George O'Brien

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
George O'Brien nel film I cavalieri del Nord Ovest (1949)

George O'Brien (San Francisco, 19 aprile 1899Broken Arrow, 4 settembre 1985) è stato un attore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Di origine irlandese, figlio di un poliziotto - suo padre Dan fu anche il capo della polizia di San Francisco nonché colui che ordinò l'arresto di Roscoe "Fatty" Arbuckle nel 1921 - il giovane George nel 1917 si arruolò volontario nella Marina e combatté durante la Prima guerra mondiale all'entrata degli Stati Uniti nel conflitto.

Rientrato dalla guerra, dopo un'esperienza come pugile che lo vide campione dei mediomassimi della flotta americana nel Pacifico, O'Brien si recò a Hollywood per tentare la carriera di cameraman e lavorò come assistente in film interpretati da Tom Mix e Buck Jones. Ottenne alcuni ingaggi come stuntman, iniziando così in sordina la sua carriera di attore. Nel 1922 ebbe una piccola parte accanto a Rodolfo Valentino in Il mozzo dell'Albatros, ma la svolta giunse nel 1924 quando John Ford, nel suo lungometraggio Il cavallo d'acciaio, gli affidò il ruolo del giovane protagonista Davy Brandon. Ford, come più tardi farà con John Wayne, si affidò all'eclettismo di O'Brien, al suo vigore fisico e atletico oltreché, soprattutto, alla sua irlandesità.

Il successo[modifica | modifica wikitesto]

L'incontro con Ford e l'enorme successo al botteghino de Il cavallo d'acciaio diedero una grande popolarità a O'Brien, che apparve in numerosi film muti degli anni venti come Cuore di combattente (1925), sempre di Ford, e Le disgrazie di Adamo (1926) di Howard Hawks. Nel 1927 fu il protagonista maschile di Aurora di Friedrich Wilhelm Murnau, pellicola premiata alla prima edizione dei Premi Oscar come miglior film e produzione artistica, una categoria abolita fin dall'edizione successiva e inglobata in quella di miglior film.

Di bell'aspetto, aitante e attraente, O'Brien incarnò l'eroe positivo di numerosi film d'avventura, ma anche di pellicole sentimentali dell'epoca del muto, recitando accanto a numerose dive come Dolores Costello, Lois Moran, Janet Gaynor, Alma Rubens, Helen Chandler, Anita Stewart, Olive Borden - alla quale si legò sentimentalmente - e Madge Bellamy.

Con l'avvento del sonoro, a differenza di molti divi del muto, la stella di O'Brien brillò ancora di più. Dotato di una voce bella e accattivante, proseguì la carriera per buona parte degli anni trenta, come protagonista prevalentemente in film western prodotti dalla RKO e diretti per lo più dallo specialista David Howard, come Aquila solitaria (1932), Fulmine (1933), Amore alla frontiera (1934), Il demone della montagna (1935) e I diavoli rossi (1936).

I suoi film lo resero popolarissimo tra gli adolescenti, così come il suo cavallo Mike; a fianco a sé ebbe giovani attici destinate a diventare autentiche star come Laraine Day, Myrna Loy e Rita Hayworth, ma il cinema western degli anni trenta, malgrado gli incassi consistenti, non era particolarmente considerato dai critici. O'Brien, pur vantando una vasta popolarità, non riuscì a staccarsi da un genere fatto di cow-boys poco realistici che puntavano tutto sulla loro prestanza fisica e le loro abilità nell'esibirsi nel rodeo. Erano spesso lindi, eleganti, gentili come Harry Carey, Jack Holt, William Boyd, Fred Scott, Tom Tyler e altri ancora, o addirittura canterini come Ken Maynard, Roy Rogers, Gene Autry. Tutti comunque molto distanti dal cliché dell'uomo della prateria rude e polveroso che prenderà piede negli anni quaranta, facendoli considerare tutti attori di B-movie seriali, anticipatori di quel genere di film per ragazzi che si diffonderanno con l'avvento del mezzo televisivo.

Il western moderno e il declino[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1939, con l'uscita di Ombre rosse di Ford, il genere western cambiò completamente struttura e l'ormai quarantenne O'Brien, a differenza di altri tre idoli del cinema di frontiera della sua generazione come Gary Cooper, Joel McCrea e Randolph Scott, non si trovò più a suo agio nei panni dell'aitante protagonista. Si arruolò di nuovo volontario e nuovamente in Marina con l'entrata in guerra degli Stati Uniti e, al suo ritorno, sarà l'amico John Ford a ricordarsi di lui coinvolgendolo in due pellicole della famosa trilogia della cavalleria (Il massacro di Fort Apache e I cavalieri del Nord Ovest) e affidandogli ruoli di caratterista di lusso nei panni di ufficiali al crepuscolo. Dopo una parentesi televisiva, ancora Ford gli affidò il ruolo del Maggiore Braden ne Il grande sentiero (1964), che fu l'ultimo film di O'Brien prima del ritiro definitivo dal mondo del cinema.

La vita personale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la sua relazione con Olive Borden, che durò dal 1926 al 1930, O'Brien sposò nel 1933 l'attrice Marguerite Churchill, dalla quale divorzierà nel 1948. Dal matrimonio nacquero nel 1935 Orin O'Brien, divenuta contrabbassista della New York Philharmonic, e nel 1939 il futuro scrittore Darcy O'Brien.

Colpito da un ictus nel 1981, O'Brien trascorse gli ultimi anni della sua vita da infermo. Morì nel 1985[1].

Al 6201 di Hollywood Boulevard a Hollywood, è stata inserita una stella delle Celebrità della Hollywood Walk of Fame in suo onore.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Morto un divo della vecchia Hollywood - George O'Brien, il primo cowboy d'Irlanda - Alberto Crespi su "L'Unità" 6 settembre 1985

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 76563498 LCCN: n87911941