George Hilsdon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
George Hilsdon
Dati biografici
Nome George Richard Hilsdon
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Carriera
Squadre di club1
1904-1906 West Ham West Ham 16 (7)
1906-1912 Chelsea Chelsea 150 (98)
1912-1915 West Ham West Ham 69 (24)
Nazionale
1907-1909 Inghilterra Inghilterra 8 (14)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 31 luglio 2009

George Richard Hilsdon (Bromley-by-Bow, 10 agosto 1885Leicester, 10 settembre 1941) è stato un calciatore britannico, di ruolo attaccante.

Suo fratello Jack Hilsdon giocò, come lui, nel West Ham. Durante la sua permanenza al Chelsea, si guadagnò il soprannome di Gatling Gun (Carroarmato) o Machine Gun (Macchina da guerra, nel senso di Macchina da gol) per la sua abilità sotto rete.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Hilsdon fece il suo esordio nel campionato inglese con la maglia del West Ham durante la stagione 1903-1904. Nel 1906, però, il primo allenatore del neofondato Chelsea, John Tait Robertson, ottenne che egli fosse ceduto per 4 sterline al suo club con la promessa di farlo divenire attaccante titolare. Nella sua partita d'esordio contro Glossop North End, segnò 5 gol, consentendo alla formazione londinese di vincere per 9-2. Nella stessa stagione, segnò altre 6 reti in un match di FA Cup contro il Worksop Town, record ancora imbattuto nella storia del club. In quell'annata egli totalizzò 25 marcature, che consentirono al team una pronta promozione in First Division.

Nel giro di tre anni, Hilsdon segnò 76 volte in 99 presenze. Le sue ultime stagioni con la maglia dei Blues furono contrassegnate da difficoltà nella vita privata, specialmente per problemi di alcolismo. Durante l'annata 1910-1911, segnò comunque 19 gol. Egli divenne il primo giocatore del giovane club a totalizzare più di 100 reti, e terminò la sua avventura col Chelsea con un bilancio di 104 marcature in 164 presenze.[2] Al momento ricopre la settima posizione nella classifica dei migliori goleador di sempre del club londinese.

Durante la sua permanenza tra i Blues, egli fu anche convocato nella nazionale inglese, realizzando una tripletta nella sua partita d'esordio (terminata per 6-0), contro l'Irlanda. Inoltre segnò 4 gol contro l'Ungheria, ed altri ancora negli incontri tra la sua nazionale e quelle irlandese, austriaca, gallese e ceca. In tutto, egli arrivò ad un totale di 14 marcature in sole 9 gare.

Nel 1912 egli tornò al West Ham, piazzandosi come miglior goleador del campionato 1912-1913 con 17 gol in 36 partite. In quei tempi gli fu affibbiato anche il soprannome di vecchio internazionale, nonostante avesse comunque ancora 27 anni. La sua carriera al West Ham terminò con un totale di 92 presenze e 35 reti segnate.[3] Durante la sua permanenza negli Hammers, egli si premurò di aiutare a far emergere il giovane attaccante Syd Puddefoot, da tutti ritenuto come fosse un suo pupillo. Hilsdon, inoltre, giocò quattro incontri per l'East London durante la prima guerra mondiale.

Dopo la guerra, Hilsdon non riprese a giocare, bensì iniziò a lavorare come muratore nell'East London. Morì all'età di 56 anni a Leicester, e solo quattro 4 vennero al suo funerale. Ad oggi non esiste nessuna tomba per lui, a parte una suite commemorativa a Stamford Bridge, intitolata a suo nome nell'anno del centenario del Chelsea per commemorarne i tanti gol.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Kerrigan, Colm, Gattling Gun George Hilsdon, Football Lives, ISBN 0-9530718-0-4.
  2. ^ Cheshire, Scott, Chelsea: an Illustrated History, Breedon Books, 1998, ISBN 1-85983-143-5.
  3. ^ Blows, Kirk & Hogg, Tony, The Essential History of West Ham United, Headline, 2000, ISBN 0-7472-7036-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]