Geografia del Texas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Texas.

Mappa del Texas

Il Texas si estende tra i 25°50' e 36°30' di latitudine nord e tra i 93°31' e i 106°38' di longitudine ovest[1]. L'estremità settentrionale del Texas è posta circa alla stessa latitudine della città di Tunisi, mentre il sud è alla stessa latitudine della città di Luxor in Egitto. La città situata più a ovest è El Paso. Con i suoi 696.241 km², il Texas è il secondo Stato più grande degli USA dopo l'Alaska, il che spiega la sua grande varietà di paesaggi. Esso si estende da nord a sud per 1.300 km e da est a ovest per 1.400 km[1] e presenta oltre 1.000 km di coste affacciate sul Golfo del Messico (a sud-ovest)[2]. La maggior parte del Texas è posto sul fuso orario degli stati centrali (UTC-6) e solo la regione più occidentale (contee di El Paso e Hudspeth) appartiene al fuso orario delle montagne (UTC-7)[3].

Clima[modifica | modifica sorgente]

Carta delle precipitazioni annue.
Carta delle temperature medie annue.
Tempesta sull'Enchanted Rock.

A causa delle sue dimensioni, il Texas è caratterizzato da una notevole varietà climatica, e tanto le precipitazioni, quanto le temperature, variano con la latitudine e l'altitudine sul livello del mare[4].

Le precipitazioni annue sono comprese tra i 1.538,5 mm della Contea di Jasper nell'est, e i 239,5 mm di El Paso nell'estremo occidente[4]. Il record massimo di temperatura è di 49 °C, registrato a Seymour il 12 agosto 1936 e a Monahans il 28 giugno 1994. Il record minimo è invece di -31 °C, misurato a Tulia il 12 febbraio 1899 e a Seminole l'8 febbraio 1933[5].

Il sud-est del Texas presenta un clima temperato umido e in esso si riscontra una vegetazione simile a quella della vicina Louisiana. Le precipitazioni sono superiori ai 1.000 mm annui e sono distribuite abbastanza regolarmente nel corso dei vari mesi, con un massimo in estate e lungo la costa. La temperatura media annua è al di sopra dei 15 °C. Le estati sono calde e umide, gli inverni freschi. L'escursione termica annuale è relativamente elevata, soprattutto nell'entroterra. Tra maggio e settembre, queste regioni sono colpite da tempeste e uragani che causano spesso gravi danni materiali[4][6].

L'ovest si presenta più arido, con una temperatura un po' moderata a causa dell'altitudine. L'irrigazione è necessaria per l'agricoltura, e la vegetazione si è adattata alla siccità[4].

La maggior parte dello Stato appartiene alla regione naturale delle Grandi Pianure[7]. La zona settentrionale presenta un clima di tipo continentale con un'elevata escursione termica[4]. La neve copre il suolo per tutto l'inverno e cade con una media di circa 58 centimetri annui. Nella stagione fredda il blizzard può paralizzare le reti di trasporto, e e cold waves possono far abbassare improvvisamente le temperature.[8]. Un altro tipico elemento del clima texano è rappresentato dai tornado, fenomeni violenti e puntuali riguardanti questa parte della Tornado Alley; essi nascono dall'unione dell'aria tropicale con l'aria più fredda proveniente da nord[9]. In estate i venti caldi causano fenomeni quali la siccità e l'erosione del suolo, come nel Dust Bowl degli anni 1930, mentre le improvvise piogge talvolta possono causare inondazioni da parte dei fiumi[4].

Grafico climatico di Houston.
Grafico climatico di Dallas.
Grafico climatico di El Paso.

Temperature[modifica | modifica sorgente]

Temperature medie (alta e bassa) espressa in gradi (°F) di alcune fra le principali città del Texas[10]
Città Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic
Abilene 55/32 61/37 69/44 77/52 85/61 91/69 95/72 94/71 87/64 78/54 65/42 57/34
Amarillo 49/23 54/27 62/34 71/42 79/52 87/61 91/65 89/64 82/56 72/45 58/32 50/24
Austin 60/40 65/44 73/51 79/58 85/65 91/71 95/73 96/73 90/69 81/60 70/49 62/42
Brownsville 69/50 72/53 78/59 82/65 87/72 91/75 92/75 93/75 89/73 84/66 77/59 70/52
Corpus Christi 66/46 70/49 76/56 81/62 86/69 90/74 93/74 93/75 90/72 84/64 75/55 68/48
Dallas 55/36 61/41 69/49 77/56 84/65 92/73 96/77 96/76 89/69 79/58 66/47 57/39
Del Rio 63/40 68/44 76/52 83/59 89/67 94/72 96/74 96/74 91/69 82/61 71/49 63/41
El Paso 57/33 63/38 70/44 78/51 87/61 95/69 94/72 92/70 87/64 78/52 66/40 57/33
Fort Worth 55/31 61/36 68/44 76/52 83/61 91/69 97/72 96/72 89/65 79/55 67/44 58/35
Galveston 62/50 64/52 70/58 75/65 81/72 87/78 89/80 89/79 87/76 80/68 71/59 64/52
Houston 63/45 67/48 74/55 79/61 86/68 91/74 94/75 93/75 89/72 82/62 73/53 65/47
Laredo 68/44 73/48 82/56 89/63 95/70 100/74 102/75 99/75 93/71 86/63 76/53 68/45
Lubbock 52/24 58/29 66/36 75/45 83/56 90/64 92/68 90/66 83/58 74/47 62/35 53/26
Midland 60/29 66/34 74/41 82/48 89/58 94/65 96/68 94/67 88/61 80/51 68/39 61/31
Port Arthur 61/43 65/46 72/52 78/59 84/66 89/72 92/74 92/73 88/69 80/60 71/51 64/45
San Angelo 58/29 63/34 71/42 79/50 86/59 91/66 95/70 94/68 88/63 79/51 67/39 59/31
San Antonio 62/39 67/43 74/50 80/57 86/66 91/72 95/74 95/74 90/69 82/59 71/49 64/41
Victoria 63/44 67/47 73/54 79/60 85/68 90/73 93/75 94/75 90/70 83/62 73/52 65/45
Waco 57/33 62/38 70/46 78/53 84/63 91/70 96/74 96/73 90/66 79/57 68/45 59/36
Wichita Falls 52/29 58/34 67/41 76/49 84/59 92/68 97/72 96/71 88/64 77/52 64/40 54/31

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Carta altimetrica del Texas.
Hill Country, regione geografica posta nel centro dello Stato.

Il Texas costituisce una zona di transizione tra le Grandi Pianure e le Montagne Rocciose[11]. I rilievi sono posti in senso longitudinale e la massima elevazione è Guadalupe Peak (2.667 metri sul livello del mare). Tuttavia le pianure, le colline e gli altopiani costituiscono il paesaggio dominante, tenendo conto che l'altitudine media è di 520 m[12].

Le coste del Golfo del Messico sono basse e frastagliate da baie ed estuari. Sono fiancheggiate da diverse grandi isole, la più grande delle quali è Padre Island (542 km²)[13].

Il Texas meridionale, occupato da parte della piana costiera che si estende dalla Florida al Messico, è relativamente pianeggiante o leggermente ondulato, con altitudini inferiori ai 300 metri e favorevole alle attività umane[14].

Il Texas centrale è costituito da altipiani pianeggianti delimitati da scarpate (scarpata di Balcones, scarpata di Caprock) e rappresenta la zona di transizione tra le Grandi Pianure e la piana costiera[15]. L'altopiano Edwards ricopre una vasta regione del Texas centro-meridionale e funge da raccordo con le Grandi Pianure[16]. Più a nord è posto il Llano Estacado, considerato una delle più grandi mesas del Nord America[17], e il Panhandle, composto di altipiani e pianure disseminate di canyons. Qui si trova il canyon di Palo Duro, il secondo più esteso degli Stati Uniti dopo il Grand Canyon del Colorado[18].

Infine è da segnalare anche il Trans-Pecos, un complesso di catene montuose, altipiani e graben aridi o semi-aridi situato nell'estremità orientale dello Stato[19].


Principali montagne del Texas (> 2300 m)[20]
Nome Catena montuosa Altitudine (m)
01 Guadalupe Peak Monti Guadalupe 2 667
02 Bush Mountain 2 631
03 Shumard Peak 2 626
04 Bartlett Peak 2 593
05 Monte Livermore 2 554
06 Hunter Peak 2 551
07 El Capitán 2 464

Idrografia[modifica | modifica sorgente]

Il Texas è bagnato da circa 3.700 fiumi e 15 sistemi fluviali, per una lunghezza totale di 307.385 km[21]. La maggior parte di essi scorre in direzione nord-ovest/sud-est. Il Rio Grande è quello principale sia per lunghezza che per importanza. Nasce sulle Montagne Rocciose, nello stato del Colorado, e scorre per 3.034 km, di cui 2.018 segnano il confine tra Stati Uniti e Messico. La sua portata media è di 160 m³ al secondo[22]. Il suo maggiore affluente è il Pecos che scorre per una lunghezza totale di 1.490 km, compreso il suo corso iniziale in Nuovo Messico (la sua sorgente è infatti sui Monti Sangre de Cristo)[23]. Con i suoi 607.000 km² il bacino idrografico del Rio Grande è uno dei più estesi di tutto l'ovest americano, includendo anche una porzione di Messico settentrionale. Forma un piccolo delta sabbioso prima di gettarsi nel Golfo del Messico[22].

Il Brazos è il fiume più lungo completamente contenuto in questo Stato: misura infatti 2.060 km ed è l'undicesimo negli Stati Uniti[24]. Il suo bacino idrografico si estende su una superficie di circa 116.000 km²[25].

Un altro importante fiume è il Colorado del Texas, che ha le sue sorgenti vicino a Lamesa. Nel suo tragitto attraversa la città di Austin prima di gettarsi nel Golfo del Messico dopo un percorso di 1.380 km[26]. Altri fiumi texani sono il Sabine (893 km), il Trinity (885 km), il Neches (669 km) e il Rio Nueces (507 km). Tutti concludono il loro corso nel Golfo del Messico[27].

Lo Stato è attraversato anche da numerosi affluenti del Mississippi. Uno di essi, il Red River, si estende per 2.190 km di lunghezza, di cui 1.030 rappresentano il confine settentrionale dello Stato[28]. Il Canadian è invece un affluente del fiume Arkansas, a sua volta affluente del Mississippi, e attraversa il Texas Panhandle[29]. Infine, nelle regioni aride dell'ovest, alcuni fiumi hanno un carattere temporaneo[21].

Il lago Caddo è il più grande lago naturale del Texas: si trova nella regione orientale e possiede una superficie di ed è 103 km²[30]. Diverse dighe sono presenti sul fiume Colorado, dando forma a bacini quali il lago Buchanan (90,4 km²)[31] e il lago Travis (77 km²)[32]. In totale sono presenti più di 180 laghi e bacini artificiali, situati soprattutto nella zona orientale[33]. Da segnalare anche il bacino Sam Rayburn, uno dei più importanti bacini artificiali texani, esteso per 5,9 km di lunghezza e con una superficie di 463 km²[34].

Le infiltrazioni d'acqua nelle rocce calcaree hanno inoltre dato vita alla formazione di grotte e caverne in diverse regioni come l'altopiano Edwards (Inner Space Cavern, Natural Bridge Cavern, Wonder Cave). La falda acquifera qui situata si estende su circa 10.300 km² e fornisce acqua a oltre due milioni di persone[35].

Ambiente[modifica | modifica sorgente]

L'armadillo è uno degli animali simbolo del Texas.

Il Texas a causa delle sue dimensioni presenta una notevole varietà di ecosistemi. I principali sono paludi e lagune lungo la costa, foreste nella regione orientale e centrale, praterie a nord e deserti e montagne a ovest[36]. Alcune aree sono state dichiarate parchi naturali: il Parco nazionale di Big Bend, il Parco nazionale dei Monti Guadalupe e il Parco statale del Canyon di Palo Duro na sono alcuni esempi[37].

Anche la fauna e la flora del Texas sono molto diversificate. Sono originarie di questo Stato circa un centinaio di specie di mammiferi e altrettante di rettili, di cui i più pericolosi sono il crotalo e il mocassino d'acqua[33]. Circa 550 specie di uccelli vivono qui, quasi i tre quarti di quelle viventi negli Stati Uniti[33]. Anche gli animali divenuti ormai simboli dello Stato rivelano la sua grande biodiversità: il mimo settentrionale per gli uccelli, il pesce persico del Guadalupe per i pesci, l'armadillo a nove fasce, il pipistrello senza coda messicano e il longhorn per quanto concerne i mammiferi, la lucertola cornuta del Texas tra i rettili e la farfalla monarca e il buccino comune per gli invertebrati[38]. Le piante riconosciute come simbolo dello Stato sono invece il peperoncino, il fico d'india, il lupino, la cipolla dolce e il pecan[38][39]. Infine molte sono le specie protette dal governo, come il bisonte americano, il puma, l'antilocapra e il lupo rosso[40].

L'ambiente del Texas è tuttavia minacciato dai cambiamenti climatici e dalle attività umane: la frequenza delle tempeste e degli uragani erode la costa, che è anche soggetta ai mutamenti del terreno[6], e l'inquinamento industriale minaccia i fiumi, le baie e le falde acquifere sotterranee[36]. Houston è la città più inquinata dello Stato. L'intensità di irrigazione e l'eccessivo sfruttamento dei pascoli minaccia invece il nord e l'ovest dello Stato[36].

Geologia[modifica | modifica sorgente]

La parte del Texas geologicamente più antica è quella del Llano Uplift, situato nel centro del Texas Hill Country: le rocce granitiche del Precambriano che si trovano in questo sito hanno un'età di circa 1,1 miliardi di anni e costituiscono i resti di un'antica catena montuosa erosa[41]. La zona più conosciuta agli abitanti e ai turisti è l'Enchanted Rock[42].

Alla fine del Paleozoico (290 milioni di anni fa), la collisione del Nord America con il Sud America diede vita ad una catena di montagne (orogenesi di Ouachita del Pennsylvaniano) i cui resti sono ancora visibili nelle Marathon Mountains, situate tra le catene occidentali e l'altopiano Edwards[41]. Durante questo periodo si formò anche la scarpata di Balcones[43].

Nel permiano, circa 280 milioni di anni fa, i Monti Ouachita erano delimitati dal mare ad ovest; in fondo ad esso si andarono depositando resti di microrganismi, minerali e sedimenti da erosione. Questi depositi, soprattutto quelli situati nel bacino permiano di Midland e in quello di Odessa, vennero successivamente ricoperti da strati di sedimentari e iniziarono il lento processo che li trasformò in petrolio[44]. Le rocce del permiano sono attualmente visibili nel Canyon di Palo Duro e nei Monti Guadalupe[18][45]. Successivamente l'apertura del Golfo del Messico nel Mesozoico causò una spaccatura a sud dei Monti Ouachita ed ebbe un notevole impatto sulla geomorfologia del Texas: grandi quantità di sale e calcare infatti si depositarono sotto l'attuale piana costiera nel Giurassico, quando i primi mari poco profondi andavano formandosi[46]. L'accumulo di strati sedimentari nel Cretaceo è all'origine dell'altopiano Edwards[16].

Paesaggio del Trans-Pecos

Dalla fine del Cenozoico, il sollevamento geologico di buona parte degli Stati Uniti occidentali portò alla formazione delle Montagne Rocciose e di altre catene montuose e bacini nella regione del Trans-Pecos. L'Eocene e l'Oligocene furono invece caratterizzati da un'intensa attività vulcanica in questa regione[41].

Dalla metà del Terziario al Quaternario, gli altipiani furono progressivamente coperti da sedimenti strappati dai fiumi alle Montagne Rocciose situate più a ovest. Il sollevamento delle Montagne Rocciose e l'erosione dei fiume diede luogo anche a canyon come quello di Palo Duro e a scarpate quali Caprock e Mascalero. La maggior parte delle valli furono scavate nel Pleistocene, dando forma all'attuale geologia della regione interna[47].

Ugualmente nel terziario si formò la piana costiera in seguito all'accumulo di fango, limo e sabbia. Con il ritiro del mare durante il Cenozoico cominciò a disegnarsi il litorale attuale del Texas, composto da depositi sedimentari apportati progressivamente[47].

Il Texas non è mai stato colpito da violenti terremoti: uno dei più importanti fu il quello di Valentine del 16 agosto 1931, che tuttavia non causò eccessivi danni[48]. Le regioni più vulnerabili al rischio sismico sono il Trans-Pecos, e, in misura minore, il nord dello Stato[49].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Geografia del Texas, Netstate. URL consultato il 04-07-2009.
  2. ^ (EN) Meraviglie naturali e fatte dall'uomo, Texas Historical Commission. URL consultato il 30-10-2008.
  3. ^ (EN) Fusi orari negli Stati Uniti, Timetemperature. URL consultato il 05-07-2009.
  4. ^ a b c d e f (EN) George Bomar, Clima in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato l'11-07-2009.
  5. ^ (EN) Record delle temperature in Texas. URL consultato l'11-07-2009.
  6. ^ a b (EN) Roy Sylvan Dunn, Uragani in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato l'11-07-2009.
  7. ^ (EN) Grandi Pianure, Infoplease.com. URL consultato l'11-07-2009.
  8. ^ (EN) Cold Wave in Glossary of meteorology, American Meteorological Society. URL consultato l'11-07-2009.
  9. ^ (EN) Roy Sylvan Dunn, Tornado in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato l'11-07-2009.
  10. ^ Texas Weather
  11. ^ (EN) E. H. Johnson, Regioni naturali del Texas in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato il 09-07-2009.
  12. ^ (EN) Geografia del Texas, Netstate. URL consultato il 09-07-2009.
  13. ^ (EN) Art Leatherwood, Padre Island in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato il 09-07-2009.
  14. ^ (EN) E. H. Johnson, Pianure del Texas meridionale in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato il 09-07-2009.
  15. ^ (EN) Montagne del Texas in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato il 09-07-2009.
  16. ^ a b (EN) E. H. Johnson, Altopiano Edwards in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato il 09-07-2009.
  17. ^ (EN) Art Leatherwood, Llano Estacado in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato il 09-07-2009.
  18. ^ a b (EN) William Conroy, Canyon di Palo Duro in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato il 09-07-2009.
  19. ^ (EN) Robert Schmidt, Trans-Pecos in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato il 09-07-2009.
  20. ^ elenco montagne più alte del texas
  21. ^ a b (EN) Guida ai fiumi del Texas, Texas parks and wildlife. URL consultato il 10-07-2009.
  22. ^ a b (EN) Leon Metz, Rio Grande in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato il 10-07-2009.
  23. ^ (EN) Delmar Hayter, Fiume Pecos in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato il 10-07-2009.
  24. ^ (EN) Kammerer, op. cit.
  25. ^ (EN) Kenneth Hendrickson, Fiume Brazos in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato l'11-07-2009.
  26. ^ (EN) Comer Clay, Diana Kleiner, Fiume Colorado (Texas) in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato l'11-07-2009.
  27. ^ (EN) Hal Bybee, Fiumi del Texas in Handbook of Texas Online, Tes State Historical Association. URL consultato l'11-07-2009.
  28. ^ (EN) Diana Kleiner, Red River in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato il 24-09-2008.
  29. ^ (EN) Hobart Huson, Fiume Canadian in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato l'11-07-2009.
  30. ^ (EN) Lago Caddo, Sito ufficiale. URL consultato l'11-07-2009.
  31. ^ (EN) Seth Breeding, Lago Buchanan in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato l'11-07-2009.
  32. ^ (EN) Seth Breeding, Lago Travis in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato l'11-07-2009.
  33. ^ a b c (EN) Texas, Enciclopedia Britannica Online. URL consultato il 26-09-2008.
  34. ^ (EN) Informazioni sul Bacino Sam Rayburn, United States Army Corps of Engineers. URL consultato il 30-10-2008.
  35. ^ (EN) Falda acquifera dell'Edwards, Environmental Science Institute, University of Texas at Austin. URL consultato il 24-09-2008.
  36. ^ a b c (EN) Ambiente naturale del Texas in Texas Almanac, Texas State Historical Association, 2008-2009. URL consultato il 06-07-2009.
  37. ^ (EN) Parchi naturali in Texas, National Park Service. URL consultato il 01-08-2009.
  38. ^ a b (EN) Simboli del Texas, Netstate. URL consultato il 01-09-2009.
  39. ^ (EN) Fauna e flora del Texas. URL consultato il 01-08-2009.
  40. ^ (EN) Specie a rischio in Texas, Endangeredspecie.com. URL consultato il 01-08-2009.
  41. ^ a b c (EN) Tucker Hentz, Geologia in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato il 12-07-2009.
  42. ^ (EN) Art Leatherwood, Enchanted Rock in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato il 12-07-2009.
  43. ^ (EN) Scarpata di Balcones in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato il 12-07-2009.
  44. ^ (EN) pp. 4-7, op. cit., Spearing
  45. ^ (EN) Martin Donell Kohout, Monti Guadalupe in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato il 12-07-2009.
  46. ^ (EN) Spearing, op. cit., p. 8
  47. ^ a b (EN) Spearing, op. cit., pp. 10-11
  48. ^ (EN) Hake, op. cit.
  49. ^ (EN) Erika Murr, Terremoti in Handbook of Texas Online, Texas State Historical Association. URL consultato il 12-07-2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]