Giorgio, duca di Kent

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da George, duca di Kent)
Giorgio
Giorgio
Giorgio, duca di Kent in uniforme
Duca di Kent
Stemma
In carica 1934 - 1942
Successore Edward
Nome completo George Edward Alexander Edmond
Onorificenze Duca di Kent
Nascita Sandringham House, 20 dicembre 1902
Morte Morven, 25 agosto 1942
Dinastia Sassonia-Coburgo-Gotha, Windsor
Padre Giorgio V del Regno Unito
Madre Mary di Teck
Consorte Marina di Grecia
Figli Principe Edward
Principessa Alexandra
Principe Michael
Religione Anglicanesimo

Giorgio, duca di Kent (nome completo George Edward Alexander Edmond) (Sandringham, 20 dicembre 1902Morven, 25 agosto 1942) fu un membro della famiglia reale britannica, quarto figlio di Giorgio V del Regno Unito e di Mary di Teck. Detenne il titolo di duca di Kent dal 1934 fino alla morte, avvenuta nel 1942.

Nascita[modifica | modifica sorgente]

Il principe Giorgio nacque il 20 dicembre 1902 a York Cottage, nella tenuta di Sandringham House nel Norfolk; suo padre era Giorgio, principe di Galles, il maggiore tra i figli sopravvissuti di Edoardo VII e della regina Alessandra. Sua madre era invece la principessa di Galles, la maggiore delle figlie del Duca e della Duchessa di Teck. Al momento della nascita egli era quinto in linea di successione al trono. Come nipote in linea maschile di un monarca britannico gli venne assegnato il titolo di Sua Altezza Reale Principe Giorgio di Galles.

Windsor
Casa reale del Regno Unito

Badge of the House of Windsor.svg

Giorgio V (1917-1936)
Giorgio VI (1936-1952)
Elisabetta II (1952-...)

Venne battezzato nella cappella privata del Castello di Windsor il 26 gennaio 1903 da Francis Paget, vescovo di Oxford, con acqua comune, invece che con acqua dal fiume Giordano, come avveniva normalmente per i battesimi reali. Furono suoi padrini e madrine:

Educazione e carriera[modifica | modifica sorgente]

Il principe Giorgio fu inizialmente educato da un tutore ed in seguito si unì al fratello maggiore, il principe Enrico (il futuro duca di Glouchester), Scuola Preparatoria di Corte di San Pietro a Broadstairs, nel Kent. All'età di tredici anni, come era avvenuto prima di lui ai fratelli Edoardo (il futuro Edoardo VIII) e Alberto (il futuro Giorgio VI), andò al college della marina, prima ad Osborne ed in seguito a Dartmouth. Rimase nella Royal Navy fino al 1929, a bordo della Iron Duke e della HMS Nelson. Dopo aver lasciato la marina, trovò impiego prima al Ministero degli Esteri ed in seguito a quello degli Interni, divenendo così il primo membro della famiglia reale britannica a lavorare come un comune cittadino.

Nel 1932 venne nominato royal bencher (traducibile all'incirca con magistrato reale) dell'Inns of Court di Lincoln's Inn, posizione in precedenza occupata dal re suo padre; successivamente nel 1939 venne eletto Gran Maestro della Loggia madre inglese della Frammassoneria, carica che detenne fino alla sua morte.[1]

All'inizio della Seconda guerra mondiale egli ritornò al servizio militare attivo con il grado di contrammiraglio, servendo per breve periodo nella divisione spionaggio dell'Ammiragliato. Nell'aprile 1940 si trasferì nella Royal Air Force; temporaneamente rinunciò al rango di vice maresciallo dell'aria (equivalente a quello di contrammiraglio) per assumere il posto di ufficiale di staff del comando di addestramento della RAF con il grado di commodoro dell'aria.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Il 12 ottobre 1934,[2] prima del suo imminente matrimonio con la seconda cugina, principessa Marina di Grecia, venne creato duca di Kent, conte di St. Andrews e barone Downpatrick. La coppia si sposò il 29 novembre dello stesso anno nell'abbazia di Westminster. La sposa era una figlia del principe Nicola di Grecia e pronipote della regina Alessandra.[3] Il loro fu l'ultimo matrimonio fra il figlio di un sovrano britannico ed un membro di una casa reale straniera; in seguito la principessa Elisabetta di York (la futura regina Elisabetta II) sposò il principe Filippo di Grecia nel novembre 1947 e questo è stato definitivamente l'ultimo matrimonio tra case reali diverse.

La principessa Marina nel giorno del suo matrimonio con il principe Giorgio

Il Duca e la Duchessa di Kent ebbero tre figli:

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Tanto prima che dopo il matrimonio, Giorgio ebbe una lunga serie di relazioni sia con uomini che con donne; i più conosciuti tra i suoi partner includevano la cantante di cabaret afro-americana Florence Mills, l'ereditiera Poppy Baring, Margaret Whigham (la futura duchessa di Argyll) e la star della musica inglese Jessie Matthews. Le voci che sostenevano avesse avuto una relazione, durata 19 anni, con l'attore e commediografo Noel Coward[4] furono smentite dal compagno di sempre di quest'ultimo, Graham Payn;[5] si ritiene che alcune lettere intime del Principe a Sir Coward furono rubate dalla casa di quest'ultimo nel 1942.[6] Secondo la storica britannica Lucy Moore, esistono inoltre alcuni indizi che suggeriscono che Giorgio abbia avuto una storia con Indira Raje, la maharani di Cooch Behar, negli ultimi anni 1920.[7]

Si dice anche che Giorgio Windsor fosse dipendente dalle droghe (principalmente morfina e cocaina) – debolezza che suo fratello il Principe di Galles cercò di curare negli ultimi anni venti – e secondo alcune testimonianze venne anche ricattato da un escort al quale scrisse delle lettere. Altre delle sue liason omosessuali di cui si ha menzione sono quelle con il lontano cugino Luigi Ferdinando, principe di Prussia, e con lo storico dell'arte Anthony Blunt.[8] Il Duca di Kent tentò anche di corteggiare la regina Giuliana dei Paesi Bassi, ma lei rifiutò le avance e sposò il principe Bernardo di Lippe-Bisterfeld.

Oltre ai figli legittimi, si ritiene che Giorgio avesse avuto un figlio da Kiki Preston, nata Alice Gwynne (1898-1946), un'americana dell'alta società coinvolta in un ménage à trois assieme a Jorge Ferrara, il figlio bisessuale dell'ambasciatore argentino alla corte di St. James. Conosciuta come "la ragazza dalla siringa d'argento", la Preston era drogata; ella era cugina dell'ereditiera Gloria Vanderbilt. Kiki Preston si sposò una prima volta con Horace R. B. Allen ed in seguito, nel 1925, con il banchiere Jerome Preston.[9] Kiki morì gettandosi da una finestra dell'hotel Stanhope di New York. Secondo le memorie lasciate da un'amica, Loelia, duchessa di Westminster, il Duca di Windsor (fratello di Giorgio) credeva che il frutto del legame incestuoso fosse Michael Canfield (1926-1969), il figlio adottivo dell'editore americano Cass Canfield nonché primo marito di Lee Radziwill, sorella di Jacqueline Kennedy Onassis.[10]

Morte[modifica | modifica sorgente]

Giorgio morì il 25 agosto 1942 quando l'idrovolante Short S.25 Sunderland su cui viaggiava si schiantò contro il fianco di una collina vicino a Dunbeath, nella contea di Caithness, a causa del cattivo tempo. L'aeroplano stava viaggiando sulla rotta da Evanton, Rosshire fino all'Islanda per poi terminare nel Dominion di Terranova.

Rimangono ancora senza risposta molte domande circa la missione ed il ruolo del principe Giorgio in essa.[11] Una voce mai verificata asseriva che egli venne assassinato dai servizi segreti britannici; Charles Higham nella seconda edizione rivisitata del suo libro The Duchess of Windsor: The Secret Life, cercò di dare una ragione per l'avvenimento e la trovò nelle serie preoccupazioni circa la mancanza di discrezione del Principe e dei suoi contatti politici con i capi nazisti, per negoziare una pace separata con la Germania, in modo che questa potesse concentrarsi nella sua guerra contro l'Unione Sovietica nell'Europa orientale. Higham scrisse che lo Special Operations Executive era preoccupato per il fatto che il Duca potesse parlare di questi argomenti una volta lasciata la Gran Bretagna, così sabotò l'idrovolante prima che decollasse facendo sì che si schiantasse poco dopo provocando la morte di tutti i passeggeri, ad eccezione di uno soltanto.[12]

Il principe Giorgio in uniforme

Altri hanno teorizzato che l'aeroplano si schiantò contro Wolf Rock a Ben Morven mentre tentava di decollare dal Loch More, dove aveva fatto salire a bordo Rudolf Heß, il quale era stato fatto entrare clandestinamente paracadutandolo a Eaglesham Moor, vicino a East Kilbride, per compiere una missione con lo scopo di firmare un trattato di pace tra Germania e Regno Unito. Il Sunderland si stava sicuramente dirigendo verso Sud quando toccò il terreno e si ruppe, benché alcuni abbiano detto che il Duca di Kent fosse alla guida e si stesse dirigendo verso Langwell Estate, la casetta del cugino a Berridale. Molti dei passeggeri erano rimasti svegli fino a notte tarda per una festa e si ritiene che un operatore radio abbia sentito Giorgio chiedere i controlli del velivolo ostentando il suo rango reale. Sul luogo dell'incidente vennero trovati abbigliamento e calzature femminili dai lavoratori della tenuta che per primi giunsero sul luogo. Una delle possibili ragioni dello schianto del Sunderland fu che non riuscì a guadagnare quota e velocità sufficiente per oltrepassare la sommità della collina, a causa della scarsa rincorsa sul Loch More, dei troppi passeggeri e del pieno di benzina, sufficiente per raggiungere l'Ayrshire senza fermate intermedie. Un membro dell'equipaggio sopravvisse riportando solo alcune ferite superficiali, ma non parlò mai dell'accadimento e portò con sé nella tomba ciò che sapeva, alimentando così le teorie cospirazioniste.[13]

Lynn Pickett, Clive Prince e Stephen Prior nei loro libri Double Standards: The Rudolf Hess cover-up e War of the Windsors similmente ipotizzano che l'aereo del Duca di Kent si sia fermato per prendere a bordo Rudol Heß, e che il tutto era parte di un progetto di pace che avrebbe escluso Winston Churchill dal potere,[14] lasciando così non dichiarata l'implicazione che se Giorgio fu assassinato dai servizi segreti britannici, la decisione dovesse essere stata concordata al livello di Churchill. L'ambasciatore tedesco in Portogallo, Barone von Hoyningen-Huene, disse a von Ribbentrop che secondo la comunità britannica a Lisbona, l'idrovolante venne sabotato per uccidere Kent in quanto egli era a favore della pace con la Germania».[15]

La moglie Marina, nel frattempo, aveva dato alla luce il loro terzo figlio, il principe Michele di Kent, solo sei settimane prima della tragedia. I resti di Giorgio vennero inizialmente riposti nella cappella di San Giorgio del castello di Windsor; in seguito vennero tumulati nel cimitero reale di Frogmore, direttamente dietro il mausoleo della regina Vittoria e del principe Alberto.

Gli succedette nella carica di duca di Kent il figlio maggiore, Edoardo.

Cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

I primi anni di vita di Giorgio vennero raccontati nella serie per la televisione del 2003 di Stephen Poliakoff The Lost Prince, una biografia della vita del fratello più giovane, John, il quale, soffrendo di epilessia, venne isolato dal resto della famiglia e tenuto lontano dai riflettori fino alla morte all'età di tredici anni. Nel film, il giovane principe "Georgie" è dipinto come sensibile, intelligente, artisticamente dotato e l'unico ad essere partecipe della brutta situazione del fratellino; viene anche tratteggiata un'avversione per il periodo al college navale ed una difficile relazione con l'austero padre.

La maggior parte della sua vita adulta venne raccontata nel documentario The Queen's Lost Uncle; la bisessualità e la dipendenza dalle droghe del Duca di Kent vennero inoltre esplorate in African Nights, una piece teatrale del 2004 di Jeffrey Corrick.

Antenati[modifica | modifica sorgente]

Giorgio Windsor Padre:
Giorgio V del Regno Unito
Nonno paterno:
Edoardo VII del Regno Unito
Bisnonno paterno:
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonno paterno:
Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonna paterna:
Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
Bisnonna paterna:
Vittoria del Regno Unito
Trisnonno paterno:
Edoardo Augusto, duca di Kent e Strathearn
Trisnonna paterna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Nonna paterna:
Alessandra di Danimarca
Bisnonno paterno:
Cristiano IX di Danimarca
Trisnonno paterno:
Federico Guglielmo, duca di Schleswigh-Holstein-Sonderburg-Glùcksburg
Trisnonna paterna:
Luisa Carolina d'Assia-Kassel
Bisnonna paterna:
Luisa d'Assia-Kassel
Trisnonno paterno:
Guglielmo d'Assia-Kassel
Trisnonna paterna:
Luisa Carlotta di Danimarca
Madre:
Maria di Teck
Nonno materno:
Francesco di Teck
Bisnonno materno:
Alessandro di Württemberg
Trisnonno materno:
Ludovico Federico Alessandro di Württemberg
Trisnonna materna:
Enrichetta di Nassau-Weilburg
Bisnonna materna:
Claudine Rhédey von Kis-Rhéde
Trisnonno materno:
László Rhédey von Kis-Rhéde
Trisnonna materna:
Ágnes Inczédy von Nagy-Várad
Nonna materna:
Maria Adelaide di Hannover
Bisnonno materno:
Adolfo di Hannover
Trisnonno materno:
Giorgio III del Regno Unito
Trisnonna materna:
Carlotta di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonna materna:
Augusta d'Assia-Kassell
Trisnonno materno:
Federico d'Assia-Kassel
Trisnonna materna:
Caterina Polissena di Nassau-Usingen

Titoli nobiliari e stemma[modifica | modifica sorgente]

Lo stemma personale del principe George, duca di Kent.
Il monogramma personale del principe George, duca di Kent.

Titoli[modifica | modifica sorgente]

  • 20 dicembre 1902 – 6 maggio 1910: Sua Altezza Reale Principe Giorgio di Galles
  • 6 maggio 1910 – 12 ottobre 1934: Sua Altezza Reale Il Principe Giorgio
  • 12 ottobre 1934 – 25 agosto 1942: Sua Altezza Reale Il Duca di Kent

Stemma[modifica | modifica sorgente]

Nel periodo in cui il fratello maggiore, il principe Enrico, compiva ventuno anni, a Giorgio venne consentito di utilizzare lo stemma reale, differenziandolo con una banda di argento a tre punte, ognuna delle quali recante un'ancora azzurra.[16]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera
— 1923
Cavaliere dell'Ordine del Cardo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Cardo
— 1935
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Michele e Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Michele e Giorgio
— 1924
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano
— 1934
Royal Victorian Chain - nastrino per uniforme ordinaria Royal Victorian Chain
— 1936


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Picknett, Lynn, Prince, Clive, Prior, Stephen & Brydon, Robert (2002); War of the Windsors: A Century of Unconstitutional Monarchy, Mainstream Publishing, p. 153. ISBN 1-84018-631-3.
  2. ^ Yvonne's Royalty Home Page: Peerage
  3. ^ Picknett, Prince, Prior & Brydon, p. 82.
  4. ^ Picknett, Prince, Prior & Brydon, p. 56
  5. ^ Brandreth, Gyles (2004), Philip and Elizabeth: Portrait of a Marriage, London: Century. ISBN 0-7126-6103-4
  6. ^ Coward, Noel, The Letters of Noel Coward, Alfred A. Knopf, 2007
  7. ^ Moore, Lucy, Maharanis, Viking, 2004.
  8. ^ Picknett, Prince, Prior & Brydon, p. 57
  9. ^ Picknett, Prince, Prior & Brydon, p. 58
  10. ^ Westminster, Loelia, Duchess of, Grace and Favour, Weidenfeld Nicholson, 1961
  11. ^ Prince George, Duke of Kent
  12. ^ Charles Higham, The Duchess of Windsor: The Secret Life, second, revised edition, 2005
  13. ^ Royal Nazis and the Scottish connection su www.martinfrost.ws
  14. ^ Pickett, Prince and Prior, Double Standards: The Rudolf Hess cover up, Time-Warner books, 2002, p427-435
  15. ^ Pickett, Prince and Prior, The War of the Windsors, Mainstream, 2002, p187
  16. ^ Heraldica – British Royal Cadency

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Miller, Peter, "The Other Prince", The Sunday Times, 6 gennaio 2003
  • Warwick, Christopher, George and Marina, Duke and Duchess of Kent, London, Weidenfeld and Nicolson, 1988, ISBN 0-297-79453-1

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Duca di Kent Successore
Nuova creazione 1934-1942 Edward Windsor, duca di Kent
Predecessore Gran Maestro della Loggia madre inglese della Frammassoneria Successore
Arturo di Sassonia-Coburgo-Gotha 1939-1942 Henry Lascelles, 6º conte di Harewood

Controllo di autorità VIAF: 37715549 LCCN: nr89003846