George Gordon, I marchese di Huntly

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
George Gordon, I marchese di Huntly
Marchese di Huntly
In carica 1576 –
1636
Successore George Gordon, II marchese di Huntly
Altri titoli conte di Huntly
Nascita 1562
Morte Dundee, 13 giugno 1636
Dinastia Gordon
Padre George Gordon, V conte di Huntly
Madre Anne Hamilton
Consorte Lady Henrietta Stewart
Religione cattolicesimo

George Gordon, I marchese di Huntly (1562Dundee, 13 giugno 1636), è stato un nobile scozzese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era il figlio di George Gordon, V conte di Huntly, e di sua moglie Anne Hamilton. Venne educato in Francia. Ha preso parte alla cospirazione che ha salvato il re Giacomo VI dai predoni Ruthven nel 1583.

Il 28 novembre è stato nominato capitano della guardia. Successivamente, nel mese di aprile 1589, sollevò una ribellione nel nord, ma è stato costretto ad arrendersi, e dopo una breve prigionia Borthwick Castle è stato liberato.

Il 25 settembre 1593 venne scomunicato. Il 26 novembre sono stati liberati dall'accusa di tradimento e gli ordinarono di rinunciare alla loro fede cattolica o di lasciare il regno. Si rifiutarono di rinunciare alla loro fede e vennero arrestati.

Poi si unì il conte di Erroll e Francis Stewart-Hepburn, V conte di Bothwell, in una cospirazione per imprigionare il re, e sconfissero le forze reali a Argyll nella battaglia di Glenlivet, il 3 ottobre 1594.

Il 7 aprile 1599, è stato creato un marchese, e il 9 luglio, insieme a Lennox, è stato nominato luogotenente del nord. È stato scomunicato nel 1608, e imprigionato nel castello di Stirling fino al 10 dicembre 1610, quando ha firmato ancora una volta la confessione di fede.

Accusato di intrighi nel 1616, gli fu ordinato di nuovo di sottoscrivere la confessione, si rifiutò di fare, venne imprigionato a Edimburgo, e dopo aver aderito al tribunale di Londra è stato assolto dalla scomunica da Abbot, arcivescovo di Canterbury.

Morte[modifica | modifica sorgente]

Morì a Dundee, mentre era in viaggio verso Strathbogie, il 13 giugno 1636.