George Murray (militare)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
George Murray ritratto da George Theodore Berthon

George Murray (Perth, 6 febbraio 1772Londra, 28 luglio 1846) è stato un generale britannico.

Origini ed istruzione[modifica | modifica sorgente]

Murray nacque a Perth, secondogenito di sir William Murray di Ochtertyre, 5° baronetto, e fu educato presso la Royal High School di Edimburgo e l'università di Edimburgo.[1]

Carriera militare[modifica | modifica sorgente]

Nel 1789 Murray ottenne un incarico nel 71° fanteria,[1] col quale raggiunse il grado di capitano nel 1794, servendo nelle Fiandre (1794–95),[1] nelle Indie Occidentali, in Inghilterra ed in Irlanda. Nel 1799 divenne tenente colonnello e si guadagnò una buona reputazione nel 1808–1811 durante la guerra d'indipendenza spagnola, operando agli ordini del duca di Wellington e ricevendo nel 1809 la promozione a colonnello.[1] Dopo un breve periodo passato in Irlanda, Murray tornò in Spagna come maggior generale (1813–14) e gli fu conferito nel 1813 l'Ordine del Bagno.[1] Si trasferì per breve tempo in Canada dal dicembre 1814 al maggio 1815, e qui fu nominato temporaneamente tenente governatore dell'Alto Canada.[1] Tornò in Europa dopo la fuga di Napoleone Bonaparte dall'isola d'Elba, ma giunse troppo tardi per prendere parte alla battaglia di Waterloo.

Dopo il cessate il fuoco, Murray si stabilì in Francia come capo di stato maggiore dell'esercito di occupazione, prima di venire nominato governatore del Royal Military College Sandurst (1819).[1] Nel 1820 gli fu conferita una laurea honoris causa dell'università di Oxford, e nel 1824 fu nominato membro della Royal Society. Nel 1825 sposò Lady Louisa Erskine, vedova di sir James Erskine of Torrie (1772–1825). In seguito divenne tenente generale di Ordnance, e poi comandante in capo d'Irlanda, ma nel 1828 si ritirò diventando segretario coloniale.[1] Tra il 1834 ed il 1835, e tra il 1841 ed il 1846, fu master-General of the Ordnance.[1]

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Murray fu Tory e conservatore in politica. Fu deputato per il Perthshire tra il 1824 ed il 1832, e tra il 1834 ed il ritiro del 1835. Fu segretario di Stato per la Guerra e le Colonie dal 1828 al 1830.[1] Partecipò anche alle elezioni del 1837 a Westminster e del 1839 e 1841 a Manchester, ma senza successo.

Altre cariche pubbliche[modifica | modifica sorgente]

Murray fu anche presidente della Royal Geographical Society (1833–1835) e governatore del castello di Edimburgo. Il 7 settembre 1829 fu nominato governatore di Fort George.[2]

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Murray morì nel luglio 1846, all'età di 74 anni, e fusepolto nel Kensal Green Cemetery di Londra. Le sue carte e le mappe furono donate alla National Library of Scotland da una pronipote nel 1913.

Retaggio[modifica | modifica sorgente]

Tra i memoriali ai governatori della cappella della Royal Military Academy di Sandhurst si trova scritto:

In Memory of General the Right Hon. Sir George Murray, G.C.B., G.C H., Colonel ist Royal Regiment of Foot. Died 28 July 1846, aged 74. He served in Holland, Egypt, Syria, the West Indies, Denmark, and Sweden ; wsLS Q.M.G. in the Peninsula; Commander-in-Chief in Canada; Chief of the Staff of the Army of Occupation in France ; Commander of the Forces in Ireland, and twice Master-General of the Ordnance. He was Governor of this College from 1819 to 1824. [3]

Il fiume Murray ed il monte Murray in Australia, e la Murray House di Hong Kong prendono il nome da lui. La città di Perth (Australia Occidentale) prende da lui il nome per il fatto che fu deputato per il Perthshire.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Who's Who of British Members of Parliament: Volume I 1832–1885, M. Stenton (The Harvester Press 1976)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Master-General of the Ordnance Successore
James Kempt 1834–1835 Hussey Vivian I
Hussey Vivian 1841–1846 Henry William Paget II

Controllo di autorità VIAF: 26152072

guerre napoleoniche Portale Guerre napoleoniche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerre napoleoniche