicembre 1963), è stato un wrestler statunitense. Riuscì a conquistare le cinture NWA Southern Heavyweight Championship, NWA Southeastern Heavyweight Championship, e AWA World Heavyweight Championship. Fu il primo wrestler a portare in scena una vera e propria gimmick e per questo può essere considerato un pioniere di questa disciplina. Nel 2010 è stato introdotto nella WWE Hall of Fame. Il 7 giugno 2011 uscirà il suo DVD firmato WWE.

Famoso soprattutto negli anni quaranta e cinquanta, la presenza scenica di Gorgeous George fu fonte di ispirazione sia per Muhammad Ali che per James Brown, come da loro stessi dichiarato. Il diciannovenne Ali incontrò il quarantaseienne George in una stazione radiofonica di Las Vegas. Durante la sua intervista, George, con il suo istrionismo, catturò l'attenzione del futuro campione di pugilato.[1] Nel libro del 2005 intitolato I Feel Good: A Memoir in a Life of Soul, James Brown raccontò che usò molti dei trucchi e delle pose di Gorgeous George per "creare il James Brown che è possibile ammirare sul palcoscenico".[1]

Bob Dylan disse che l'incontro con George gli cambiò la vita. Nella sua autobiografia The Chronicles: Volume One, Dylan racconta di quando incontrò di persona il wrestler e di come lo incoraggiò a proseguire la sua carriera.[1][2]

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c John Capouya, King Strut, Sports Illustrated, 12 dicembre 2005. URL consultato il 4 maggio 2008.
  2. ^ Bob Dylan Tells All (Almost) in Associated Press, CBS.com, 5 ottobre 2004. URL consultato il 4 maggio 2008.
  3. ^ Gorgeous George enters Hall of Fame, World Wrestling Entertainment, 15 marzo 2010. URL consultato il 15 marzo 2010.

Controllo di autorità VIAF: 1251085